Archivio

Archivio Gennaio 2006

Concorso "Poesie di solidarietà…per ricordare Tiziana"

18 Gennaio 2006 Commenti chiusi

CONCORSO
“POESIE DI SOLIDARIETA’…PER RICORDARE TIZIANA”

A volte ci piace dare spazio ad iniziative meritevoli, per il semplice gusto di fare qualcosa di giusto. Per questo abbiamo deciso di pubblicizzare questo concorso di poesia.
Vi inviamo, per esteso, la mail che abbiamo ricevuto, farà di certo capire meglio il senso di questo concorso:

Sono certo che le iniziative culturali in Sardegna non mancano, come non mancano giovani talenti che si si affacciano all’arte o alla letteratura. Nello specifico… la letteratura, e per essa la poesia, è uno di quei mondi sempre poco trattati dai giovani e tra i giovani. Eppure è sempre tempo di poesia soprattutto quando la durezza della vita ci invita a riflettere sulle nostre disgrazie e anche su quelle degli altri. Da considerazioni molto “banali” è nata l’idea di sposare un ricordo alla cultura e alla solidarietà. In tal senso nasce la volontà di coniugare le tre cose per fare del bene..nella accezione più nobile del suo significato. Fare bene, non con l’elemosina, ma come sistema per portare aiuto in situazioni di grave disagio.
L’Associazione Cultura & Solidarietà…ricordando Tiziana, si prefigge di diffondere la cultura della solidarietà anche attraverso concorsi o eventi letterari divulgati anche tra i giovani e nelle scuole di ogni ordine e grado.
La vostra Gazzetta può bene assolvere anche a questo compito di diffusione delle iniziative destinate anche ai giovani facendosi mezzo di comunicazione delle stesse.
Con la presente vi chiedo cortesemente di diffondere l’iniziativa tra i giovani pubblicando su vostro sito il concorso di poesia…come da bando allegato.
Al concorso è legata la pubblicazione di un libro dal titolo “Poesie di solidarietà per ricordare Tiziana” che sarà posto in vendita in offerta ed il ricavato destinato a sostegno del progetto “Dignità alla Sofferenza” gestito dall’Associazione “Uniti per la vita” che opera nell’ospedale oncologico di Cagliari e prevede l’assistenza ai malati di tumore e l’acquisto di una poltrona per camera al fine di umanizzare la degenza in ospedale.
Al precedente progetto per Bongor in Chad – Africa centrale l’Associazione a dato 7400,00 euro frutto della vendita in offerta di 1000 libri per la realizzazione di una scuola. E’ particolarmente gradita la partecipazione alla sezione lingua sarda in tutte le varianti. Vi ringrazio di cuore se deciderete di divulgare il concorso ai vostri associati. Ancora grazie per il vostro interessamento. Visitate il sito dell’Associazione www.ricordandotiziana.it.
Presidente G. Atzori..Guspini

Noi abbiamo voluto accogliere la proposta del presidente Atzori e, qui di seguito, Vi presentiamo il bando del concorso.

