Archivio

Archivio Dicembre 2005

Gli Appuntamenti nel Sulcis Iglesiente

10 Dicembre 2005 Commenti chiusi

GA APPUNTAMENTI

TUTTI GLI APPUNTAMENTI NEL SULCIS IGLESIENTE

22 DICEMBRE
IGLESIAS - Primo Concerto di Natale organizzato dalla Pro Loco di Iglesias in collaborazione con il Quartiere Castello. A seguire Gruppi Giovanili suoneranno musica di tutti i generi per allietare il Natale di tutti. Piazza Municipio. Dalle 18.30

23 DICEMBRE
SANT’ANNA ARRESI - “Concerto Corale di Musica Sacra Natale 2005″.

24 DICEMBRE
SERBARIU – Esposizione e vetrina per artisti e artigiani. Sede Eiss. Dal 24 a fine anno.

26 DICEMBRE
SANT’ANNA ARRESI - Recital “Un Natale speciale” interpretato dai bambini e dal coro parrocchiale. Parrocchia di Sant’Anna. Ore 18

31 DICEMBRE
SANT’ANNA ARRESI - Seconda edizione di “Caldarroste in piazza”.

5 GENNAIO
SANT’ANNA ARRESI – Animazione per bambini “Aspettando la Befana”.

Riferimenti: GA FORUM

ATTUALITA’ – Ferrovie, resterà solo un dipendente nella stazione telecomandata

9 Dicembre 2005 4 commenti


ATTUALITA’

CARBONIA

FERROVIE, RESTERA’ SOLO UN DIPENDENTE NELLA STAZIONE TELECOMANDATA

Di mattina bisognerà sperare che non incida troppo la carenza cronica di personale negli organici di TRenitalia, ma di pomeriggio sarà il deserto.
E’ questo lo scenario che si presenterà nella stazione di Carbonia a partire dal 19 Dicembre, giorno in cui leverà le tende una volta per tutte anche il capostazione. Non è una novità visto che negli ultimi sei anni la stazione è stata telecomandata dal capostazione di Villamassargia. Ma nel futuro terminati i lavori di trasferimento dei comandi online a Cagliari, anche la stazione di Villamassargia sarà telecomandata dal capoluogo.
L’intero sistema degli scambi e del traffico ferroviario sarà gestito da Cagliari. E da quel giorno nella stazione capolinea del Sulcis ci sarà da stare poco allegri. Trenitalia, divisione Trasporto regionale, garantirà infatti di mattina la presenza di un dipendente per l’emissione dei biglietti. Ma la sua presenza non sarà sicura al cento per cento perchè l’azienda è alle prese con un problema divenuto annoso: le carenze d’organico. In passato si sono verificate assenze. Potrebbe quindi sopperire all’inconveniente un dipendente di Trenitalia, però divisione merci, che solitamente presidia la stazione di mattina e talvolta anche di sera. Ma la sua presenza pomeridiana è un’eccezione e non la regola.
Dunque, di pomeriggio la stazione di Carbonia somiglierà ad un deserto di binari e traversine. I treni arriveranno e partiranno secondo un ritmo scandito dalla voce metallica di un altoparlante che contiene le informazioni registrate. Per comprare i biglietti ci si dovrà servire del bar annesso alla struttura, come avviene ormai da anni, oppure della macchinetta erogatrice che non tutti soddisfa. Soprattutto non piace ai viaggiatori anziani (e non sono pochi) propensi per il contatto umano con la classica figura del ferroviere.

[ a.s. ]
- tratto da L’UNIONE SARDA del Dicembre 2005 -

- LEGGI LE NEWS
- DISCUTINE SUL FORUM

Riferimenti: L’UNIONE SARDA

Sondaggio della GA – Sondaggio n° 6

7 Dicembre 2005 1 commento

IL NUOVO SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE

SONDAGGIO n° 6

SEI FAVOREVOLE AL PARCO DEL SULCIS ?
Il tema del nuovo sondaggio è attuale in questi giorni soprattutto per le polemiche suscitate a Santadi tra i sostenitori (tra cui il sindaco Sundas) e gli oppositori al Progetto del Parco del Sulcis che dovrebbe essere istituito nella zona di Santadi.
Per farvi un idea leggete questo articolo:
Ancora opposizione al Parco del Sulcis

Il sindaco di Santadi pare intenzionato a indire un referendum tra i suoi concittadini.
Noi vogliamo sapere cosa ne pensate voi !

