Archivio

Archivio 3 Settembre 2005

LE VOSTRE LETTERE – Riflessione

3 Settembre 2005 1 commento

LE VOSTRE LETTERE

RIFLESSIONE
di Claudio Moica

Mi accorgo sempre di più come l’uomo, che si arroga la paternità della potenza terrena, sia una piccola cosa nei confronti del mondo. La capacità inventiva è riuscita a sgominare malattie secolari ma a provocarne altre, è stata capace di far volare l’uomo ma anche di farlo cadere, ha dato agi tanto che non riusciamo più a piegare le ginocchia se non frequentiamo palestre specializzate nella riabilitazione motoria, è riuscita a diminuire le distanze con apparecchi telefonici, informazioni televisive ma ci ha reso dipendenti da questi marchingegni. Abbiamo costruito centrali nucleari, modificato gli animali creando altre razze, ci siamo gonfiati le labbra per esorcizzare la morte. Tutto questo e altro pensando solo al nostro benessere personale tralasciando quello che il futuro ci poteva riservare, dimenticando che nulla si ottiene senza togliere ad altri. Ed ora colei che abbiamo violentato, trascurato, inquinato si vendica con tutta la sua forza. La città annegata che vediamo affiorare come un clandestino caduto in mare è il film della nostra modernità umiliata. È l’umiliazione della potenza industriale e tecnologica di fronte a un disastro cosiddetto naturale, che diventa disastro tale solamente perché si è abbattuto su un mondo innaturale e quindi incapace di assorbirlo.
La superiorità materiale del mondo occidentale si rivolta oggi contro abitanti proiettati in 24 ore in un “Terzo Mondo” che non sanno come affrontare. Plagiati come siamo di un mondo cosiddetto civile che ci vede sempre più dipendenti da infrastrutture tecnologiche sarà difficile per chi ha subito la violenza di “Katrina” riuscire a riprendere la quotidianità. Nutrirsi, mangiare, soddisfare le esigenze più elementari, il pannolino, la formula, i medicinali, un cambio di biancheria, un sapone, divengono imprese inarrivabili, nella chiusura dei supermercati e dei negozi, un fatto che spiega la furia dei saccheggi alla quale anche molti poliziotti si sono uniti. Una comunità condizionata e dunque prigioniera del proprio sviluppo si trova costretta a vivere improvvisamente come profughi. Creature addomesticate dallo sviluppo ora sono costrette a un passaggio nello stato di natura. La legge della natura parifica ciò che l’uomo ha stravolto.
E allora quale è il messaggio ?
I segnali sono tanti: guerre che scoppiano ogni 2 minuti, eventi naturali di portata colossale, benessere economico che diminuisce causato dai governatori che ambiscono ad una popolazione ignorante, priva di cultura in modo da amministrare la cosa pubblica per profitti privati senza che nessuno possa capirne la maniera, animali che trasmettono nuove malattie all’essere umano (pensate se la febbre aviaria viene contratta da un uccello migratore sarebbe un disastro senza storia).
Forse sarebbe ora di mettere freno a questo fermandoci a riflettere che facendo ognuno di noi a meno delle comodità potrebbe salvare quello che di sano è rimasto ?

- CLAUDIO MOICA –

LA GAZZETTANTIOCHENSE offre solo lo spazio per la pubblicazione.
Le lettere non sono assolutamente censurate o tagliate, ma pubblicate nella loro interezza. Anche se ci riserviamo il diritto di eliminare eventuali lettere secondo noi non “degne” di essere pubblicate (per indecenza, maleducazione, contenuti particolari, etc…)

La Redazione non è in alcun modo responsabile dei contenuti delle lettere!

Riferimenti: Sito personale di Claudio Moica

IL SONDAGGIO – Risultati Sondaggio 3

3 Settembre 2005 Commenti chiusi


I SONDAGGI DELLA GAZZETTANTIOCHENSE

I RISULTATI DEL SONDAGGIO n° 3

Siete d’accordo sulla istituzione dell’Isola Pedonale nel Corso e nel Centro Storico di Sant’Antioco ?

- Sono d’accordo
- Non sono d’accordo
- Non so / Non rispondo

RISULTATI
- Sono d’accordo 75 %
- Non sono d’accordo 25 %
- Non so / Non rispondo 0 %

Alla fine del Sondaggio pare che la maggioranza dei lettori sia per l’istituzione dell’Isola Pedonale nel Centro Storico di Sant’Antioco.
La polemica è ancora aperta. Da una parte coloro che sostengono la assoluta necessità di istituire l’Isola Pedonale, convinti che una città storica quale è (o dovrebbe essere) Sant’Antioco dovrebbe assolutamente preservare il suo Centro Storico. Dall’altra coloro (soprattutto commercianti) che sostengono che il Corso e il Centro Storico devono rimanere aperti al traffico.
Si era parlato di un possibile referendum per decidere in proposito.
Di sicura una decisione dovrà essere presa, per il bene del paese, di TUTTO il paese.
La parola adesso passa a chi di dovere, a chi deve prendere una decisione, tenendo conto (si spera) del parere di tutta la popolazione antiochense.

RISULTATI DEI SONDAGGI PRECEDENTI
- Sondaggio n° 1
- Sondaggio n° 2

I sondaggi online della GAZZETTANTIOCHENSE non hanno, ovviamente, alcun valore statistico. Si tratta semplicemente di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l’unico scopo di permettere ai nostri lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità proposti.

News e Appuntamenti

3 Settembre 2005 Commenti chiusi

SULCIS – IGLESIENTE

NEWS

CALASETTA - Concerto dei NOMADI, questa sera allo stadio comunale. Il mitico gruppo romagnolo, tanto amato a Calasetta, presenterà al pubblico vecchi classici ma anche le belle canzoni dell’ultimo album, CORPO ESTRANEO. Appuntamento alle 22, costo del biglietto 10 euro.

