Home > Senza categoria > EDITORIALE – E se la soluzione fosse l’Università ?

EDITORIALE – E se la soluzione fosse l’Università ?

15 Ottobre 2005

EDITORIALE

E SE LA SOLUZIONE FOSSE L’UNIVERSITÀ ?

Da tanto, troppo tempo si parla di sviluppo del territorio, di rilancio del Sulcis-Iglesiente, di nuove opportunità, di quello che può (o potrebbe) dare il turismo alla nostra zona. Voci che si rincorrono, spesso uguali e indistinte, di saccenti personaggi che parlano senza sapere, si pronunciano su questo o quell’argomento senza dire nulla. Eppure pensano di avere la verità, le chiavi per lo sviluppo del territorio, anche se poi, alla resa dei conti, pensano solo a trovare poco credibili giustificazioni per quello che hanno detto ma mai hanno fatto.
Quante persone così ci sono nel Sulcis-Iglesiente?
Purtroppo tantissime.
Abbiamo parlato della necessità di un aeroporto e di un miglioramento generale dei trasporti per uscire da quell’isolamento che dura ormai da troppo tempo e che non permette a questo territorio di crescere e comunicare. È notizia degli ultimi giorni che un nuovo aeroporto nascerà davvero in Sardegna, nella zona di Castiadas.
Quello che ci chiediamo è se ha senso continuare così, a guardare il resto della Sardegna che progredisce, va avanti, lavora, costruisce, pensa seriamente al futuro, mentre noi rimaniamo fermi, sempre nello stesso punto, riempiendoci la bocca di parole e promesse.
È davvero una cosa impossibile (come molti ci hanno detto) pensare alla costruzione di un aeroporto del Sulcis-Iglesiente ? È davvero una cosa dell’altro mondo pensare di rimboccarsi le maniche e cominciare a reperire fondi per la sua costruzione ?
A quanto pare per i nostri politici sì, per loro la cosa è impossibile. Altrimenti si sarebbero già attivati.
Ma ci rendiamo conto di quanti posti di lavoro porterebbe un aeroporto ?
Centinaia, forse migliaia. Rifletteteci su.

Ma in queste poche righe è un altro l’argomento di cui vogliamo parlare.
Detto della necessità di un aeroporto, ora vogliamo suggerire un’altra grande opportunità di sviluppo: l’Università.
Già, avete ben capito. L’Università.
Avete mai riflettuto su quello che porterebbe a tutto il nostro territorio l’istituzione di una “Università del Sulcis-Iglesiente” ?
Badate bene, non stiamo parlando di quelle università a distanza che spesso sono solo uno specchietto per le allodole, dove si paga molto e si ottiene poco (quella di Calasetta, ad esempio, chiuderà i battenti tra non molto).
Noi stiamo parlando di una università vera, reale, concreta.
Una università con una sede, un rettore e un rettorato, diverse facoltà, magari corsi di laurea che non ci sono nelle altre università sarde.
Pensate a quanti studenti del Sulcis-Iglesiente si trasferiscono a Cagliari o a Sassari al termine del percorso di studi che li ha portati al diploma. Sono tantissimi, probabilmente migliaia di ragazzi.
Perché devono essere costretti ad andare fuori ?
Perché devono essere costretti a spendere tanti soldi per andare a Cagliari o a Sassari ?
Non sarebbe meglio (e più giusto) se questi ragazzi e questi soldi restassero nel nostro territorio ?
E allora pensiamoci, riflettiamoci bene, per un attimo.
Avete idee di quanti posti di lavoro e di quanto sviluppo potrebbe portare una università in questo territorio così in crisi e disastrato ?
Probabilmente i primi a non rendersene conto sono i nostri “beneamati” amministratori, altrimenti non perderebbero tempo a proporci inutili lauree a distanza, reclamandole ed incensandole come se fossero chissà cosa.
L’Università porterebbe sviluppo, benessere, posti di lavoro, rilancio dell’economia.
Allora perché non pensarci seriamente ?
Voi che ne dite ?