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE

Sei favorevole alla istituzione del Parco del Sulcis ?

- Sono favorevole
- Non sono favorevole
- Devono decidere i cittadini di Santadi con un referendum
- Non so/Non rispondo

Rispondete al sondaggio inviando una messaggio alla nostra mail : gazzettantiochense@tiscali.it
o inserendo la vostra opinione nei commenti a questa pagina.
oppure mandate un SMS al numero della GA :
3484095034

POTETE VOTARE ANCHE DAL NOSTRO FORUM - CLICCATE QUI

IL SONDAGGIO DURERA’ UN MESE

RISULTATI DEI SONDAGGI PRECEDENTI
- Sondaggio n° 1
- Sondaggio n° 2
- Sondaggio n° 3
- Sondaggio n° 4
- Sondaggio n° 5

I sondaggi online della GAZZETTANTIOCHENSE non hanno, ovviamente, alcun valore statistico. Si tratta semplicemente di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l’unico scopo di permettere ai nostri lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità proposti.
Riferimenti: GA FORUM

INTERVENTI – Dai consumi all?interscambio, Italia nuovo hub per l?energia

6 Dicembre 2005 Commenti chiusi

INTERVENTI

Abbiamo voluto pubblicare questo articolo perchè si parla anche del nostro territorio.
Cosa ne pensa te ?

AI CONSUMI ALL’INTERSCAMBIO, ITALIA NUOVO HUB PER L’ENERGIA

Le infrastrutture stanno cambiando il ruolo dell’Italia: “da consumatore netto, da spugna che prosciuga energia dai Paesi che hanno risorse, il nostro Paese sta diventando un punto di scambio, uno snodo o, per usare un termine tecnico, un hub dell’energia”. Lo sottolinea Nicola Monti, responsabile sviluppo gas di Edison, intervenendo a Sinergy 2005, forum internazionale dell’energia in corso nel quartiere fieristico di Rimini. “I giacimenti del Mare del Nord – spiega Monti – sono ormai quasi vuoti, mentre i Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo (Algeria, Egitto e Libia) si stanno dotando di infrastrutture che consentono di portare verso l’Italia e i mercati europei non soltanto il metano (si stima che al 2020 l’Europa a 30 brucerà 800 miliardi di metri cubi di metano l’anno, mentre quando in Italia partiranno tutte le nuove centrali elettriche già autorizzate consumerà 100 miliardi di metri cubi), ma anche il gas già trasformato in elettricità”. Stanno per partire molti progetti, come il gasdotto Galsi da El-Kala in Algeria fino alla zona del Sulcis in Sardegna, che poi arriverà fino a Piombino (Livorno), come fa presente l’algerino Mouhoub Bouchakour a Sinergy. Proprio dall’Algeria Abdnour Al Alamy (Sonelgaz) illustra il processo di trasformazione dell’azienda di Stato in una holding con quattro direttrici operative. Nel settore elettrico Sonelgaz vanta 5,4 milioni di clienti, per il gas 1,9 milioni. Il fatturato complessivo è di circa un miliardo di euro. La capacità elettrica installata è di 6.731 megawatt, distribuiti da 234mila chilometri di linee. Il programma, che scade nel 2010, prevede l’installazione di altri 3.500 megawatt. I progetti di partenariato industriale riguardano Canada, Francia, Germania, Giappone, Spagna e Italia (verso la Sardegna una linea per il trasporto di mille megawatt). Il partenariato con i Paesi direttamente confinanti (a Ovest il Marocco, a Est la Tunisia) completano il sistema di reti di trasporto del gas dall’Algeria verso nord. A Sinergy si pone molta attenzione alle energie rinnovabili e interesse suscita l’intervento dell’Agenzia internazionale dell’energia (Aie), che per voce del presidente italiano, Roberto Vigotti, evidenzia come nel 2030 un miliardo di persone non avrà accesso all’elettricità, nonostante i 16 miliardi di dollari che dovranno essere investiti nel settore energetico nei prossimi 25 anni. E senza elettricità non ci sono le condizioni per uscire dalla miseria. In larga parte del mondo, quando arriva la corrente nascono microattività che consentono di uscire dal sottosviluppo. Sulle fonti rinnovabili lo scenario sul quale l’Aie preme per il prossimo trentennio non è più lo scenario di riferimento, quello consolidato, bensì quello “alternativo”, possibilmente da rendere più vicino possibile nel tempo, con un imponente sviluppo delle fonti rinnovabili come soluzione complementare al mercato dei combustibili fossili. “Nel 2030 – osserva Vigotti – se venisse applicato lo scenario alternativo definito dall’Aie si potrebbero risparmiare 12,8 milioni di barili di petrolio al giorno, aumentando così la sicurezza degli approvvigionamenti e mitigando il rischio del portafoglio energetico. Alcune tecnologie possono invece già vantare una certa competitività”. E’ il caso dell’eolico, i cui costi di investimento per un impianto (3-5 euro al chilowatt installato) sono oggi simili a quelli di una centrale a ciclo combinato turbogas (3,5-4,5 euro al chilowatt).
Intanto Edison si aggiudica la fornitura di energia elettrica alle pubbliche amministrazioni della Campania nell’ambito della gara indetta da Consip, la società per azioni del ministero dell’Economia. In particolare, a Edison sono assegnati i Lotti 1 e 3, che corrispondono alle regioni di Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria Sicilia e Sardegna. Dal 1° gennaio 2006 Edison potrà quindi fornire energia elettrica a ministeri, Regioni, Province, Comuni, scuole e caserme, consolidando il proprio ruolo di secondo operatore nazionale dell?energia. I termini del bando di concorso, la cui durata sarà di dodici mesi, prevedono che Edison soddisfi un fabbisogno delle pubbliche amministrazioni pari a 650 milioni di chilowattora all?anno. Già da oggi le pubbliche amministrazioni potranno rivolgersi al numero verde di Edison 800031121 per ottenere tutte le informazioni sulle offerte loro riservate.

