Archivio

Archivio 2 Giugno 2005

SPORT – Torneo della Famiglia – Terza Giornata

2 Giugno 2005 Commenti chiusi

SPORT

CALCIO A 5

TORNEO DELLA FAMIGLIA
Terza Giornata

RISULTATI

Ore 19
I GOPAIETTI 2 – ANTIOCHENSE = 13 – 5
Marcatori:
I GOPAIETTI 2 – Portas Marco(4)-Mereu Alessandro(2)-Maccioni Simone(3)-Mereu Salvatore(2)-Serra Stefano(2)
ANTIOCHENSE – Marongiu Alessio(3)-Carboni Simone-Massa Cristian

Ore 20
SU TRIAXU – OTTICA PALA = 12 – 3
Marcatori:
SU TRIAXU – Serra Cristian(5)-Marongiu Giangi(4)-Bullegas Antioco-Piloni Sergio-Usai Enrico
OTTICA PALA – La Noce Cristian(2)-La Noce Francesco

Ore 21
GIORNALAND – I DESPERADOS = 10 – 7
Marcatori:
GIORNALAND – Sinzu Marco(3)-Mileddu Michele(2)-Lai Alessio(2)-Curridori Cristian-Mereu Gianluca-Marongiu Valentino
I DESPERADOS – Ania Filippo-Giaminelli Marco(3)-Utzeri Fabrizio-Pintus Fabrizio-Avellino Fabio

CLASSIFICHE
Girone A
Giornaland – 7
GAN Assicurazioni – 4
A.C.Milan – 3
I Desperados – 0

Girone B
I Gopaietti – Su Triaxu – 6
Antiochense – Ottica Pala – 0

MARCATORI
9 reti
Marongiu Valentino (Giornaland) – Giaminelli Marco (I Desperados)
8 reti
Maccioni Simone (I Gopaietti 2) – Sinzu Marco (Giornaland)
6 reti
Mereu Luca (Giornaland) – Portas Marco (i Gopaietti 2) – Serra Cristian (Su Triaxu)
5 reti
Pusceddu Federico (Ac Milan) – Marongiu Giangi (Su Triaxu)

Le gare di oggi Giovedì 2 Giugno
Ore 19
I GOPAIETTI 2 SU TRIAXU
Ore 20
ANTIOCHENSE OTTICA PALA
Ore 21
A.C.MILAN GAN ASSICURAZIONI

APPUNTAMENTI – Buona cucina e musica, è la festa del Girotonno

2 Giugno 2005 Commenti chiusi

APPUNTAMENTI

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

CARLOFORTE
BUONA CUCINA E MUSICA, E’ LA FESTA DEL GIROTONNO
Inizia oggi la sagra e durerà quattro giorni

Carloforte, capitale mondiale del tonno di qualità, apre le porte al Girotonno. Una manifestazione nata nel 2003 che è una miscellanea di sapori antichi e moderni, cultura, artigianato, divertimento. Con la speranza che arrivino tanti turisti. In queste ore Carloforte (dove come dice lo slogan del Girotonno, “I tonni corrono e i sardi parlano genovese”), si sta rifacendo il trucco: ultimi stand da sistemare, ultimi controlli al palco per gli spettacoli musicali, vie pavesate a festa, manifesti e slogan con l’inconfondibile simbolo. Da oggi, dunque, si comincia. Alle 17 il primo appuntamento ufficiale con le Officine gastronomiche presso il teatro Cavallera, dove lo chef Kumalè (Vittorio Castellani), presenterà Di cotte e di crude: laboratorio sul tonno nella cucina genovese. Alle 22, presso il palco del molo centrale, il sindaco Marco Simeone aprirà la cerimonia di inaugurazione. Tutto pronto anche per chi volesse approfittare del Girotonno per raggiungere spiagge e scogliere dell’isola di San Pietro: nei giorni scorsi il Comune ha completato la pulizia delle spiagge. Novità importanti sul versante trasporti per reggere il prevedibile afflusso record da e per Carloforte. Sino a domenica, orari estivi con alcune varianti nelle corse da parte della Saremar per i collegamenti diurni da e per Portovesme e Calasetta (invariati gli orari Delcomar sulla linea di Calasetta).
Eccoli in dettaglio:
Partenza da Carloforte per Portovesme: 5.05; 6; 7; 8; 9; 10; 11; 12.20; 13.15; 14.30; 16; 17.05; 18.10; 19.30; 21.10; 23.10.
Da Portovesme per Carloforte: 6.10; 7; 8; 9; 10; 11; 12.05; 13.35; 14.30; 15.40; 17.10; 18.05; 19.15; 20.20; 00.05. Anche le ultime due corse saranno coperte dal Vesta, il traghetto più capiente della flotta.
Da Carloforte per Calasetta: 06.55; 08.20; 09.10; 09.45; 11.20; 12.40;14; 15; 15.35; 16.30; 17.10; 18.30.
Da Calasetta: 7.35; 9; 9.45; 10.25; 12; 13.20; 14.50; 15.40; 16.15; 17.10; 17.50; 19.10.
Il cuore della rassegna gastronomica resta il secolare, affascinante, cruento rito della mattanza, dove la pregiata preda dalle carni rosse viene catturata per poi arrivare sulla tavola. Nella giornata di lunedì, intanto, c’è stata una nuova mattanza. La decima della stagione. Nella camera della morte sono finiti una cinquantina di tonni, alcuni piccoli (una decina), altri di belle dimensioni, dai 2 ai 3 quintali. Dall’inizio della stagione siamo arrivati quasi a quota mille. Le mattanze continueranno sino al 13 giugno. Dopo sarà tempo di bilanci.

