Archivio

Archivio 4 Giugno 2005

SPORT – Torneo della Famiglia – SEMIFINALI

4 Giugno 2005 Commenti chiusi

SPORT

CALCIO A 5

TORNEO DELLA FAMIGLIA
SEMIFINALI

Si sono disputate ieri le due semifinali del TORNEO DELLA FAMIGLIA di calcio a 5 a Sant’Antioco. A qualificarsi per la finale SU TRIAXU, guidati da Sergio Piloni, e GIORNALAND, che a sorpresa elimina i detentori del Trofeo grazie soprattutto alle provvidenziali parate del portiere Giuseppe Mereu.

Nella prima semifinale SU TRIAXU si aggiudica facilmente la partita al cospetto di una squadra, la GAN ASSICURAZIONI, farcita da troppi giovani ancora inesperti. In evidenza Sergio Piloni e Antioco Bullegas per SU TRIAXU.

Nella seconda gara, la più attesa, vincono a sorpresa i ragazzi di GIORNALAND, che possono contare su gente del calibro di Michele Mileddu (bomber del Sant’Antioco), Luca Mereu e Nicola Marongiu. Ma il vero protagonista per GIORNALAND è stato il portiere Giuseppe Mereu che ha salvato la sua squadra in molte circostanze con parate ai limiti dellinverosimile. La gara è stata molto equilibrata e in bilico fino alla fine, poi GIORNALAND ha dilagato con I GOPPAIETTI alla ricerca del pareggio. Per i detentori del trofeo, I GOPPAIETTI, rimane l’amarezza di non giocare la finale pur avendo disputato una buona gara.

Oggi le finali.
Alle 19 per il terzo posto e, a seguire, finalissima che promette spettacolo fra GIORNALAND e SU TRIAXU.

RISULTATI

Ore 20
SU TRIAXU – GAN ASSICURAZIONI = 8 – 4
Marcatori:
SU TRIAXU – Marongiu Giangi(2)-Piloni Sergio (2)-Bullegas Antioco(2)-Locci Flavio-Serra Cristian
GAN ASSICURAZIONI – Marongiu Sebastiano-Cocco Sandro(3)

Ore 21
GIORNALAND – I GOPPAIETTI 2 = 6 – 3
Marcatori:
GIORNALAND – Mileddu Michele(3)-Marongiu Valentino-Sinzu Marco-Marongiu Nicola
I GOPPAIETTI 2 – Serra Stefano-Maccioni Simone(2)

MARCATORI
10 reti
Marongiu Valentino (Giornaland) – Marongiu Giangi (Su Triaxu) – Maccioni Simone (I Goppaietti 2)
9 reti
Giaminelli Marco (I Desperados) – Sinzu Marco (Giornaland)
8 reti
Piloni Sergio (Su Triaxu) – Serra Cristian (Su Triaxu)
7 reti
Pusceddu Federico (A.C.Milan)

Le gare di oggi Sabato 4 Giugno
FINALI

Ore 19 – Terzo Posto
I GOPPAIETTI 2 – GAN ASSICURAZIONI
Ore 20 – Finalissima
GIORNALAND – SU TRIAXU

News e Appuntamenti

4 Giugno 2005 Commenti chiusi

NEWS e APPUNTAMENTI

SANT’ANTIOCO – Cuochi a confronto, si cucina il gamberoCuochi a confronto a Sant’Antioco per una giornata gastronomica dedicata al gambero. Ad organizzare l’avvenimento culinario è la Pro Loco con il patrocinio dell’amministrazione comunale. Questa sera in piazza Ferralasco, alla Marina, a partire dalle 20 i cuochi cittadini si impegneranno ai fornelli per preparare piatti a base di gamberi. Nel corso della serata, che sarà allietata dal complesso musicale “Rastles”, si potrà degustare frittura di gamberetti ed altre prelibatezze della cucina di mare di Sant’Antioco. I cibi saranno messi a disposizione dei buongustai in collaborazione di cooperative e società ittiche locali tra cui il peschereccio “Pietro Padre” della cooperativa La Sulcitana, la cooperativa Solky Fisch, La ditta che produce tonno in scatola e prodotti di mare “Salis Efisio e figli” e del comitato della festa di San Pietro Apostolo. [ Tito Siddi - da L'UNIONE SARDA di oggi ]

