Home > Senza categoria > FESTE – San Giovanni Suergiu. Tre giorni di festa per il Patrono.

FESTE – San Giovanni Suergiu. Tre giorni di festa per il Patrono.

23 Giugno 2005

APPUNTAMENTI

FESTE

- da L’UNIONE SARDA di oggi -

SAN GIOVANNI SUERGIU
TRE GIORNI DI FESTA PER IL PATRONO

Quattro giorni di festa in onore di San Giovanni Battista.
Commedie e canti dialettali, spettacoli musicali e pirotecnici, ballo liscio e processione con i costumi tradizionali. C’è un pò di tutto nel programma della festa del patrono di San Giovanni Suergiu (da oggi a domenica) organizzata dal Comitato dei festeggiamenti in collaborazione con il Comune.
Si comincia questa sera alle 19 con la messa in onore del patrono. Alle 22, sul palco allestito in piazza IV Novembre, verrà messa in scena una commedia dialettale. Il clou dei festeggiamenti è però domani.
Dopo le tre funzioni religiose (alle 8, 10 e 19), alle 20, prenderà il via una solenne processione. Il simulacro del Santo, issato su una «tracca», verrà portato in processione per le vie del centro accompagnata dai cavalieri in costume.
Ci saranno la banda musicale Ennio Porrino di San Giovanni Suergiu e i gruppi folk La Sulcitana di Giba, Santa Giuliana di Serbariu, Terza Età di Sant’Antioco, il gruppo medioevale Su Conti di Serbariu, Maria Carta di Gonnesa e Sant’Ignazio di Domusnovas, tutti in costume tradizionale. Alle 22 sarà la volta dello spettacolo musicale con il gruppo «Amici miei music show». Infine, alle 23, ci saranno i fuochi d’artificio.
Sabato 25, dopo la messa delle 19, alle 22, Maria Luisa Congiu e il suo gruppo si esibiranno in una serata di musica etnica.
Domenica 26, ultimo giorno di festeggiamenti, si comincia alle 18,30 con la messa per gli ammalati. Alle 20 le finali del torneo di biliardino in piazza e, infine, alle 22, una serata di ballo liscio con l’orchestra La Romagna. Durante tutta la durata della sagra in onore del patrono, inoltre, le volontarie della parrocchia metteranno in vendita (il ricavato andrà in opere di solidarietà) dolci tipici e ricami.

- Maurizio Locci – da L’UNIONE SARDA del 23 Giugno 2005 -
Riferimenti: L’UNIONE SARDA

I commenti sono chiusi.