Archivio

Archivio 13 Maggio 2005

SOCIALE – E’ nata l’Associazione AMNITESE Onlus

13 Maggio 2005 Commenti chiusi

SOCIALE

E’ NATA L’ASSOCIAZIONE AMANITESE ONLUS

E’ UFFICIALMENTE PARTITA LA CAMPAGNIA DI TESSERAMENTO PER L’ASSOCIAZIONE AMANITESE ONLUS. ASSOCIAZIONE DI NUOVA COSTITUZIONE.

L’Associazione AMANITESE Onlus è un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale. L’Associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, nel campo della promozione di una cultura non violenta.

ATTIVITÀ
Diffusione dei principi di pari opportunità fra uomini e donne e di valorizzazione della differenza sessuale, culturale, politica e religiosa; Favorire la collaborazione e l’organizzazione, nelle forme ritenute più opportune di cooperazioni e iniziative comuni con altri Enti e associazioni nazionali, europee ed extra – europee, pubbliche e private, che abbiano fini in armonia con quelli dell’Associazione o che perseguano fini analoghi e complementari al raggiungimento degli scopi esposti; Promuovere l’adozione di politiche e azioni che favoriscano la tutela della salute psico-fisica dell’individuo ed il contrasto di ogni tipo di violenza e disagio rivolti a donne, bambini e giovani.

FINALITÀ
Programmi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria (educativa di strada, interventi nelle scuole, ecc…), sensibilizzazione ed intervento rivolti ad autori e vittime di atti di violenza (all’interno del nucleo familiare; prostituzione coatta e disagi ad essa correlati come, ad esempio, tossicodipendenza, alcolismo, ecc…); Promuovere la formazione e la sensibilizzazione per permettere alle vittime o alle persone vulnerabili di proteggersi maggiormente dalla violenza; Far conoscere l’entità e la complessità del fenomeno “violenza in famiglia”, analizzando l’aspetto psicologico, fisico e sociale; Far emergere il vissuto e la sofferenza delle donne di fronte alla violenza che viene dalle persone che ama e di cui si fida maggiormente; Veicolare informazioni e aggiornamenti di carattere scientifico e divulgativo promovendo e producendo materiale editoriale (pubblicazioni periodiche e occasionali); Organizzare seminari tematici e periodici; Studi, analisi, indagini e ricerche di natura specifica o generica; Creare una mappatura italiana di centri e realtà con finalità affini; Promuovere la formazione continua e permanente rivolta a tutti quei soggetti coinvolti, a più livelli, nella relazione col disagio (operatori sociali, volontari, forze dell’ordine, ecc…); Gestione di centri d’ascolto, sportelli informativi e strutture ospitanti; Creazione e gestione di gruppi di auto-aiuto.

QUOTA SOCI SOSTENITORI – Euro 10,00 (annuale)
QUOTA SOCI BENEFATTORI – Euro 20,00 (annuale)

PER INFORMAZIONI, CONTATTI E TESSERAMENTI
http://web.tiscali.it/amanitese
amanitese@tiscali.it

Riferimenti: Associazione AMANITESE Onlus

CINEMA – Nascosto nel buio

13 Maggio 2005 Commenti chiusi


CINEMA

- IN PROGRAMMAZIONE A SANT’ANTIOCO -

NASCOSTO NEL BUIO
(Hide and Seek)

Anno – 2005
Nazione – U.S.A.
Distribuzione – 20th Century Fox
Durata – 100′
Genere – Thriller/Horror
Regia – John Polson
Cast – Robert De Niro, Dakota Fanning, Amy Irving, Famke Janssen, Elisabeth Shue
Sceneggiatura – Ari Schlossberg
Fotografia – Dariusz Wolski
Musiche – John Ottman
Montaggio – Jeffrey Ford
Data di uscita al cinema – 11 Marzo 2005
Sito ufficiale – www.hideandseekthemovie.com