SANT’ANTIOCO – Gli artificeri fanno brillare la vecchia mina antinave - La colonna d’acqua, accompagnata dal rombo cupo dell’esplosione, si è levata improvvisa al largo delle coste di Cala Lunga. Gli artificieri subacquei del nucleo Sdai della marina militare di Cagliari hanno fatto brillare la mina antinave ritrovata casualmente da una motovedetta dei carabinieri, sabato scorso, ad un centinaio di metri dalla riva della spiaggia di Cala Lunga nella costa sud dell’Isola di Sant’Antioco. Subito dopo la Capitaneria di porto di Sant’Antioco ha revocato l’ordinanza che impediva, per un raggio di un chilometro dalla zona del rinvenimento il transito, la sosta e qualsiasi attività dei veicoli o persone. Il grosso residuato bellico, ancora in perfetto stato di conservazione, doveva essere fatto brillare martedì scorso. Gli artificieri della Marina Militare supportati dalla motovedetta cp 2075 dell’Ufficio Marittimo di Carloforte avevano preparato tutto a puntino ma le avverse condizioni meteo marine avevano impedito l’operazione che era stata rinviata in attesa di condizioni meteo marine migliori. Ieri mattina, grazie al bel tempo e al mare calmo gli artificieri, supportati dalla cp 812 della Guardia costiera di Sant’Antioco hanno trasferito lontano dalla costa la mina e l’hanno fatta brillare. [ Tito Siddi - da L'UNIONE SARDA di oggi ]

PISCINAS – Dopo 20 anni arriva il gonfalone - Contiene due elementi tipici di Piscinas: la fonte di Sa Cracchera e le stelle dei Salazar. Sono i simboli che compaiono nel nuovo gonfalone del Comune di Piscinas. Consegnato pochi giorni fa (dopo l’ufficialità giunta per decreto), lo stendardo del centro del Basso Sulcis è andato a coprire un vuoto. «Dal 1985, l’anno dell’autonomia del Comune da Giba – spiega il sindaco Sandro Pinna – non abbiamo mai avuto uno stendardo». Ora Piscinas, nelle cerimonie ufficiali, potrà finalmente mostrare i colori e le insegne del suo gonfalone. [ m. lo. - da L'UNIONE SARDA di oggi ]

CARLOFORTE – Musica, gastronomia e arte - La terza edizione del Girotonno, si sta rivelando, come sperava il Comune carlofortino, un successo. Tantissimi i turisti, che hanno trovato un tempo decisamente estivo. Le poste italiane emetterano uno speciale annullo filatelico per il Girotonno. Lo sportello sarà aperto in piazza Vittorio Emanuele dalle 14 alle 20. Sempre oggi, da segnalare anche la degustazione di tonno ai sapori carlofortini e del pesce della padellata di Camogli. L’evento più importante però, è senz’altro la prima Tuna conference sul tema “Le antiche tonnare del mediterraneo. Un percorso tra storia e tradizione gastronomica”. La conferenza internazionale organizzata nell’ambito del Girotonno costituisce una preziosa occasione di confronto, tra studiosi ed esperti, sulla storia delle antiche tonnare mediterranee. Con lo scopo dichiarato di trovare il filo comune che lega tutte le tradizioni legate al tonno. La conferenza comincerà alle 16 e 30 presso il teatro Cavallera. Moderatore, Pio D’Emilia, giornalista, corrispondente in Giappone del Il Manifesto. Interverranno fra gli altri, Carla Pepe, archeologa e docente presso la facoltà di lettere dell’Università di Napoli, Salvatore Greco, legale della Carloforte tonnare Piam che parlerà di “Eventi e casi giuridici nella vita delle tonnare”, Giuseppe Conte, autore del libro “Addio amico tonno” e Masayuki Komatsu, del dipartimento giapponese sulle ricerche marine con l’argomento “Il tonno nella cultura e nella tradizione gastronomica giapponese”. Per Girotonno Live, sul palco del molo centrale Mauro Pagani si esibirà in Creuza de Ma. Subito dopo Davide Paolini presidente della giuria internazionale, proclamerà il paese vincitore della gara gastronomica. Conduce Vittorio Castellani, alias Chef Kumalè. Domani, la giornata conclusiva, con la cerimonia di chiusura, sempre sul palco del molo centrale, alla quale seguirà, come da tradizione, il concerto blues. Poi sarà tempo di bilanci. Gli organizzatori hanno archiviato positivamente la prima giornata e contano di concludere alla grande con l’ennesima invasione di turisti. [ Mariano Froldi - da L'UNIONE SARDA di oggi ]