Riferimenti: FORUM

  1. L’Uomo Nero
    17 Ottobre 2005 a 18:03 | #1

    Dal sito internet della Regione “…17.409.000 euro sono stati destinati dalla Regione alla messa in sicurezza della portualità di interesse regionale per il traffico passeggeri e merci (tra cui Buggerru, Calasetta, Carloforte, Porto Torres, Portovesme)….
    E Sant’Antioco?
    Ah scusate il Baghino ha già detto che non gli fanno usare i soldi già stanziati, figuriamoci se ne chiede degli altri.
    Proprio cattivi alla Regione e angioletti i nostri amministratori della Repubblica delle Banane!!

  2. Mister X
    17 Ottobre 2005 a 20:14 | #2

    L’università darebbe molto lavoro, così come l’aeroporto. Tante cose si risolverebbero qui nel nostro teritorio. Bravi voi della GA a segnalare tutto, ma chi vi ascolta?Purtroppo nessuno.

  3. il principe
    18 Ottobre 2005 a 15:06 | #3

    Perchè no !!! Si all’università.
    Per la fattibilità di un aeroporto,in una certa area geografica,entrano in gioco parametri vari relativi al bacino di utenza,alle compagnie,non ultimo la quantità di passeggeri in transito.Infatti gli aeroporti si sostengono,tra le altre cose,dalle tasse aeroportuali che il passeggero elargisce non alle compagnie ma all’ente aeroportuale,inoltre il trasporto merci (trascurabile in quell’area).Alcuni aeroporti nel nord Italia sono in crisi (fallimento)per mancanza di passeggeri,cioè ne occorre almeno un milione per un piccolo aeroporto senza tante grosse infrastrutture.Pensate che Torino caselle ne’veicola mediamente circa 3 molioni.Con le olimpiadi forse arriverà per una volta ,una tantum,a 4 mil.
    La strada è in salita,penserei piutosto alle strade (verdi permettendo)per permettere percorrenze con tempi ridotti.AUTOSTRADE.Vel.max consentita 130 Km/h.Fatte i conti Sant’Antioco -CA
    +/- 45 minuti.E’ accettabile ? Si.Rispetto ai tempi di oggi.Tutto il bacino di utenza trarrebbe molto vantaggio.Pensate che gli studenti di Buggerru ,in molti, casi non frequentano piu’le scuole per la sofferenza del viaggio per Iglesias con scombussolamenti vari -nausee-mal di testa…etcc.orari di trasporto proibitivi.Totali impegni 8 ore giornaliere piu’ studio etcc…
    Non è possibile.
    Alternativa …colleggio ..pagato da chi…
    Come si fa’ a far progredire un territorio se non si da’ una scolarità certa senza alibi ai giovani ?
    Non sono mica andiccappati.
    Svegliamoci.
    Fare… fare…fare…
    Aiou,diamoci da fare…tutti…sempre.
    Il principe.

  4. Psyco
    19 Ottobre 2005 a 21:02 | #4

    le idee e le proposte di voi della GA sono sempre belle e innovative, peccato che non ci sia chi le recepisce e soprattutto chi riesca almeno lontanamente a capire quanto queste cose sarebbero utili per il nostro territorio…poveri noi!

  5. nana
    3 Novembre 2005 a 18:18 | #5

    la costruzione di un aereoporto è di difficile realizzazione perchè nel sulcis non c’è un bacino di utenza sufficiente, figuriamoci se non ricordo male era ( o è ancora) in crisi l’aeroporto di alghero quindi non penso possa risultare florido uno nella nostra zona.
    Per l’università bisogna ugualmente fare una considerazione di costi-benefici. Avete idea di quanti soldi divori un’università? Sarebbe poi in grado di competere con Cagliari? Prendete ad esempio i molti studenti del nuorese che pur essendo più vicini a sassari preferiscono andare a cagliari…non so ma dubito

I commenti sono chiusi.