“Nascosto nel buio” (titolo originale: Hide and Seek) vuole essere un thriller palpitante e, volendo, gli ingredienti giusti ci sarebbero tutti: un padre apprensivo, una bambina “difficile”, un legame con la madre spezzato dall’improvviso suicidio di quest’ultima, la ricerca di una nuova vita in una casa abbastanza isolata e quell’indispensabile dose di mistero sul passato e sul presente che rende un film thriller appassionante. Non mancano nemmeno gli evidenti richiami alle atmosfere horror dei numerosi film del genere così in voga negli ultimi anni.
Se poi il padre in questione, David, che di professione fa lo psicologo affermato, è interpretato da un certo Robert De Niro, lo spettatore può entrare in sala con la certezza di andare sul sicuro.
La pellicola è dunque costruita attorno alle conseguenze di un trauma che ha sconvolto la vita dei due protagonisti, padre e figlia.
La figlia, Emily, interpretata da una giovanissima Dakota Fanning (la vedremo anche nell’attesissimo “La guerra dei mondi” di Spielberg), dopo il trasferimento abbandona bambole e giochi infantili rimpiazzandoli con Charlie, un ragazzino immaginario.
La cosa non dispiace al padre ma ben presto lo psicologo scoprirà una realtà ben diversa e sconcertante.
Charlie è reale o frutto della fantasia della figlia ?
E perché Charlie non si mostra mai agli occhi dello psicologo, se non per terrorizzarlo ?
Il finale svelerà l’oscuro segreto (anche se molti lo capiranno ben prima).
Si avverte, per tutta la durata di questo lungometraggio quella sensazione di già visto, di “niente di nuovo”, che caratterizza tanti filmetti horror.
Il regista, John Polson, riesce a tenere alta la tensione ma lo fa fino a un certo punto. In generale il film rischia sempre di perdersi negli stereotipi del genere ed in effetti sorpresa che di pauroso hanno ben poco.
Il film sembra poi crogiolarsi nelle innumerevoli citazioni che lo contraddistinguono ( Funny games, Ju-On, Psycho, Secret Windows, persino il meraviglioso Mystic River di Eastwood). “Nascosto nel buio” però, alla fine, appare niente di più che l’ennesimo “nipotino sbagliato” di film indimenticabili come “Shining” o “Il Sesto senso”.
La sceneggiatura di Ari Schlossberg poi lascia un pò a desiderare, appare alquanto maldestra e sconclusionata, con personaggi che si volatilizzano all’improvviso nel nulla, altri che invece appaiono misteriosamente, e quel senso di continuo “deja-vu” del quale si è già detto.
Tutto sommato accettabile la prova del cast, con un De Niro che offre una buona interpretazione, seppure sembri lontano dalle sue migliori interpretazioni. Altrettanto brava la misteriosa Dakota Fanning, piccolo astro nascente del cinema USA.
Un film che non rimarrà di certo nella storia, ma che piacerà a quanti vogliono trascorrere una serata al cinema alla ricerca di un pò (pochi a dir la verità) di brividi.

- IN PROGRAMMAZIONE A SANT’ANTIOCO -
CINEMA IL PICCOLO – via E. D’Arborea
da Venerdì 13 a Mercoledì 18 Maggio 2005

Feriali – ore 21.15
Sabato – ore 19.15 – 21.30
Domenica – ore 17.00 – 19.15 – 21.30

PREZZO DEI BIGLIETTI – Intero Euro 5,50 – Ridotto Euro 4,00
Tutti i LUNEDI’ (non festivi) Euro 4,50


Riferimenti: CINEMA IL PICCOLO

NEWS – In Breve

13 Maggio 2005 Commenti chiusi

CARBONIA – Oggi, alle ore 16, presso la nuova aula consiliare, in piazza Roma, si terrà un convegno dal titolo “La mediazione familiare, realtà territoriali a confronto”, sull’importanza della famiglia, della sua unione, dei problemi che genitori e figli devono affrontare. Il convegno è organizzato dall’Ufficio Pastorale per la famiglia della Diocesi di Iglesias, diretto da don Amilcare Gambella, con il patrocinio del Comune. Interverranno, oltre a numerosi esperti, tra gli altri anche il vescovo Tarcisio Pillolla, il sindaco Tore Cherchi, il neo presidente della Provincia di Carbonia-Iglesias, Pierfranco Gaviano.

SARDEGNA – Si terrà dal 16 al 22 maggio in tutta l’Isola la “Settimana della cultura”. Saranno numerosi gli eventi e le manifestazioni che si svolgeranno in ben 35 località sarde. Tutto un susseguirsi di mostre, conferenze, convegni, visite guidate, rappresentazioni teatrali, concerti e degustazioni dei prodotti tipici, dunque, per questa VII edizione dell’iniziativa. Per avere informazioni più dettagliate su date ed eventi è possibile contattare i siti www.beniculturali.it e www.sardegna.beniculturali.it

INIZIATIVALA GAZZETTANTIOCHENSE, in occasione della seconda edizione della campagna di raccolta fondi per il restauro dei beni culturali, promuove il voto a favore dell’unica opera sarda inserita nella lista delle partecipanti. Si tratta del Nuraghe Is Paras di Isili. Per sostenere questa campagna è necessario inserire la propria preferenza cliccando su “ISILI – Nuraghe Is Paras” , nel sito Fondazione Città Italia. Le prime 10 opere in classifica più votate dovrebbero venire inserite tra i prossimi progetti da finanziare. Dunque…VOTATE PER ISILI !