IGLESIAS – Quartiere Castello.Il premio La torre per la facciata più bellaUn premio per chi ristruttura le vecchie case. Se da una parte l’amministrazione comunale è stata sinora latitante, le associazioni e qualche singolo hanno cercato di colmare questa grave lacuna. Come? Istituendo un premio per i cittadini che decidono di rimettere a nuovo le facciate delle proprie abitazioni. Contribuendo, così, a migliorare l’immagine del centro storico. È nato con questo intento il premio La Torre , organizzato dall’associazione quartiere Castello che, da sei anni, punta a valorizzare la zona più antica e suggestiva di Iglesias. Lo fa con i pochi mezzi che un’associazione ha a disposizione (il premio consiste in una targa, un’opera in ceramica artistica) ma grazie a questa iniziativa ha contribuito a sensibilizzare i cittadini, spingendoli ad avere maggiore attenzione verso il centro storico. Partendo dal principio secondo cui ogni cittadino può dare il suo contributo a cancellare il degrado, evitare gli scempi, lasciando spazio soltanto a tutto ciò che valorizza, mettendo in risalto le peculiarità. Non a caso per partecipare al premio e avere possibilità di vincere è indispensabile adottare determinati accorgimenti nella fase dei lavori. Fondamentale, per esempio, il rispetto delle caratteristiche storico-architettoniche degli edifici. Particolari che dovrebbero essere scontati e, invece, sono per molti un optional. [ c.s. - da L'UNIONE SARDA di oggi ]

GLI APPUNTAMENTI DI OGGI

CARLOFORTE – GIROTONNO fino al 5 giugno

SANT’ANTIOCO – CARBONIA – Monumenti Aperti

SANT’ANTIOCO – TORNEO DELLA FAMIGLIA Calcio a 5 – Finali dalle ore 19

CARBONIA – Fino al 5 Giugno mostra VIVERE IN MINIERA, presso la cittadella fenicio punica di Monte Sirai, tutta la settimana (lunedì escluso), dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19.

CARBONIA – Rassegna d’arte AVANTARTE, presso il giardino Villa Sulcis.

IGLESIAS – Convegno “Sport a Iglesias: un esempio per i giovani”, ore 9, Archivio Storico comunale, via delle Carceri.
Riferimenti: L’UNIONE SARDA

APPUNTAMENTI – Speciale Monumenti Aperti

4 Giugno 2005 Commenti chiusi


APPUNTAMENTI

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

SPECIALE MONUMENTI APERTI

SANT’ANTIOCO
Una passeggiata alla scoperta dell’antica Solky

Anche Sant’Antioco scende in campo per Monumenti aperti.
Attraverso la visita dei siti più significativi l’antica Solky offrirà uno spaccato della sua storia millenaria con una significativa sintesi delle testimonianze di epoche storiche diverse. Dal neolitico al nuragico, dal fenicio punico al romano, dalla prima cristianità alle testimonianze della ricostruzione e del ripopolamento. Da questo pomeriggio, con visite guidate e gratuite, dalle 16 alle 20 (domani dalle 9 alle 20) sarà possibile visitare l’Archivio storico, le Catacombe e la Basilica del IV° secolo, il Fortino Sabaudo, la Necropoli Punica di Solky, il Tophet, il Museo Etnografico con il Villaggio Ipogeico, il Cronicario e Sa Presonedda.
A Turri, invece, Italia Nostra aprirà le porte della Torre Canai mentre nell’istmo di Santa Caterina sarà possibile visitare i mehirs di Su Para e Sa Mongia. Questo monumento megalitico poco conosciuto è formato da due pietre infisse sul terreno situate dentro una proprietà privata. «Siamo riusciti ad avere dai proprietari il permesso di accompagnare i visitatori nel terreno che abbiamo ripulito e chiuso con una cancellata – racconta Mariano Gala – ma abbiamo avviato dei contatti per acquisire il monumento». [ Tito Siddi - da L'UNIONE SARDA del 4 Giugno 2005 ]