__________________________________________________________________

2° Concorso di poesia
“Poesie di solidarietà?per ricordare Tiziana?
Anno 2006

REGOLAMENTO

1 – Si partecipa al concorso, articolato in quattro sezioni, ragazzi, giovani, adulti per la lingua italiana e in vernacolo (lingua sarda), con massimo di una silloge di tre poesie edita o inedita, mai premiata in precedenti concorsi o presentazioni pubbliche, con tema libero, della lunghezza massima di trenta versi ognuna, con ampia libertà di stile e di metrica.
Le quattro sezioni si articolano in:
1a sezione ragazzi dai 10 ai 14 anni
2a sezione giovani dai 15 ai 18 anni
3a sezione Adulti oltre i 18 anni
4a sezione in vernacolo (lingua sarda)
2 – Il testo della poesia, in cinque copie dattiloscritte, di cui quattro anonime e una recante in calce nome e cognome, indirizzo completo, dati anagrafici e recapito telefonico, deve essere consegnato o spedito alla sede provvisoria dell’Associazione via Machiavelli, 3 09036 Guspini Cagliari cell. 3392040136 – 3497914199 entro il 28 Febbraio 2006.
Il testo può essere inviato in unica copia, recante tutti i dati anagrafici richiesti e la dichiarazione di trattamento dei dati personali, attraverso posta elettronica al seguente indirizzo: poesiedisolidarieta@virgilio.it o cultsolid@hotmail.it anche attraverso il sito internet www.ricordandotiziana.it
Sarà cura dell’Associazione comunicare la ricezione dell’opera sempre a mezzo e-mail.
Nella comunicazione si dovrà specificare l’eventuale partecipazione alla serata finale di presentazione delle opere…fermo restando che l’Associazione non rimborserà alcuna spesa: viaggio, alloggio, consumazione pasti ecc; che s’intende a carico dell’autore che parteciperà alle serate.
3 – La partecipazione al concorso è gratuita e nulla è dovuto come quota d’iscrizione al Concorso.
4 – Il giudizio della Giuria Tecnica, che valuterà gli elaborati in forma anonima, in tutta la fase del concorso è da ritenersi insindacabile. I nominativi dei Componenti la Giuria Tecnica saranno resi noti all’atto della premiazione.
5 – La partecipazione al Concorso è estesa alle Scuole elementari, medie e superiori affinché le poesie siano anche un momento di riflessione con i docenti sul tema della solidarietà come valore sociale da incentivare.
6 – I dati personali saranno utilizzati esclusivamente ai fini del presente concorso, alla formulazione delle graduatorie, alla pubblicazione delle poesie in apposita antologia e per l’invio di futuri bandi.
7 – I premi del Concorso sono cosi articolati
euro 150 – 1° CLASSIFICATO + TARGA + DIPLOMA DI MERITO
euro 100 – 2° CLASSIFICATO + TARGA + DIPLOMA DI MERITO
euro 50 – 3° CLASSIFICATO + TARGA + DIPLOMA DI MERITO
Premio speciale per la sezione poesia in vernacolo
1°classificato di ogni sezione targa ricordo
Gli altri elaborati fino al sedicesimo posto riceveranno una menzione della Giuria Tecnica e la medaglia ricordo.
A tutti i partecipanti al Concorso presenti in sala nella serata finale sarà consegnata una medaglia ricordo della manifestazione con diploma di partecipazione.
7bis – La sezione in vernacolo concorrerà separatamente rispetto alle altre tre e saranno considerate idonee le poesie presentate in ogni versione della lingua sarda.
8 – Le poesie inviate non saranno restituite. L’Associazione non è tenuta ad alcuna comunicazione, sull’esito del Concorso, ai concorrenti non premiati. Notizie potranno essere attinte dal sito-web del Concorso o dai quotidiani locali.
Tra tutti gli elaborati pervenuti quelli giudicati idonei dalla Giuria Tecnica saranno raccolti in un Libro che farà parte della collezione “Poesie di Solidarietà…per ricordare Tiziana”, il medesimo sarà posto in vendita. Il ricavato, detratto dalle eventuali spese per la pubblicazione e la stampa, sarà interamente devoluto al progetto “Dignità alla Sofferenza” gestito dalla Associazione di volontariato ONLUS “Uniti Per la Vita” che opera presso l’ospedale oncologico di Cagliari.
I dati inerenti la parte economica saranno esposti in luoghi accessibili al pubblico affinché tutti possano conoscere e valutare il risultato raggiunto.
9 – Sono ammesse alla serata finale del Concorso le prime quattro poesie di ogni sezione che hanno ottenuto il punteggio più alto assegnato dalla Giuria tenuto conto di criteri oggettivi riferiti alla specificità della materia poetica. La serata finale del concorso sarà coincidente anche con la presentazione del libro che indicativamente sarà effettuata nella prima decade di Giugno 2006.
Tutti i partecipanti saranno comunque avvisati in tempo utile al fine di poter partecipare alla serata, durante la quale saranno lette dagli autori, o da altre persone che verranno indicate dagli stessi autori o dall’Associazione organizzatrice, le 4 poesie finaliste per ogni Sezione.
9bis – La sezione in vernacolo concorrerà separatamente rispetto alle altre tre e saranno considerate idonee le poesie presentate in ogni versione della lingua sarda.
10 – L’Associazione organizzatrice del presente concorso acquisisce il diritto di utilizzare i testi delle poesie partecipanti per pubblicazioni e letture a fine esclusivamente benefico e senza scopi di lucro. La proprietà letteraria rimarrà comunque sempre dell’autore.
11 – Fatto riferimento a quanto indicato al punto 2 del presente regolamento, ogni partecipante dovrà far pervenire all’Associazione, unitamente alla composizione presentata, la seguente dichiarazione:
“Ricevuta informativa sull’utilizzazione dei propri dati personali ai sensi dell’art.11 della Legge 675-96, consento al loro trattamento esclusivamente agli scopi perseguiti dall?Associazione che organizza il Concorso “Poesie di Solidarietà?per ricordare Tiziana” e limitatamente ai fini dello stesso ed a quelli futuri.” Il fac-simile della dichiarazione può essere reperita presso il sito www.ricordandotiziana.it
12 – Per eventuali controversie riferite a violazioni del regolamento verrà costituito un apposito collegio arbitrale di tre persone, nominato dall’Associazione Cultura e Solidarietà. Il Collegio Arbitrale si pronuncerà sulla questione controversa entro il termine di 30 giorni dalla presentazione del reclamo. Il giudizio del Collegio arbitrale è insindacabile.
13 – I partecipanti all’atto dell’iscrizione accettano tacitamente e senza condizioni le norme del presente regolamento.

