Archivio

Archivio 7 Giugno 2005

Sant’Antioco on the Magazines

7 Giugno 2005 Commenti chiusi


SANT’ANTIOCO ON THE MAGAZINES

Da oggi comincia una nuova rubrica su LA GAZZETTANTIOCHENSE.

Si chiama “Sant’Antioco on the Magazines” e vuole avere come obiettivo quello di ricercare e (ri)pubblicare tutti gli interventi su Sant’Antioco pubblicati su giornali, riviste, libri o altro.

Per vedere come Sant’Antioco viene descritta e fotografata da “quelli che ci vedono da fuori”.

Quello di oggi è un intervento riportato alcuni anni fa sul famoso mensile scientifico FOCUS, parla della scoperta di una antica tomba nella necropoli.

Il guardiano della tomba
Una statua alta quanto un uomo, che ritrae probabilmente un Baal, una delle più importanti divinità puniche, è stata trovata in una antica tomba in Sardegna. Il sepolcro, scavato nel tufo, fa parte della necropoli di Sulci, l’odierna Sant’Antioco, una delle più importanti tracce della fiorente comunità punica che abitava l’isola intorno al V secolo a.C.
Lo si raggiunge attraverso un corridoio a scalini, che porta all’ingresso vero e proprio, due o tre metri sotto terra.

Colori intatti
“La statua è molto ben conservata, e nell’estrema rarità di documenti della cultura punica, è un importante modello di riferimento, e fornisce importanti informazioni sui rituali funebri dell’epoca”, dice Paolo Bernardini, archeologo e direttore della Sovrintendenza Archeologica di Cagliari. Vivacemente colorata in rosso e nero, rappresenta una figura maschile in movimento. Sotto un braccio tiene un contenitore di unguenti profumati. Nell’altro, ha il rotolo della saggezza. La statua aveva probabilmente il compito di tenere i demoni lontani dalla salma. Potrebbe però trattarsi anche di una immagine dello stesso defunto, una persona che doveva avere un alto ruolo politico o sociale all’interno della comunità punica dell’epoca.

Foto : La figura umana rinvenuta nella tomba punica di Sulci, oggi Sant’Antioco (Ca).

(Notizia aggiornata al 10 settembre 2002)

Riferimenti: FOCUS

NEWS – In Breve

7 Giugno 2005 Commenti chiusi

NEWS

IN BREVE

CARBONIA – Vandali all’opera in biblioteca - Ancora vetri in frantumi nella biblioteca comunale di Villa Sulcis. A distruggere i vetri di alcune finestre sono stati come al solito i vandali che scorrazzano durante la notte nel parco della villa. E da parecchi mesi ormai che i teppisti hanno preso di mira l’edificio pubblico senza che nessuno riesca a coglierli con le mani nel sacco. A scoprire l’ennesima incursione, compiuta quasi sicuramente nella notte fra sabato e domenica, sono stati ieri mattina gli operatori della biblioteca. A loro non è rimasto altro da fare che segnalare i vetri rotti caduti dentro la sala. È probabile che oggi il danno venga aggiustato, fino al prossimo lancio di pietre. [m. v. - da L'UNIONE SARDA di oggi]

IGLESIAS – Sedici atleti iglesienti al ventunesimo campionato di tiro – Sfida nazionale per i balestrieri - Sono sedici i balestrieri che il 25 e 26 giugno difenderanno i colori della città al ventunesimo campionato italiano di tiro con la balestra che si svolgerà a Prarostino (Torino). Valter Vittori, Vincenzo Caschili, Giuseppe Rizzo, Giuseppe Borgia, Giovanni Cadoni, Giampiero Serra, Mario Loi, Gianfranco Loi, Francesco Tanda, Sergio Frau, Massimo Erbì, Matteo Rizzo, Massimo Friargiu, Umberto Mastrangelo, Angioletto Crobu e Claudio Caddeo sono i tiratori che avranno anche il difficile compito di rappresentare la Sardegna. «Una manifestazione nazionale – spiega Mauro Cicilloni, presidente della compagnia balestrieri iglesienti – che ci vede ancora una volta unici partecipanti di tutta l’Isola». La rappresentativa che partecipa a questa edizione scaturisce dalla selezione del torneo che si è svolto in città l’estate scorsa. «Anche quest’anno, ad agosto, quando si terrà il prossimo torneo cittadino – aggiunge Cicilloni – selezioneremo i balestrieri che parteciperanno all’edizione 2006. Non sono pochi gli impegni economici che ogni balestriere deve affrontare di tasca propria per partecipare a queste manifestazioni dato che nessuno ci dà una mano. Così come non è da meno l’intenso allenamento che stanno effettuando in questi giorni». Una circostanza confermata anche dal maestro d’armi Valter Vittori: «Ci alleniamo molto duramente per ben figurare in questa importante competizione che ci pone di fronte ai migliori balestrieri nazionali. Sarà dura, ma faremo del nostro meglio. La novità di quest’anno poi è quella che si terrà in parallelo alla manifestazione classica, il torneo dei campioni. In pratica ogni squadra presenterà un proprio rappresentante (il migliore) che poi sfiderà gli altri. Ancora non sappiamo chi di noi tirerà perché stiamo ancora effettuando la selezione interna». [Michele Tocco - da L'UNIONE SARDA di oggi]