[ Mariano Froldi - da L'UNIONE SARDA del 2 Giugno 2005 ]

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE
Quale città, secondo voi, fra le tre principali del Sulcis-Iglesiente, dovrebbe essere la sede della nuova provincia ?
- CARBONIA
- IGLESIAS
- SANT’ANTIOCO
SCRIVETE A gazzettantiochense@tiscali.it

Riferimenti: L’UNIONE SARDA

CRONACA – Palmas cave, ultimo atto. Da ieri 79 operai in mobilità

2 Giugno 2005 Commenti chiusi

CRONACA

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

SANT’ANTIOCO
PALMAS CAVE, ULTIMO ATTO. DA IERI 79 OPERAI IN MOBILITA’.
Siglato l’accordo definitivo, si chiude.

Palmas Cave, fine di un’epoca. Ieri era mezzogiorno quando l’ultimo rappresentante sindacale ha apposto la firma al verbale di conciliazione, il documento che segna la fine della cava di monte su Sennori a Sant’Antioco. Gli operai invece dovranno sottoscrivere la parte di loro competenza il 20 giugno nella sede della Palmas Cave dove hanno lavorato per decenni. Via alla mobilitàLa firma di ieri mattina in Confindustria tra Fulc territoriale, Rsu aziendale e Palmas Cave sancisce così la messa in mobilità dei 79 operai ancora in attività. L’azienda regionale invece rimarrà in attività per il disbrigo delle pratiche sino alla completa liquidazione. Si conclude così l’iter burocratico dell’accordo tra Regione e sindacati per la sistemazione degli operai firmato nell’Assessorato all’Industria il 23 aprile scorso. In base alla firma sui verbali di ieri, gli operai continueranno ad essere occupati sino a sabato prossimo per essere collocati in mobilità dal 6 giugno.

Gli accordi
«Abbiamo rilevato la volontà delle parti di rispettare gli impegni sottoscritti – afferma Fabio Enne, segretario territoriale Cisl – e come previsto nell’accordo verificheremo in regione che l’iter venga rispettato compreso quello del rientro al lavoro degli operai a fine mobilità». Infatti chi nel periodo della mobilità (che andrà dai due ai quattro anni) non raggiungerà i requisiti per la pensione, a fine mobilità rientrerà al lavoro in Igea. A Cagliari ieri mattina era presente anche una delegazione di operai che ha seguito con attenzione il proprio futuro nel mondo del lavoro.

I commenti
«Sarà dura. Per me saranno quattro anni di attesa – dice Anna Carla Puddu, 30 anni di lavoro tra ex Sardamag e Palmas Cave – sino quando a fine mobilità potrò riprendere a lavorare». Preoccupato invece Massimo Fois rappresentante Cisl nella Rsu. «Anche se tutto sommato è un buon accordo – rileva il sindacalista – rimane l’amarezza di vedere chiudere una attività senza alternative di lavoro per la città».

Neanche un disoccupato
Soddisfazione in municipio: «Mi sono sempre battuto per la salvaguardia dei posti di lavoro degli operai – afferma il sindaco Eusebio Baghino – rimane un accodo soddisfacente perché almeno non crea altra disoccupazione». Il prossimo 6 giugno, quindi, i cancelli della cava chiuderanno definitivamente. Resteranno in attività solo gli uffici dell’azienda nel corso principale della città dove si continuerà lavorare per la liquidazione della società che ha ereditato i lavoratori ex Sardamag. Dovevano lavorare al ripristino ambientale della cava che adesso, dopo la messa in liquidazione dell’azienda e la mobilità degli operai, rimarrà forse per molto tempo ancora una ferita aperta sulle pendici di monte di su Sennori davanti al litorale di Is Pruinis.

[ Tito Siddi - da L'UNIONE SARDA del 2 Giugno 2005 ]
Riferimenti: L’UNIONE SARDA