Il presidente dell’Associazione

PER INFORMAZIONI E PRECISAZIONI RIVOLGERSI NATURALMENTE ALL’ASSOCIAZIONE TRAMITE IL SITO INTERNET.

Riferimenti: Associazione "…ricordando Tiziana"

Sondaggi GA – Sondaggio n° 7

17 Gennaio 2006 Commenti chiusi


IL NUOVO SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE

SONDAGGIO n° 7

SEI SODDISFATTO DEL LAVORO FATTO SINORA DALLA NUOVA PROVINCIA ?

La Nuova Provincia del Sulcis Iglesiente è nata, questo lo sappiamo tutti.
Ma cosa ha fatto in concreto fino ad oggi ?
Noi vogliamo sapere la Vostra opinione al riguardo !
La Nuova Provincia con i suoi nuovi Amministratori da noi eletti ha lavorato bene ? Ha lavorato male ? Oppure ha avuto troppo poco tempo per lavorare, dunque non è ancora giudicabile ?
Voi siete soddisfatti di quanto fatto dalla Nuova Provincia fino ad oggi ?
Fateci sapere che ne pensate.

SONDAGGIO DELLA GAZZETTANTIOCHENSE

Sei soddisfatto del lavoro svolto fino ad oggi dalla Nuova Provincia del Sulcis Iglesiente ?

- Sono soddisfatto
- Non sono soddisfatto
- E’ nata da poco, un giudizio è ancora prematuro
- Non so / Non rispondo

Rispondete al sondaggio direttamente dal riquadro nella nostra homepage , oppure inviando un messaggio alla nostra mail : gazzettantiochense@tiscali.it

IL SONDAGGIO DURERA’ UN MESE

I sondaggi online della GAZZETTANTIOCHENSE non hanno, ovviamente, alcun valore statistico. Si tratta semplicemente di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l’unico scopo di permettere ai nostri lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità proposti.
Riferimenti: GA FORUM

Piccola Rassegna Stampa

17 Gennaio 2006 Commenti chiusi

PICCOLA RASSEGNA STAMPA

REGIONE, Alle Province i 10 milioni di euro non assegnati

La Giunta regionale ha provveduto alla ripartizione, fra le otto province sarde, dei 10.022.554 euro, relativi alle somme non ancora assegnate, del fondo per gli investimenti per l’anno 2005.
Dall’analisi del dato emerge che sono ancora le province storiche – Cagliari, Sassari, Nuoro, Oristano – a beneficiare della fetta più grande dei fondi destinati dalla Regione agli enti locali. Nella ripartizione delle somme per gli investimenti del 2005 l’Assessorato agli Enti locali, Finanze e Urbanistica, ha reso noto di aver assegnato i 10.022.000 euro circa alle Province in base alle percentuali elaborate dalla Giunta Regionale. A Cagliari andrà il 26% delle risorse in questione, pari a quasi 2.607.000 euro; Sassari riceverà 1.815.000 euro pari al 18%; le province di Nuoro e Oristano vedranno entrare nelle loro casse circa 1.200.000 euro ciascuna pari al 12%; Tra le nuove Provincie, Carbonia-Iglesias (Sulcis) e Olbia Tempio (Gallura) si sono viste assegnare ciascuna quasi il 9% dei fondi non assegnati e potranno dare respiro ai bilanci con oltre 880.000 euro; Il Medio-Campidano con l’8% e 785.000 euro precede l’Ogliastra che ha ricevuto 570.000 euro corrispondenti a meno del 6% della somma complessiva ripartita. (fb)
( Tratto da admaioramedia.it )

Sardegna: regione investe nell’albergo diffuso

Creare nuove forme di ricettivita’ per utilizzare l’edilizia esistente della regione e trasformarla. E’ questo l’intento della Regione Sardegna che ha approvato una delibera per investire nell’albergo diffuso. La dotazione finanziaria del bando e’ di 13 milioni di euro. Gli interventi riguardano aree non costiere che possono ricevere contributi dai Piani operativi regionali per un massimo di 500mila euro. Il contributo in conto capitale ammonta al 30% dell’investimento per le Province di Cagliari, Sassari, Gallura, Medio Campidano e al 35% dell’investimento per le Province di Nuoro, Oristano, Ogliastra, Carbonia-Iglesias. (Adnkronos)