CARLOFORTE - Quasi due milioni di metri cubi di cemento si starebbero per abbattere sull’isola di Carloforte. La denuncia viene da Legambiente Sardegna che ha presentato ricorso al Tar, il Tribunale Amministrativo Regionale, per alcune scelte fatte dal Comune nel nuovo Puc. In particolare gli ambientalisti criticano fortemente l’aumento della cubatura edificabile in due zone Br, che in precedenza erano classificate come zone D, e la costituzione di due zone Cf, distanti dall’abitato o ad esso ricollegate proprio tramite le nuove zone B.
“Gran parte delle aree edificabili – sostiene Legambiente – è adiacente alla linea di costa di una delle isole di maggior pregio ambientale del Mediterraneo. Una parte di questi milioni di metri cubi interessa importanti aree umide, un’altra parte stravolge l’attuale assetto urbanistico dell’abitato di Carloforte, anch’esso depositario di un grande patrimonio storico-ambientale”.
Sempre secondo gli ambientalisti “all’interno dell’isola verrebbero cementificate aree di straordinario interesse che gli studi ed elaborati preparatori del piano territoriale paesistico classificavano come meritevoli di un vincolo di assoluta immodificabilita”. Legambiente pertanto insiste su quelle che definisce “numerosissime insensatezze contenute nel PUC”, tra cui la realizzazione di “una sorta di circonvallazione a quattro corsie, di circa 13 metri di larghezza, con annessi ponti e viadotti imponenti, che attraverserebbe zone di grandissimo valore come la località Canalfondo o il cosiddetto Canale del Generale, classificate come H di salvaguardia ambientale dallo stesso PUC e come zone di conservazione integrale nel Piano Territoriale Paesistico”. Al ricorso di Legambiente si affiancherebbero anche molte osservazioni al Puc presentate da singoli cittadini che non vedono di buon occhio le scelte fatte dall’Amministrazione comunale. [da Sardegna Oggi]

REGIONE - Saranno oltre 68 milioni di euro i fondi che la Giunta regionale, su proposta dell’assessore degli Enti Locali, Gian Valerio Sanna, trasferirà alle Province. I fondi saranno l’anticipazione per l’anno 2005 per garantirne il funzionamento e i relativi investimenti. La quota a favore delle Province è stata così suddivisa: in 4/12 per quelle storiche, mentre i restanti 7/12 sono stati attribuiti in base alla nuova ripartizione delle 8 Province. L’assessore Sanna, ha, infine, confermato la ripartizione delle risorse, che la legge regionale 23, assegna ai Comuni, alle Province e alle Comunità Montane, per l’incentivazione della produttività, la qualificazione e la formazione del personale degli Enti locali della Sardegna. [da admaioramedia.it]