CARBONIA - Dopo le polemiche sui mancati lavori estivi di manutenzione la piscina sarà a disposizione per il 12 Settembre. Le iscrizioni sono aperte, fino al 9, dalle 16 alle 19.

IGLESIAS - Lodevole iniziativa dell’Associazione per l’Università del Sulcis-Iglesiente. Sono infatti previsti incentivi alle matricole che si iscriveranno al corso di Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio con indirizzo recupero ambientale. I primi 250 iscritti riceveranno 250 euro con il dovere però di superare almeno due esami entro Luglio.

IGLESIAS - La giunta comunale di Iglesias ha cominciato il tour all’interno del suo territorio per farsi raccontare quali sono i problemi che attanagliano i suoi abitanti. Una iniziativa senz’altro utile e che, se svolta nel modo migliore e con le giuste motivazioni, porterà davvero allavvio di miglioramenti nel territorio del comune di Iglesias.

IGLESIAS - Il nuovo direttore del Parco Geominerario è Luciano Ottelli. Per lui 9 voti su 11 da parte del direttivo riunitosi sul Monte Agruxau. Il 16 Settembre si svolgerà l’assemblea per la nomina dei Responsabili d’Area.

PORTOSCUSO - Inizia oggi il Giro della Sardegna in barca a vela con partenza da Marina di Capitana. Al giro partecipa anche una imbarcazione del paese, il nome…“Città di Portoscuso”

SPORT – CALCIO - Inizia ufficialmente domani la nuova stagione del calcio sulcitano con gli incontri della Coppa Italia. Il Monteponi Iglesias, unica squadra sulcitana di Eccellenza, giocherà col Sant’Antioco..

CONCORSI

IGLESIAS – Concorso di poesia CITTA’ DI IGLESIAS (7a edizione). Il 10 Settembre scadono le iscrizioni per la presentazione delle poesie.

GLI APPUNTAMENTI DI OGGI

SANT’ANTIOCO – Festeggiamenti per la Festa di Nostra Signora di Bonaria. Ballo Liscio. Dalle 22

SANT’ANTIOCO – CINEMA IN LAGUNA – Quando sei nato non puoi più nasconderti - Campo Esterno Palasport. Ore 21.45

CALASETTA – Concerto dei NOMADI. Stadio Comunale. Ore 22

S.ANNA ARRESI – AI CONFINI TRA SARDEGNA E JAZZ
BURNT SUGAR ORCHESTRA – TRIBUTE TO SUN RA (ESCLUSIVA)
ERIK TRUFFAZ QUINTET

CARLOFORTE – DALL’ISOLA DELL’ISOLA DI UNA PENISOLA – Doppio appuntamento tra teatro e musica. Spettacolo della compagnia CRONOPIOS, “RICORDI DI PANE”. A seguire musica coi GUNEY AFRICA e il loro concerto di musica tribale. Giardino di note. Dalle 21.30

PORTOSCUSO – Sagra della Salsiccia. Salsiccia, musica, fuochi d’artificio. Lungomare. Ore 20.30

IL SITO DEL GIORNOwww.upaise.com

Riferimenti: IL SITO DEL GIORNO

INTERVENTI – Che invidia le onorevoli pance

3 Settembre 2005 Commenti chiusi

INTERVENTI

- tratto da IL GIORNALE DI SARDEGNA -

CHE INVIDIA LE ONOREVOLI PANCE

Ammettiamolo : è tutta invidia. Andiamo ripetendo che accidenti,è proprio uno scandalo che questi politici facciano un mese e passa di vacanza,anche perché non è che nel resto dell’anno si ammazzino di lavoro. Invochiamo il senso di responsabilità inorridendo di fronte alle tante, poco onorevoli pance al vento. Ci scandalizziamo perché non è mica morale esibire barche e catamarani quando l’inflazione corre,i prezzi impazzano e anche fare la spesa la quarta settimana del mese è diventata un’impresa quasi impossibile. E poi,scusate, mollare tutto e chi si è visto si è visto quando il terrorismo impazza, i conti non tornano, le scalate finanziarie finiscono sotto inchiesta e le intercettazioni imperversano vi sembra cosa seria ? Scontata la risposta:è un coro di no. Vero, verissimo, inconfutabile: dai politici che reggono (?) le sorti del Belpaese ci aspetteremmo un bel pò di impegno in più. Ma siamo onesti: la preoccupazione per il passo stentato dello Stivale è poca cosa rispetto alla gigantesca invidia che ci divora a guardare i politici fare 30, 40 giorni di vacanza, scialare denaro, frequentare posti esclusivi. Loro, poverini, si difendono: e ricordando che non è sempre così, che i ritmi della politica sono stressanti, che ci sono riunioni infinite da sopportare, strategie di sopravvivenza da mettere a punto, lotte per il potere da sostenere. Però vuoi mettere,la differenza. Con quello che guadagnano e la settimana bella corta che si sono confezionati, possono permettersi fine settimana, viaggi anche durante l’anno (biglietti aerei rimborsati anche alla famiglia, per la serie piove sul bagnato), ritiri in beauty farm che portano via tensioni muscolari e non e shopping senza freni che è sempre un potentissimo antistress. Noi guardiamo le loro foto sui giornali,sorridenti e spensierati, allegri e rilassati mentre siamo in fila in autostrada col sole a picco, belli cotti dal sole e un budget striminzito da fare quadrare. Invidiarli non è forse il più inevitabile degli umani sentimenti ?

- di Sara Panarelli -

[ tratto da IL GIORNALE DI SARDEGNA del 1 Settembre 2005 ]
Riferimenti: IL GIORNALE DI SARDEGNA