Cagliari, tre corsi per collaboratori di imprese

L’Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia-Iglesias e Medio Campidano organizza, presso la propria sede di Cagliari, tre corsi destinati ad imprenditori, manager, professionisti e collaboratori delle imprese.
CAGLIARI – Il primo corso, per “Coordinatore in fase progettuale ed esecutiva dei lavori”, della durata di 120 ore, si svolgerà nei giorni 20, 23, 27 febbraio 2006; 2, 6, 9, 13, 16, 20, 23 , 27, 30 marzo 2006; 3, 6, 10,13, 20, 24, 27 aprile 2006; 4, 8, 11, 15, 18, 22, 25, 29 maggio 2006; 1, 5, 8 giugno 2006.
Obiettivo del corso è quello di formare i soggetti che ricopriranno il ruolo di Coordinatore per la progettazione e di coordinatore per l’esecuzione dei lavori nei cantieri temporanei o mobili, valido ai fini dell’integrazione dei requisiti di cui all’art.10 del D. Lgs. 494/96 e successive modificazioni ed integrazioni. Il titolo di studio richiesto è: Laurea in ingegneria, architettura, geologia, scienze agrarie e scienze forestali; diploma di geometra, perito industriale, perito agrario o agrotecnico.
La quota di partecipazione è di euro 1.000,00 + IVA 20% per le imprese associate e di euro 1.200,00 + IVA 20% per le imprese non associate. Le lezioni saranno svolte da Ingegneri, Medici del lavoro e Giuristi provenienti sia da enti pubblici (INAIL; Ministero Lavoro; ISPESL; ASL) che da aziende e studi privati secondo il programma stabilito dall’allegato V del D. Lgs. 494/96.
Il corso avrà inizio il 20 febbraio 2006, e si terrà in orario pomeridiano (16,00/20,00) ogni lunedì e giovedì, festivi esclusi, presso la sede dell’Associazione. Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 20 gennaio 2006.
Il secondo corso, su “budgeting e controllo di gestione”, è organizzato in collaborazione con il Dipartimento Ricerche Aziendali della Facoltà di Economia di Cagliari. E’ rivolto ad Imprenditori, Direttori e Responsabili Amministrativi ed intende far acquisire metodologie e strumenti volti a rilevare e controllare i costi aziendali, definendo centri di costo ed un sistema di budget adeguati a realizzare gli obiettivi prefissati dal Management aziendale, fornire una visione integrata dell’area amministrativa aziendale al fine di comprendere le logiche di funzionamento per interpretare in modo attivo i fenomeni finanziari ed economici.
Il percorso formativo, che avrà una durata complessiva di 85 ore, prenderà avvio il 31 gennaio 2006, dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Le lezioni saranno tenute dal corpo docente del Dipartimento Ricerche Aziendali della Facoltà di Economia di Cagliari.
La quota di partecipazione è pari a euro 790,00 + IVA per le imprese associate e ad euro 950,00 + IVA 20% per le imprese non associate. Saranno ammesse le prime quindici domande di iscrizione presentate entro il 20 gennaio 2006.
Il terzo corso, infine, per “lavoratori eletti o designati rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza”, ai sensi del D. Lgs. 626/94 e del D.I. 16 gennaio 1997, avrà la durata di 32 ore, si articolerà in 8 giornate (22 febbraio; 1, 8, 15, 22, 29 marzo; 5, 12 aprile 2006) e si svolgerà presso i locali dell?Associazione Industriali di Cagliari e delle Province della Sardegna Meridionale dalle ore 16,00 alle ore 20,00.
La quota di partecipazione è di euro 350,00+ 20% IVA per le imprese associate e di euro 400,00 + 20% IVA per le imprese non associate. L’iscrizione potrà essere effettuata entro e non oltre il 30 gennaio prossimo.
Relatori saranno: Ingegneri; Medici del Lavoro; Funzionari di Enti Ispettivi; Esperti in materie giuridiche; Esperti in comunicazione. Gli interessati potranno richiedere ulteriori informazioni alla segreteria corsi dell’Associazione (tel.: 070 604281; e-mail assindca@formazione.it).
(SardegnaOggiNews)

“Sconfitta la Maledizione della Dea Tanit” Dopo 33 anni, l?Amministrazione Baghino inaugura il Museo

All’Assessore Regionale Pilia l’onore del taglio del nastro inaugurale.
Giornata storica quella di lunedì 9 Gennaio 2006 per la città di Sant’Antioco. L’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Eusebio Baghino infatti ha inaugurato una mostra temporanea che rappresenta l’apertura del Museo Archeologico intitolato all’Archeologo Ferruccio Barreca. La struttura è la più importante al mondo per le testimonianze custodite al suo interno risalenti alla civiltà fenicio-punica. L’Assessore Regionale Elisabetta Pilia ha avuto l’onore del taglio del nastro ponendo fine all’attesa che andava avanti da 33 anni. Erano presenti Amministratori Regionali, Provinciali, Sindaci provenienti da tutta la Sardegna, autorità civili, militari e religiose, Prefetti e comandanti dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza. Con la cerimonia inaugurale si chiude la parentesi della grande incompiuta. Migliaia di visitatori, per tutta la giornata di ieri hanno voluto visitare il Museo Archeologico. Su decisione dell’Amministrazione Comunale, per tutto il mese di Gennaio, le visite al museo saranno gratuite tutti i giorni dalle 9 alle 19.
( www.comune.santantioco.ca.it )
Riferimenti: GA FORUM

ATTUALITA’ – La maestra del bisso dovrà emigrare

16 Gennaio 2006 7 commenti

CRONACA

SANT’ANTIOCO
LA MAESTRA DEL BISSO DOVRÀ EMIGRARE
Chiara Vigo minaccia di andare via: “Troppa indifferenza”
A Febbraio scade la concessione per i locali che ospitano il suo museo

È l’unica al mondo a conservare i segreti della lavorazione del bisso ma ora che per il suo museo non c’è posto è pronta a trasferirsi a Taranto.