SPORT – TENNISTAVOLOBene Lisci e ContuMolti big rinunciano al campionato regionale: classifica a sorpresa - Grandi sorprese ai campionati regionali assoluti di tennistavolo che si sono svolti lo scorso weekend a Lanusei. A causa di numerose defezioni (molti pongisti hanno preferito allenarsi in vista dei campionati italiani in programma da questa settimana a Jesolo) le gare hanno avuto esiti inaspettati. Presenti tutte le categorie e i non classificati (32 tra uomini e donne) che si sono qualificati arrivando ai primi posti del Grand Prix riservato alle categorie non agonistiche. Nel Singolo assoluto maschile, si è laureato campione regionale Riccardo Lisci del TT Guspini, seguito da Mattia Contu del Cagliari TT. Terzo posto per Giancarlo Carta del Nuraghe e quarto Riccardo Dessì del Tennis Tavolo Quartu. Tra i favoriti, mancavano all’appello gli atleti della Marcozzi Cagliari, Mattia Crotti e Francesco Lucesoli, oltre a Giampiero Melis. Secondo i pronostici della vigilia il titolo se lo sarebbero giocato Mauro Locci (San Paolo Iglesias), Riccardo Lisci (Guspini) e Riccardo Dessì (TT Quartu). E così è stato, con Lisci che ha ottenuto il gradino più alto del podio davanti al sempre più sorprendente Mattia Contu, reduce dai Giochi delle Isole in cui è arrivati secondo, insieme a Stefano Curcio, nella gara a squadre. Nel Singolo assoluto femminile le sorprese sono state ancora maggiori. Affermazione di Daniela Masia dei 4 Mori, che ha preceduto le pongiste di casa Caterina Pinna e Paola Congiu, entrambe dello Sporting Lanusei. In campo femminile si registravano le assenze di Claudia Caredda e Francesca Mattana, entrambe del TT Elmas, e delle gemelle Manai del Cus Cagliari, Luana Montalbano (San Gavino) e Marta Sarritzu (TT Quartu). Nel doppio maschile invece pronostico rispettato, con la coppia Stefano Curcio e Mattia Contu (Cagliari TT) che non ha avuto difficoltà a superare in finale gli avversari Riccardo Lisci e Massimiliano Scanu, entrambi del TT Guspini. Ancora una grande affermazione nel doppio femminile da parte della società di Lanusei, dove le atlete Paola Congiu e Caterina Piras hanno avuto la meglio sulla coppia Caldino-Carrucciu di Norbello. Nel Doppio misto infine ancora lo Sporting protagonista, con Piras e Piroddi che si sono aggiudicati il titolo. È stata premiata così la scelta della Federazione di organizzare i campionati regionali nel nuovo palazzetto di Lanusei, per premiare l’attività, in forte crescita, della società locale. Ai campionati italiani individuali che hanno avuto inizio domenica in Veneto, la Sardegna è rappresentata da trenta atleti. Locci e Melis del Tennistavolo Iglesias saranno i sardi in gara nella seconda categoria, Crotti e Lucesoli, della Marcozzi, i pongisti di punta della spedizione. «Contiamo di far bene» sottolinea il Presidente del Comitato regionale Raffaele Curcio, «anche contro avversari di caratura internazionale». Il primo giorno è stato dedicato alle qualificazioni al tabellone principale dei pongisti di quarta categoria, poi a partire da domani il torneo entrerà nel vivo per culminare con l’ultima prova, prevista sabato, della categoria Assoluti. [Mauro Caproni - da L'UNIONE SARDA di oggi]

GLI APPUNTAMENTI DI OGGI

CARBONIA – Rassegna d’arte AVANTARTE, presso il giardino Villa Sulcis. Questa settimana sono esponste le opere di Alberto Spada.

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE
Quale città, secondo voi, fra le tre principali del Sulcis-Iglesiente, dovrebbe essere la sede della nuova provincia ?
- CARBONIA
- IGLESIAS
- SANT’ANTIOCO
SCRIVETE A gazzettantiochense@tiscali.it

NEWS – Da Sant’Antioco

7 Giugno 2005 Commenti chiusi

NEWS DA SANT’ANTIOCO

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

Fondi dei mondali per il campo comunale
Servono 700 mila euro, metà arriveranno dai soldi mai spesi di Italia ’90

Fondi per il campo comunale. In parte provengono dai finanziamenti non spesi stanziati per i mondiali di calcio “Italia 90″, gli altri dall’accensione di un mutuo al credito sportivo. Il Comune di Sant’Antioco si appresta ad indire la gara d’appalto per un importo a base d’asta di 700 mila euro. Di questi 308 mila fanno parte del finanziamento Stato-Regione per la realizzazione del campo da gioco in erba sintetica. Il Comune ne aveva fatto richiesta alcuni anni fa dopo essere venuto a conoscenza del fatto che i finanziamenti concessi dallo Stato alla Regione per i mondiali del 1990 non erano stati ancora utilizzati. «Ci abbiamo provato – racconta l’assessore comunale allo Sport Mariano Gala – e siamo riusciti a ottenere un finanziamento». Ulteriori 308 mila euro, invece, fanno parte del mutuo ventennale che accenderà l’amministrazione comunale per la ristrutturazione di tribune e spogliatoi esterni al campo da gioco. Nei giorni scorsi la giunta ha approvato il progetto definitivo. Il piano redatto dall’ingegnere Giannetto Vacca prevede il rifacimento completo del manto erboso che sarà sostituito da un manto in erba sintetica; sarà anche realizzato l’impianto idrico per il raffreddamento nel periodo estivo. «Sarà dell’ultima generazione – fa sapere l’assessore allo Sport – e darà finalmente la possibilità di utilizzare il campo per lunghi periodi di tempo senza la paura di danneggiarlo». Il manto in erba naturale di cui è dotato attualmente lo stadio comunale è, infatti, di difficile manutenzione. Attualmente consente di poter disputare massimo una gara a settimana. Questo fatto negli anni scorsi ha causato accese proteste da parte delle due società di calcio cittadine che dovevano usufruirne. Adesso, con la sistemazione del manto di erba sintetica, diatribe e polemiche verranno appianate definitivamente. Ma non sarà solo il campo da gioco ad essere ristrutturato. Il progetto prevede anche la messa a norma degli impianti elettrici e di riscaldamento degli spogliatoi e delle docce. I lavori infine prevedono la messa in sicurezza di parte della tribuna che qualche anno fa era stata transennata perché giudicata non agibile.
[Tito Siddi]

