Home > Senza categoria > ATTUALITA’ – Uffici aperti alla nuova Provincia

ATTUALITA’ – Uffici aperti alla nuova Provincia

6 Maggio 2005


UFFICI APERTI NELLA NUOVA PROVINCIA
Da lunedì a Carbonia e Iglesias dipendenti al lavoro in attesa che si riunisca il Consiglio.
Distribuita tra due sedi una task force di 14 impiegati.

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

I mobili che arrederanno l’ufficio del presidente sono ancora imballati in via Fertilia, in una delle stanze del grande edificio a due piani circondato dai pini. «Deciderà lui dove e come dovranno essere montati», spiega un operaio. Ma è l’unica incertezza. La nuova Provincia del Sulcis, infatti, da qualche giorno non è più un ente virtuale. Una sede con sale riunioni e uffici, anzi due; una task force di funzionari e impiegati.

Le risorse
La Provincia ha mosso i primi passi. Da lunedì mentre, chiuse le urne, inizierà la conta dei voti, il nuovo ente inizierà ufficialmente l’attività. Per qualche giorno sarà sotto la guida del commissario nominato dalla Regione. Ma durerà fino all’insediamento del nuovo presidente che prenderà immediatamente le redini convocando (sarà il suo primo atto), il Consiglio.

I nuovi uffici
Ieri gli operai stavano dando l’ultima mano di vernice alla facciata del grande edificio di via Fertilia, a Carbonia, che la Provincia di Cagliari si appresta a trasferire a quella di Carbonia-Iglesias. Al piano superiore sono stati arredati di tutto punto dodici uffici e alcune sale riunioni. I telefoni sono già allacciati e i computer pronti per entrare on line. Ma l’edificio potrebbe tranquillamente accogliere una cinquantina di uffici. Altri locali sono stati predisposti a Iglesias, in via Pullo, in un edificio che il Comune aveva già messo a disposizione della provincia di Cagliari. Anche lì arredi, telefoni e computer sono pronti.

Il personale
La prima task force di dipendenti della nuova Provincia di Carbonia-Iglesias prenderà servizio tra sabato e lunedì. Si tratta di funzionati e impiegati che si insedieranno tra le sedi di Carbonia e quella di Iglesias. Ci sono, però, altri trenta dipendenti della vecchia Provincia che hanno chiesto di essere trasferiti nel Sulcis. Ma l’organico del nuovo ente dovrà essere di 110 dipendenti. Arriveranno, oltre che dagli uffici cagliaritani, anche da altri enti pubblici (Consorzi e Comunità montane) dove sono già numerose le domande di mobilità.

Le risorse
Il bilancio della nuova provincia è ancora un’entità astratta. La Regione ha affidato al commissario straordinario una somma attorno al mezzo milione di euro per fronteggiare le prime esigenze organizzative, primo tra tutti l’allestimento delle sedi. Ma altre risorse sono a disposizione in uno dei capitoli del bilancio regionale. La Provincia del Sulcis, inoltre, avrà diritto alla sua quota parte dei trasferimenti dello Stato. Dovrebbero ammontare a circa 11 milioni di euro.

La sede
La prima riunione del Consiglio provinciale verrà convocata dal nuovo presidente (sono cinque i candidati in corsa). Lo stesso dovrà anche decidere dove insediare la presidenza e dove riunire l’assemblea provinciale. Il Comune di Carbonia ha già messo a disposizione del nuovo Consiglio la sala polifunzionale dell’ex dopolavoro di via Roma con la possibilità di utilizzare anche alcuni degli uffici della vicina Torre Civica. Lo stesso ha fatto l’amministrazione di Iglesias con la sala consiliare del Comune. Al presidente della nuova Provincia, così, non resterà che l’imbarazzo della scelta.

[ Sandro Mantega ]
- da L’UNIONE SARDA del 06/05/2055 -

Riferimenti: L’UNIONE SARDA

I commenti sono chiusi.