Sant’Antioco potrebbe perdere il primato della lavorazione del bisso marino detenuto sinora grazie a Chiara Vigo, l’unica al mondo capace ancora di filare, tingere e tessere la seta del mare. I suoi arazzi e tappeti realizzati con i filamenti con cui la pinna nobilis si avvinghia al fondo del mare, fili preziosi con cui si realizzavano le vesti regali sin dall’antichità, potrebbero finire a Taranto.
CONTRATTO SCADUTO. Lo ha annunciato la stessa artigiana a seguito della visita degli operai del Comune che, nei giorni scorsi, avrebbero dovuto ritirare teche e pannelli dal Montegranatico dove da luglio dello scorso anno è ospitato il museo del Bisso.
“Intanto la concessione dei locali scade il mese prossimo – afferma Chiara Vigo – poi gli operai del Comune non possono toccare niente se non in presenza dei responsabili dell’associazione “Andara” con cui è stata sottoscritta la presa in carico di sala e arredi”.
Così Chiara Vigo si prepara allo scontro che potrebbe significare la partenza del bisso marino da Sant’Antioco. “Se a febbraio il Comune non rinnoverà il contratto, e questa volta direttamente a mio nome - tuona la maestra d’arte – porto tutto a Taranto dove è già pronta una associazione che si chiama “Penelope del Mediterraneo”, di cui sono la vice presidente, che ha intenzione di creare una scuola di bisso ed esporre le opere realizzate”.
LA CONCESSIONE. In città l’esposizione dei manufatti in bisso è stata possibile grazie alla concessione temporanea delle sale del Montegranatico da parte dell’assessorato comunale alla Cultura alla associazione culturale “Andara”, in atteso di affido definitivo dei locali dopo aver verificato la sua funzionalità. Il piano terra del Montegranatico ospita al momento due telai con cui Chiara Vigo dà dimostrazioni pratiche dell?arte antica, e una decina di opere tra arazzi e tappeti.
“Mi dicano quali strutture, a parte il settore archeologico – chiede Chiara Vigo – portano in inverno a Sant’Antioco 1175 persone: questo è il numero dei visitatori dal 9 agosto scorso”.
COSTRETTA A PARTIRE. A Chiara Vigo non va giù “l’indifferenza degli amministratori. Sembra che ora abbiano intenzione di utilizzare in altri modi questi locali - continua – se mi costringeranno ad andare via la città perderà un ulteriore occasione di rilancio turistico. Sono tanti i centri, di cui ho varie testimonianze, che conoscono Sant’Antioco grazie ai convegni e alle esposizioni delle mie opere”.
L’artigiana ha un’idea precisa sul modo in cui si può far diffondere l’arte nel Sulcis. “Vorrei creare un laboratorio al femminile, come quello realizzato nella primavera scorsa - spiega Chiara Vigo – in modo che le donne della città e del territorio possano esprimere la loro arte qualunque essa sia”.
Ora la palla passa al Comune.

( Tito Siddi )
Tratto da L’UNIONE SARDA del 14 Gennaio 2006

- LEGGI LE NEWS
- DISCUTINE SUL FORUM

Riferimenti: L’UNIONE SARDA

ATTUALITA’ – Comuni con doppia adesione nel Sistema Turistico Locale

13 Gennaio 2006 Commenti chiusi

ATTUALITA’

COMUNI CON DOPPIA ADESIONE NEL SISTEMA TURISTICO LOCALE
Con lo scioglimento della Comunità Montana

CARBONIA. Si sono chiuse ieri le adesioni al Sistema Turistico Locale della Provincia Carbonia Iglesias. Ne faranno parte tutti i Comuni, le organizzazioni sindacali, associazioni imprenditoriali e di categoria, diversi consorzi turistici, Comunità Montane ed il Gal del Sulcis Iglesiente. Una delle ultime adesioni è stata quella della Comunità Montana di Teulada. La decisione è stata presa l’altro ieri dal consiglio dello stesso ente, convocato con un unico punto all’ordine del giorno.
La scelta di aderire al Stl è stata motivata con la necessità di concorrere ad un progetto di promozione turistica che potrebbe valorizzare le iniziative già avviate dalla stessa Comunità Montana del Basso Sulcis. Ci sono però delle perplessità. La Comunità Montana di fatto è stata soppressa. Entro il 2006 dovrebbe, quindi, cessare la propria attività. L’altro dubbio riguarda il fatto che all’interno dell’Ente vi sono dei Comuni appartenenti a due diverse province. Poichè il Stl è a carattere provinciale, non si capisce perchè i Comuni, attraverso la Comunità Montana, possano beneficiare nello stesso tempo dei vantaggi derivanti da due distinti Sistemi Turistici Locali: “Non credo che esistano ostacoli insormontabili – spiega Antonio Esu, presidente della Comunità Montana del Basso Sulcis – anzi ci saranno solo vantaggi perchè grazie alla nostra presenza si potrà realizzare un grande progetto di promozione turistica di una zona vastissima. I progetti saranno due ma ci sarà una complementarietà a vantaggio della provincia Carbonia Iglesias e di quella di Cagliari. Inoltre, nonostante la nostra funzione sia ormai a termine, possiamo dare un valido contributo per far decollare un Stl che produrrà grandi vantaggi per le nostre comunità locali”.