Nautica, rinasce il circolo Mariano Martis
Il Circolo Nautico Mariano Martis di Sant’Antioco riprenderà tra breve l’attività. Intenzionato al rilancio all’attività, dopo un periodo di fermo, è il direttivo del circolo presieduto dal dottor Enrico Mura. «A fermarci è stata la mancanza di una sede nautica appropriata – spiega il presidente – ma adesso intendiamo riguadagnare quel prestigio che avevamo raggiunto gli anni scorsi». Il circolo ripartirà subito con l’attività di canoa per poi riprendere il canottaggio con l’obiettivo di avviare la pratica di canoa polo: si tratta della nuova attività sportiva in costante ascesa nel panorama mondiale degli sport nautici.
Per realizzare il progetto di rilancio delle attività e l’insegnamento ai giovani che vorranno praticare canoa e canottaggio, il circolo nautico antiochense si affiderà al tecnico federale Eric Bullegas. Il tecnico oltre che essere un atleta ancora in attività è noto per essere anche una ex colonna degli atleti che anni fa hanno portato il circolo nautico cittadino ad un posto di eccellenza nel panorama canoistico sardo.
[Tito Siddi]

Per Monumenti aperti mille visitatori
Monumenti aperti, un successo oltre le aspettative. La Cooperativa Archeotur che ha curato le visite guidate gratuite al Thophet, Museo Etnografico, Villaggio Ipogeo e forte Su Pisu ha staccato oltre mille biglietti omaggio. Numerose anche le persone che hanno visitato la necropoli, le catacombe, le pietre fitte di su Para e Sa Mongia e Sa Presonedda, unico monumento che però era possibile solo ammirare dall’esterno. Un centinaio invece sono stati gli ospiti di Italia Nostra alla torre costiera piemontese di Turri.
[m. lo.]

Palmas Cave, via alle pratiche
Non tutti i dipendenti della Palmas Cave saranno collocati subito nella mobilità che è scattata ieri. L’azienda ha sospeso l’iter per tredici di essi. Momentaneamente alcuni continueranno a lavorare in ufficio per il disbrigo delle pratiche aziendali dell’iter di mobilità che saranno firmate da ciascun ex dipendente il prossimo 20 giugno. Una decina invece saranno adibiti alla guardinia della cava.
[Tito Siddi]

Teatro, Malato immaginario Sant’Antioco
“Il Malato Immaginario”, una commedia musicale liberamente tratta dall’opera di Moliere ha chiuso l’attività scolastica del laboratorio teatrale della scuola media Fermi di Monte Cresia di Sant’Antioco. La recita, che è stata rappresentata sabato scorso, ha visto impegnati gli insegnati Rita Brundu e Teresa Ciarloni che hanno curato i testi e Barbara Sitzia che invece ha curato la parte musicale. E poi undici studenti che hanno interpretato i vari personaggi. Matteo Piras (Argante), Pierfranco Angius (notaio), Giorgia Bullegas (Tonina), Sara Congiu ( Luisella, figlia di Argante), Giovanni Consonni (Tommaso Purgone), Chiara Ledda (Belina), Marco Mulas (Cleante), Ilaria Puddu (Caterina), Marco Pau (Dott. Purgone) e Giada Tiddia nella parte di Lisa, sorella di Argante.
[Tito Siddi]

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE
Quale città, secondo voi, fra le tre principali del Sulcis-Iglesiente, dovrebbe essere la sede della nuova provincia ?
- CARBONIA
- IGLESIAS
- SANT’ANTIOCO
SCRIVETE A gazzettantiochense@tiscali.it

Riferimenti: L’UNIONE SARDA