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE
Quale città, secondo voi, fra le tre principali del Sulcis-Iglesiente, dovrebbe essere la sede della nuova provincia ?
- CARBONIA
- IGLESIAS
- SANT’ANTIOCO
gazzettantiochense@tiscali.it

ATTUALITA’ – S. Antioco. Entro l’anno il dragaggio dei fondali

13 Maggio 2005 Commenti chiusi

ATTUALITA’

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

TRE MILIONI IN CASSA, SI DISINCAGLIA IL PORTO
S. Antioco. Entro l’anno il dragaggio dei fondali

I soldi sono arrivati, il Comune potrà dare il via ai lavori per il dragaggio del porto commerciale di Sant’Antioco. Ad accreditare i fondi per effettuare l’intervento, poco più di tre milioni di euro è stato l’assessorato regionale ai Lavori pubblici. Il finanziamento servirà per il dragaggio del canale di accesso e del bacino di manovra del porto e per lo smaltimento delle sabbie.

Via all’appalto
Con il trasferimento del finanziamento, la Regione ha dato anche incarico al Comune di appaltare l’opera. «Finalmente, dopo tante traversie e ritardi – afferma l’assessore ai Lavori pubblici del Comune Monica Fois – potremo realizzare quell’intervento che consentirà di rilanciare l’attività del porto». Per questo motivo, nei giorni scorsi, la giunta ha nominato quale responsabile del procedimento, l’ingegner Giovanni Battista Baghino, capo area tecnico del Comune. Sarà lui, adesso, a dover predisporre gli atti preliminari per l’appalto dei lavori dopo avere effettuato uno studio di caratterizzazione dell’area di intervento. «È stato richiesto dal ministero dell’Ambiente – continua Monica Fois – e prevede uno studio non solo delle sabbie della zona di escavo ma dei fondali di tutta l’area portuale». «Ci vorrà qualche mese - conclude l’assessore – ma entro l’anno pensiamo di poter avviare i lavori».

Il dragaggio
La necessità di dragare il canale di manovra del porto commerciale di Ponti risale ad alcuni anni fa quando una collina di sabbia che si è formata all’imboccatura del porto ha reso possibile l’attracco in banchina solo a navi mercantili di piccola stazza. Col passare del tempo la movimentazione delle merci si è ridotta a tal punto da segnare quasi la morte dello scalo portuale. Le migliaia tonnellate di carbone e la movimentazione di merci che per decenni avevano dato lavoro a decine di portuali, sono diventate un ricordo. Le banchine servono attualmente a caricare e scaricare solo piccole quantità di sale marino, pece e qualche tonnellata di billette di alluminio. Una morte annunciata alla quale si ribellò il Comune. Gli amministratori ottennero una visita alle banchine di Ponti da parte della Commissione regionale Trasporti, in seguito alla quale la Regione finanziò un intervento per l’eliminazione della sabbia che si era accumulata nei fondali. L’iter per arrivare all’appalto è stato però rallentato da problemi ambientali che hanno allungato i tempi.

Due finanziamenti
I finanziamenti sono due. Due milioni di euro sono stati stanziati dalla Finanziaria regionale del 2002 per l’esecuzione dell’intervento di dragaggio; un ulteriore milione e duecentomila euro sono arrivati successivamente dalla stessa Regione e serviranno per lo smaltimento delle sabbie. La disponibilità dei finanziamenti sblocca tutti gli ostacoli creando i presupposti per l’avvio rapido dei lavori.
[Tito Siddi]
- da L’UNIONE SARDA del 13/05/2005 –

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE
Quale città, secondo voi, fra le tre principali del Sulcis-Iglesiente, dovrebbe essere la sede della nuova provincia ?
- CARBONIA
- IGLESIAS
- SANT’ANTIOCO
gazzettantiochense@tiscali.it

Riferimenti: L’UNIONE SARDA