( Enrico Cambedda )
Tratto da LA NUOVA SARDEGNA del 13 Gennaio 2006

- LEGGI LE NEWS
- DISCUTINE SUL FORUM

Riferimenti: LA NUOVA SARDEGNA

Trova lavoro con la GA

13 Gennaio 2006 Commenti chiusi


TROVA LAVORO CON LA GA

Nel Sulcis Iglesiente c’è una profondissima crisi economica, un alto tasso di disoccupazione (fra i più alti d’Italia) e soprattutto per i giovani trovare lavoro è quasi impossibile.
Questi sono dati di fatto !

Eppure noi della GA vogliamo offrire un servizio che speriamo si riveli utile.

PUBBLICHIAMO LE OFFERTE DI LAVORO NEL SULCIS IGLESIENTE

Nel nostro FORUM abbiamo dedicato uno spazio apposito dove poter discutere di lavoro, dove sono pubblicate offerte e ricerche di lavoro, nel Sulcis Iglesiente ma anche in tutta la Sardegna.
Per chi fosse interessato basta cliccare il seguente link:
GA LAVORO
oppure il link nello spazio delle rubriche sulla nostra home-page.

Non risolveremo il problema-lavoro nel nostro territorio, ma è comunque un’iniziativa utile.
Cordiali saluti a tutti.

LA REDAZIONE
Riferimenti: GA FORUM LAVORO

L’ANGOLO DELL’UOMO NERO – Alla consolle…l’Uomo Nero!

12 Gennaio 2006 9 commenti


L’ANGOLO DELL’UOMO NERO

ALLA CONSOLLE…L’UOMO NERO !

Gennaio 2006 mese di bilanci e di consuntivi per ogni persona giudiziosa.
Ora, pensate alle cose che a Sant’Antioco vorreste che non si ripetessero più, a quegli errori ed orrori in salsa antiochense, quei piatti prelibati tipici che speriamo di non vedere più in questo Anno Nuovo.
Certo carne al fuoco ce n’è tanta e con molto humour ho cercato di farne un hit-parade goliardica che spero non offenda nessuno: ma, sapete com’è, mi piace il rischio ma altrettanto poco salutare è tenersi un rospo in gola!!!
Allora vediamo un pò cosa ci lasciamo alle spalle dal 2005.

Bè come non iniziare, al decimo posto, con la croce e la delizia della movida isolana, l’ormai mitico Palio dell’Uovo, iniziativa dalle forti reminiscenze medieval-popolari che amato da grandi e piccini (tranne da quelli con un’intolleranza al glutine), da animalisti e uccisori di bestiole (soprattutto i ladri di polli) è stata la vera sorpresa di questo 2005.
Capace di attirare migliaia di persone (oh…è vero me, l’ha garantito il tipo che fa le statistiche al Berlusca!!) si basa su un originalissimo archetipo: c’è un tipo vestito da Robin Hood che lancia un uovo e, a circa 7/8 metri, un altro vestito da Super Pippo, che cerca di non farlo cadere in terra. In pratica il concetto è: tirami in testa di tutto di più tanto, prima o poi, il pollo da fregare lo troviamo comunque.
Freudiano.

L’originalità della protesta e la tempistica usata dei pescatori la metterei al nono posto: come già accennato altrove, sulla questione non ci voglio perdere granchè tempo, voglio solo sottolineare come il tutto stride con la disperazione di altri lavoratori in ben più importanti problemi affaccendati.
Opportunisti.

Un bel ottavo posto a Mariano Gala per l’imperturbabilità con la quale affronta il costante mare in burrasca della politica (tanto se la da a gambe levate sempre, direte voi!!!): per aver capito, in anticipo sui tempi – per addirittura, ben due volte – l’aria che tirava, per la coerenza politica di matrice sardista che l’ha portato, come in illo tempore dixit (accidenti questi latinismi), a fare determinate scelte (sic!!) per rispetto alla coerenza di cui sopra.
Prof. Gala faccia una cosa: si rimetta la tuta da ginnastica e le scarpe da tennis e si tolga la giacca e la cravatta.
Incerto.

