Archivio

Archivio 8 Novembre 2005

ATTUALITA’ – Grazie all’Alcoa nasce il centro di documentazione

8 Novembre 2005 Commenti chiusi

ATTUALITA’

SPECIAL OLYMPICS
GRAZIE ALL’ALCOA NASCE IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE

CARBONIA. Adesso può nascere, quel “Centro di documentazione multimediale” che il team regionale Special Olympics ha in animo di realizzare da anni. Una struttura “leggera” nell’hardware ma “pesante” quanto a significati: l’archivio di un’attività densa di azioni concrete, di fatti che solo dal racconto delle parole e delle immagini, dei “bianco e nero” dei caratteri di stampa e dei mille colori di un video, può essere resa efficacemente. A consentire al gruppo isolano dell’organizzazione che si occupa di sport per disabili mentali di costruire il “Centro” è ancora una volta l’ALcoa Foundation: una fondazione che in questi anni ha sostenuto copiosamente il volontariato locale e che ha già aiutato Special Olympics in Sardegna aderendo ad iniziative come “Adotta un atleta” e finanziando la costruzione di una palestra che è l’unica in Sardegna ad essere gestita interamente da “ragazzi speciali”. L’assegno consegnato al team Sardegna ha il valore di 7.050 euro: con la somma saranno acquistati tutti i supporti per la costruzione di una “mediateca” che sarà utile in primo luogo a diffondere il “verbo” Special Olympics in tutta la Sardegna: “Se avessimo potuto iniziare nel 2000, quando è nata la prima società Special Olympics, l’Olimpia Carbonia - dice il direttore regionale Carlo Mascia – il “Centro di documentazione multimediale” conterrebbe oggi una mole smisurata di materiale di ogni genere. La nostra è un’attività complessa e necessita di ogni genere di mezzo di comunicazione per essere raccontata, spiegata, compenetrata a fondo dai nostri interlocutori, in primo luogo i disabili e le loro famiglie”. L’opera di Roberto Lindori, responsabile dell’area Immagine, può adesso iniziare: il lavoro sarà lungo e impegnativo.

[ g.d.p. ]
- tratto da LA NUOVA SARDEGNA -

- LEGGI LE NEWS
- DISCUTINE SUL FORUM

Riferimenti: LA NUOVA SARDEGNA