CARBONIA
La città in vetrina per 48 ore
Al via oggi la manifestazione Monumenti Aperti
Dal centro appena rinnovato fino ai siti più antichi e alla vecchia miniera

La città messa vetrina per due giorni. Quarantotto ore per farsi affascinare dai monumenti e dai vecchi rioni, dal museo paleontologico e dalle strade più antiche, dove ogni giorni si passa di fretta, senza avere il tempo di soffermarsi a scoprirne la storia. Questo lo spirito di “Monumenti Aperti”, la manifestazione culturale che oggi e domani si svolge in città oltre che a Sant’Antioco e Carloforte.

Centro e periferia
Quale occasione migliore scoprire un centro totalmente rinnovato?
La maestosità della scultura di Giò Pomodoro che si specchia nella vasca di marmo bianco, la distesa di granito bianco che compone la nuova piazza Roma accompagnando il visitatore sino alla chiesa di San Ponziano e poi all’ex Dopolavoro della città del carbone e alla torre civica. La manifestazione permetterà anche di riscoprire il rione periferico “Lotto B” ai piedi del monte Rosmarino dove all’epoca della fondazione vennero realizzati i primi cameroni per gli operai. Nei pressi di questo quartiere trovò spazio la chiesetta operaia, oggi visitabile, in via Sicilia.

Il rifugio antiaereo
Alzi la mano chi, da bambino, non si è arrampicato sul “fortino” di via Nuoro che non è altro che un vecchio rifugio antiaereo. Erano nove i ricoveri “in galleria” che i cittadini avrebbero potuto utilizzare per proteggersi in caso di incursioni aeree nemiche. Il rifugio di via Nuoro è costituito da due ambienti comunicanti che forse, in origine, erano separati da una porta divisoria di cui oggi sono rimasti soltanto i grossi cardini. All’interno potevano starci fino a 45 persone.

Le necropoli
Abbigliamento sportivo e scarpe comode sono consigliate a chi avrà voglia di farsi accompagnare alla scoperta dell’antica strada sulcitana e poi delle necropoli di Monte Crobu e Cannas di Sotto. La prima si trova a circa due chilometri a sud di Carbonia sul versante nord orientale di Mote Crobu. Si tratta di una necropoli a domus de janas realizzata sfruttando un bancone di tufo trachitico. La seconda, che affonda le sue origini nel Neolitico, si trova fra corso Iglesias e via Alghero: un’antichissima area funeraria dove sono già state ritrovate 18 sepolture.

Monte Sirai
D’obbligo la visita al parco archeologico di Monte Sirai che, come indica la preziosa guida realizzata per Monumenti Aperti, offre “l’opportunità di conoscere testimonianze della vita dell’uomo dal quarto millennio fino al secondo secolo avanti Cristo”. Dalle domus de janas alle pendici del monte, all’insediamento fenicio punico fondato attorno al 750 avanti Cristo: una testimonianza eccezionale del passato più antico. Senza spostarsi troppo, si potrà poi raggiungere l’area archeologica del Nuraghe Sirai. Davvero imperdibile. La miniera Le aree dismesse delle miniere diventeranno parte integrante del Parco geominerario della Sardegna. Oggi è già possibile visitare gli edifici già restaurati destinati a diventare sede della rinascita culturale, scientifica e commerciale della città. Per approfondire la conoscenza del passato minerario, è consigliata anche un visita a Pozzo Castoldi a Bacu Abis.