Al settimo posto l’uomo che non è un uomo, ma una leggenda il Dott. Ing. Baghino, (come dicevano gli antichi nomen omen, nel nome il destino della persona). Dai, diciamola tutta, è LUI il vero Padrone del Comune, l’eminenza neanche tanto grigia dietro tutte le opere urbanistiche, ma anche di permessi e permessini vari, di Sant’Antioco.
Non si muove foglia che l’Ingegner non voglia.
E poi, si sa, chi investe nel mattone…
Però a onor del vero diamogli atto di aver fatto anche dei bei lavoretti: è stato l’unico a credere nella potenzialità del mattone alla kryptonite de “Sa Passillara“, mentre tutti dicevano che no, proprio no, quel materiale era inadatto alla pioggia e alle sollecitazioni dei mezzi pesanti. Che gliene abbiano mandato una scorta scaduta dal pianeta di Superman ? E l’efficienza del depuratore, poi ? E le decine di denunce per caviglie distorte a causa delle strade asfaltate con tempismo e solerzia ?
E i suoi guai giudiz…oops !!! Ehhmm…volevo dire che è un tipo giudizioso.
Bastian contrario.

Il nostro “miglior biglietto da visita per il gotha del turismo mondiale”, ovvero le nostre spiagge e le nostre coste, si potrebbe mettere al sesto posto.
Oppure in alternativa l’intera popolazione di Sant’Antioco dovrebbe vestirsi a lutto per la violenza perpetrata a un bene inestimabile.
Quest’anno si è iniziato a pulirle a metà luglio.
No comment, per non sentirmi dire che dovrei chiamarmi l’Uomo Rosso anziché Uomo Nero.
Sant’Antioco tafazziana.

Al quinto posto la querelle “Museo apre oppure no ?”, la soap-opera più intrigante dell’ultimo quarto di secolo.
Ecco a voi con colpi di scena degni di un romanzo di Simenon, un polpettone abbastanza indigesto di ambientazione fenicio-punica, ma con le scene più importanti del quale però ambientate negli studios cagliaritani (quante risate alla faccia nostra si staranno facendo i casteddai!!!).
Gli attori protagonisti sceglieteli voi con un sondaggio alla GA, io ci metto qualche topastro come comparsa.
Soporifera.

Quarto posto per le estati antiochensi, pregne di eventi culturali, folkloristici e perché no, mondani.
Tra le innumerevoli attrazioni non saprei quale citare per non fare torto a nessuno: si va dalla ludica ricerca del locale più caro per farsi spennare (prezzi maggiorati di un buon 40%) alla caccia al tesoro con primo premio una panchina per sedersi; dalle degustazioni enogastronomiche(5/6 nel corso del solo agosto, almeno si beve e si magna direte voi!!) al cinema d’essai nel Palazzetto (5 euri a capoccia per filmetti visti e rivisti); dai centinaia di euro spesi per fuochi d’artificio (che nostalgia al pensiero del povero Dededdu!!!), ai concertini al Forte protagonisti due giovani rampolli antiochensi (non chiedevo dei madrigali in lingua d’oc ma almeno che fossero un tantino intonati!!); dal latino-americano senza soluzione di continuità (sto preparando una petizione per bandire dj.Ezio dal suolo antiochense), ai duemila concerti dei pur bravissimi Mavriana (che abbiano il dono dell’ubiquità ?).
Arridateci l’Inverno.

Commercianti e gestori dei locali del Corso sono da tre in pagella, se non altro perché riescono in un solo colpo a, nel seguente ordine: (1) lasciar aperto il Corso a loro piacimento, contro il voler del resto della popolazione e anche contro le ordinanze del sindaco; (2) battere il record mondiale – urge telefonata al Guiness, please! – di tavolini per metro quadro detenuto da una bettola di Riccione chiamata “Romagna Mia”; (3) ideare il Palio su citato; (4) riuscire a fare andare via insoddisfatto qualsiasi turista che cada nelle grinfie di quello che io chiamo il TRBR (Triangolo delle Bermude della Ristorazione): ovvero Pierre Pub, Bar Centrale, Arizona Cafè.
Mentecatti o geni ?

Al secondo posto, quindi medaglia d’argento, per i compagni di merende bipartisan di Dino’Isauro gli allegri assessori Monica, Giovannino, Mario, Antonio, Lucia (Mariano se l’è filata!!) con le new entry’s M.Carla Baghino (ancora con quel cognome ? Eddai…) e l’epigono di Carraro in pastetta calasettana, Adriano Sanna (trema Polisportiva Sant’Antioco, trema!!!): incapaci in tre – dico tre anni – di assessorati vari di varare un solo provvedimento autosufficiente, che non sia emanazione diretta del Gran Burattinaio.
L’assessor Cangini di Roccofritto sarebbe stato ben più efficiente.
Li avete mai sentiti formulare un pensiero autonomo in Consiglio Comunale ?
Mi imbarazzo io da parte loro. E li mandano pure in televisione. BRRRRRR…
Lobotomizzati.

