Home > Senza categoria > LIBRI – Santadi: La cultura del Pane e dell’Olio

LIBRI – Santadi: La cultura del Pane e dell’Olio

16 Dicembre 2005


LIBRI

SANTADI: LA CULTURA DEL PANE E DELL’OLIO
Un libro edito dal Comune con la raccolta di detti, proverbi e racconti gastronomici

SANTADI. “L’appetito vien mangiando”. Ancor di più se a tavola ci sono olio di frantoio e pane tradizionale. Lo sanno bene le centinaia di persone che hanno inviato ricette, poesie, proverbi e racconti il cui tema è rappresentato da questi due elementi della gastronomia locale. I lavori sono stati raccolti in un opuscolo di poco più di 60 pagine e sono il risultato di una singolare iniziativa promossa dal Comune in occasione della Sagra autunnale “Pane & Olio in Frantoio”.

Giancarlo Melario, assessore comunale al turismo, guarda con malcelata soddisfazione a quel piccolo libro che racchiude autentiche perle di saggezza, tradizione, estro, fantasie popolari. Sessanta pagine da leggere tutte d’un fiato. Vi sono ricette, racconti, poesie e proverbi. Alcuni ingenui, altri curiosi, tutti interessanti. Si coglie lo sforzo fatto da piccoli e adulti per ricercare vecchie ricette, intervistare gli anziani del paese alla ricerca dei proverbi più antichi e attinenti al tema. Encomiabile il lavoro dei ragazzi della locale scuola dell’obbligo che hanno preparato disegni, poesie e quant’altro è servito per impreziosire quest’opera così originale. Il tema, naturalmente, pane ed olio. I lavori hanno però privilegiato il primo elemento, forse il più semplice da trattare per la disponibilità del materiale. Non sono mancate, tuttavia, delle autentiche espressioni poetiche e letterarie riguardanti l’olio e le olive. Tutto è nato da un concorso bandito, senza eccessive pretese, dal Comune. Un concorso, bisogna dire, atipico perché senza premi. I partecipanti come giusto premio per la loro fatica avranno l’onore di vedere pubblicati i lavori nel libro: “Non credevo che l’iniziativa potesse avere un tale successo – conferma Giancarlo Melario – sin dai primi giorni sono arrivati decine di lavori. I collaboratori hanno avuto un bel da fare per selezionare le opere e raccoglierle nelle varie sezioni: ricette, racconti, proverbi etc.., abbiamo così deciso di pubblicare i lavori pervenuti in un piccolo opuscolo che abbiamo poi messo a disposizione di tutti. La cosa più strana è che i lavori continuano a pervenire nonostante siano trascorse diverse settimane dalla conclusione della Sagra “Pane & Olio in Frantoio”.
La disponibilità di tanto materiale farà nascere un secondo opuscolo che servirà non solo per documentare una manifestazione che anno dopo anno sta suscitando un interesse sempre più diffuso ma anche per proporre degli spunti culturali e delle riflessioni intorno ai prodotti tipici dell’economia locale. I libri sono ancora disponibili presso il Comune. Sono un prezioso documento per conoscere e riappropriarsi di un patrimonio inestimabile delle genti suscitane.

[ Enrico Cambedda ]
- tratto da LA NUOVA SARDEGNA del 14 Dicembre -

Riferimenti: LA NUOVA SARDEGNA

I commenti sono chiusi.