- tratto da www.denaro.it
Riferimenti: DISCUTINE SUL FORUM

Le News del Sulcis Iglesiente

5 Dicembre 2005 Commenti chiusi

GA NEWS

DICEMBRE 2005

ATTUALITA’ - Fra i nove vini italiani scelti da Wine Enthusiast, la rivista americana dedicata ai vini tra le più importanti e seguite al mondo, per entrare nell’annuale top 100 figurano anche il Carignano del Sulcis 2001 e il Rocca Rubia Riserva di Cantina Santadi. Riconoscimento importantissimo dunque per i due pregiati vini del nostro territorio.

BINDUA - Finalmente riaperta, seppur con grave ritardo, la statale 126 all’altezza della frazione di Binda. La strada è stata riaperta solo dopo la mobilitazione degli abitanti della zona.

CARLOFORTE - Lucio Aste è il nuovo presidente della Cooperativa Casa del Proletariato, che gestisce il cineteatro Cavallera. Aste prende il posto di Salvatore Rivano.

SANT’ANTIOCO - L’assessore alla Cultura, allo Sport e alla Pubblica Istruzione Mariano Gala e il consigliere Graziano Milia si sono dimessi dalla loro carica, in quanto non ci sarebbero più le condizioni di governabilità. Ora la Giunta Baghino è davvero a un passo dal capolinea.

PORTOSCUSO - La poetessa iglesiente Marinella Sestu si è aggiudicata, grazie alla poesia “D’inverno una barca”, la seconda edizione del premio letterario “Ennio Loddo” organizzato dalla Pro loco di Portoscuso. Nella sezione dedicata agli elaborati realizzati dalle scuole hanno vinto le classi terza e quarta delle elementari di Portoscuso.

CARBONIA - Le iscrizioni al master universitario di secondo livello in “Recupero e conservazione dell’architettura moderna” sono state oltre sessanta. I posti a disposizione sono però solo 30.

PROVINCIA - Il deputato Udc, Antonello Mereu, ha denunciato in una interrogazione a risposta scritta al ministro dell’interno Beppe Pisanu, la situazione penosa in cui versa la Nuova Provincia, senza personale e senza risorse e col rischio di incorrere nel blocco delle assunzioni previsto dalla nuova legge Finanziaria.

SAN GIOVANNI SUERGIU – Il poeta scrittore di San Giovanni, Claudio Moica, è tra i vincitori finalisti del Concorso “Cento Poeti per Cento Poesie” della Biennale della Poesia di Venezia. Il poeta si è aggiudicato il prestigioso riconoscimento grazie alla poesia “L’uomo nella torre” e ritirerà il premio presso il Palazzo del Cinema di Venezia Lido, la sera del 16 Dicembre 2005.