Paese Serbariu
Quella che oggi è una delle frazioni maggiori della città, all’epoca della fondazione era invece un paese del tutto separato dal contesto urbano di Carbonia. Un paese con la sua chiesa, il suo cimitero, le sue case a bassa struttura. Un paese che oggi sarà possibile riscoprire cogliendo così l’occasione per visitare la mostra “Antichi mestieri” allestita dal gruppo folk Santa Giuliana.

[ Stefania Piredda - da L'UNIONE SARDA del 4 Giugno 2005 ]

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE
Quale città, secondo voi, fra le tre principali del Sulcis-Iglesiente, dovrebbe essere la sede della nuova provincia ?
- CARBONIA
- IGLESIAS
- SANT’ANTIOCO
SCRIVETE A gazzettantiochense@tiscali.it

Riferimenti: L’UNIONE SARDA

ATTUALITA’ – Dalla Russia con amore per promuovere il turismo

4 Giugno 2005 Commenti chiusi

ATTUALITA’

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

DALLA RUSSIA CON AMORE PER PROMUOVERE IL TURISMO
Tour operator ospiti dell’Api Sarda

È possibile gettare un ponte tra la Russia, l’Ucraina, la Bielorussia e il Sulcis?
È questo l’obiettivo che si è posto l’Apiturismo, la sezione dell’Api Sarda che si occupa di promozione turistica, invitando nel Sulcis una ventina di tour operator, per la maggior parte giovani russe, ucraine e bielorusse.

Dalla Russia al Sulcis
Il gruppo è arrivato ieri a Calasetta proveniente da Bosa dopo aver visitato per quattro giorni le altre zone dell’Isola. Il tour è stato organizzato in collaborazione con Banca Intesa con lo scopo di proporre dei pacchetti vacanza in Sardegna più abbordabili rispetto a quelli medio-alti sinora offerti ai propri clienti. «Lo scorso anno abbiamo promosso l’agroalimentare sardo in Francia ed in Inghilterra – ha affermato Vincenzo Panio direttore dell’Api Sarda – questa volta abbiamo inteso presentare alle agenzie turistiche russe l’altra faccia del turismo sardo».

Le spiagge di Calasetta
A Calasetta, i tour operator sono stati ospiti dell’hotel Stella del Sud. «Per loro è stata una sorpresa scoprire che la Sardegna non è solo Costa Smeralda – ha sottolineato Silvana Manuritta, l’accompagnatrice responsabile dell’Ufficio economico dell’Apisarda – ma anche un coacervo di profumi, sapori, storia e tradizioni che possano dare l’opportunità di trascorrere vacanze diverse e interessanti da quelle sinora offerte ai propri clienti». Per gli ospiti è stata una piacevole scoperta quella fatta visitando le spiagge del Sulcis. «Abbiamo scoperto una Sardegna diversa fatta di murales, storia e tradizioni – ha sottolineato Maria Kolmacova, 22 anni di Kiev, per la prima volta in Italia – opportunità che offriremo insieme al mare ai nostri clienti».

Il Girotonno
Ieri il gruppo dei tour opertator arrivati dell’Est ha effettuato una visita a Carloforte per assistere ad alcune manifestazioni del Girotonno. Oggi la carovana si sposterà a Pula e, domani, gli ospiti prenderanno l’aereo che li riporterà in patria a promuovere, oltre il sole il mare e le coste, le risorse ancora nascoste del Sulcis e di altri scorci incantevoli dell’Isola forse meno celebrati della Costa Smeralda ma decisamente meno dispendiosi e assolutamente altrettanto suggestivi.

[ Tito Siddi - da L'UNIONE SARDA del 4 Giugno 2005 ]

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE
Quale città, secondo voi, fra le tre principali del Sulcis-Iglesiente, dovrebbe essere la sede della nuova provincia ?
- CARBONIA
- IGLESIAS
- SANT’ANTIOCO
SCRIVETE A gazzettantiochense@tiscali.it

Riferimenti: L’UNIONE SARDA