PORTO PINO – Verrà presto avviato un cantiere per la riqualifica e il recupero il canale che alimenta gli stagni delle Saline. A realizzare i lavori sarà una ditta di Quartucciu, che ha vinto l’appalto.

SANT’ANTIOCO - È stato costituito il Comitato per l’Unione, al quale aderiscono partiti, associazioni, movimenti e liberi cittadini facenti parte del centrosinistra. Le sue funzioni sono di tipo organizzativo in previsione delle prossime primarie per la scelta del candidato leader della coalizione cittadina.

MASAINAS - Il cimitero monumentale del paese subirà un lavoro di sistemazione. L’intervento prevede anche la realizzazione di una piazzetta interna col selciato in pietra e costerà al Comune oltre 71 mila euro.

SANT’ANTIOCO - Le abbondanti piogge dei giorni scorsi hanno rovinato il pavimento del Corso Vittorio Emanuele, dove molte mattonelle sono letteralmente saltate fuori. Il Corso, completamente rifatto questa estate, è stato dunque chiuso al traffico. Torna d’attualità, dunque, il discorso sulla necessità di chiudere al traffico la principale via di Sant’Antioco.

CARBONIA - Per la festività natalizie il Centro Informagiovani resterà chiuso dal 19 al 31 Dicembre.

CARBONIA - Ci sono ben 60 nuovi alloggi in costruzione fra via Roma e via Roux, che costeranno allo Iacp circa 4 milioni di euro. Per accedervi sarà presto pubblicato dal Comune un apposito bando.

SULCIS IGLESIENTE – La Giunta Regionale ha approvato in via definitiva il programma dei lavori presentato dalla società Igea per il risanamento delle aree dismesse del Sulcis Iglesiente – Guspinese. Gli interventi permetteranno la stabilizzazione di 486 lavoratori socialmente utili e riguarderanno le opere di bonifica, risanamento ambientale, valorizzazione archeologica e museale nelle aree ex minerarie. In particolare, le aree interessate dalle azioni di recupero saranno Campo Pisano, Monteponi, Monte Agruxiau e San Giovanni e quelle del compendio minerario di Masua.

IGLESIAS - Grande partecipazione domenica 4 Dicembre alle celebrazioni in onore di Santa Barbara, Santa protettrice dei minatori, nella Chiesetta di Monteponi, dove è stata celebrata la Santa Messa dal vescovo emerito Giovanni Cogoni.

NEWS DI NOVEMBRE 2005
NEWS DI OTTOBRE 2005
NEWS DI SETTEMBRE 2005

Riferimenti: GA FORUM

ATTUALITA’ – Ancora opposizione al Parco del Sulcis

5 Dicembre 2005 Commenti chiusi

ATTUALITA’

SANTADI

ANCORA OPPOSIZIONE AL PARCO DEL SULCIS
E IL SINDACO ANNUNCIA IL REFERENDUM

“Se sarà necessario troveremo il modo per fare una consultazione popolare”. Elio Sundas, sindaco di Santadi è intenzionato a ricorrere al referendum per scoprire cosa pensano i suoi concittadini dell’ipotesi che il Comune aderisca al progetto di Parco del Sulcis.
Neppure l’assemblea popolare organizzata dall’amministrazione venerdì pomeriggio nel Centro sociale, ha chiarito dubbi e perplessità. Anzi hanno prevalso le voci di chi è assolutamente contrario all’adesione al parco, anche se Sundas non ne condivide i motivi. “Il territorio che dovrebbe essere inserito nel parco – spiega infatti il sndaco – è già oasi faunistica, quindi sottoposta a diversi vincoli tra i quali quello dei divieti di caccia”.
“Ebbene – aggiunge Elio Sundas – aderendo al parco avremmo ben poco da perdere perchè non verrebbero introdotti ulteriori vincoli mentre, al contrario, potrebbero offrirsi alla comunità nuove opportunità per valorizzare il bosco e rilanciare il territorio”.
In ogni caso, il sindaco annuncia di non avere nessuna intenzione di “andare contro la volontà dei cittadini”. Anche se annuncia che, per sapere effettivamente come la pensano a Santadi, “troveremo il modo di organizzare una consultazione popolare”.

- tratto da L’UNIONE SARDA del 5 DICEMBRE 2005 -

Riferimenti: DISCUTINE SUL FORUM