And the winner is…Isauro Baghino.
Dai dite la verità, ve lo aspettavate.
Per usare una di quelle metafore calcistiche che tanto spazio stanno avendo oggi nel mondo politico, se Tore Cherchi è il Ronaldinho della politica sulcitana capace, con il suo prestigio e i suoi “contatti” (veri però, signor sindaco, non scaduti!!!) di portare carrettoni di finanziamenti a Carbonia, città della quale è sindaco, Dino-Isauro è il Cristian Vieri degli amministratori comunali: stracco, imbolsito, attaccato alla poltrona-panchina con l’Attak peggio di Fazio; uno che vive della “gloria” passata e dei “ora faccio una telefonata!!! (ma secondo voi c’è davvero qualcuno dall’altra parte della cornetta ?)”.
Ma la cosa disastrosa è che, nonostante tutto, una squadra la trova sempre.
Ora per il 2006 tutti noi speriamo in un Giovanni Battista – uomo che urla nel deserto – o in qualsiasi Uomo della Provvidenza che gli spieghi che in realtà Egli è un peso morto, superato dai tempi – che reclamano fatti, non parole – e da questioni ben più gravi tipo, che so, bazzeccole tipo il futuro di Sant’Antioco.
Scaduto.

Cari amici della GA ora il gioco continuatelo voi mandandoci il vostro personalissimo Decalogo degli Orrori.
L’Uomo Nero nel frattempo vi porge i più calorosi auguri di Buon Anno, sperando che ci porti tante, tante buone nuove.

( L’Uomo Nero )

IL SONDAGGIO – Risultati Sondaggio n° 6

11 Gennaio 2006 Commenti chiusi

I SONDAGGI DELLA GAZZETTANTIOCHENSE

I RISULTATI DEL SONDAGGIO n° 6

Sei favorevole alla istituzione del Parco del Sulcis ?

- Sono favorevole
- Non sono favorevole
- Devono decidere i cittadini di Santadi con un referendum
- Non so/Non rispondo

RISULTATI
- Sono favorevole 64,3 %
- Non sono favorevole 8,9 %
- Devono decidere i cittadini di Santadi con un referendum 26,8 %
- Non so/Non rispondo 0 %

Vince il partito dei favorevoli al Parco del Sulcis, con quasi il 65 % di risposte pro-Parco.
Un’altra buona fetta dei votanti pensa che a decidere debbano essere i cittadini di Santadi attraverso un referendum.
Solo il 9 % circa si dice completamente contrario al Parco.

—————————————————————-

I sondaggi online della GAZZETTANTIOCHENSE non hanno, ovviamente, alcun valore statistico. Si tratta semplicemente di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l’unico scopo di permettere ai nostri lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità proposti.

Riferimenti: GA FORUM

RUBRICA – Un Misfatto al Giorno

10 Gennaio 2006 3 commenti

UN MISFATTO AL GIORNO

Giovedì 9 Febbraio 2006
AREA NURAGICA DETURPATA

Ha dell’incredibile quello che è successo ai piedi del nuraghe Sa Turrita, a Nuraxi Figus, lungo la provinciale che da Gonnesa porta a Portoscuso. Una catasta di frigoriferi e surgelatori è stata scaricata, con un camion, nella zona archeologica, proprio a pochi passi dalla torre centrale del nuraghe Sa Turrita: una discarica abusiva in una zona di grande rilevanza storica e archeologica dunque.
Complimenti agli autori di questo civilissimo gesto !

Mercoledì 8 Febbraio 2006
CONCORSO BEFFA PER L’ASSUNZIONE DI 50 AUTISTI FMS

Il concorso indetto dalle FMS ad Iglesias per l’assunzione di 50 autisti è stato sospeso. Eppure erano state circa mille le domande arrivate per partecipare alla selezione. Perchè questa sospensione che sa di ennesima beffa ? I sindacati aziendali hanno indetto un incontro pubblico per sabato con politici, amministratori e coloro che hanno presentato la domanda. Vedremo che succederà…

Lunedì 6 Febbraio 2006
SANT’ANTIOCO: FAMIGLIE VIVONO NELL’EX MATTATOIO

Sembra impossibile, eppure da diversi anni a Sant’Antioco alcune famiglie vivono all’interno dell’ex matttatoio, in una struttura assolutamente fatiscente, priva delle più elementari norme igieniche e senza alcun permesso. Le varie Amministrazioni che si sono succedute sembrano voler far finta di nulla, e non hanno mai risolto questa situazione. Intanto queste famiglie (ci sono anche tanti bambini) sono costrette a continuare a vivere in quelle condizioni, fra sporcizia e topi.
E’ una cosa normale ? A Sant’Antioco pare di sì !

Venerdì 3 Febbraio 2006
CARBONIA: PROSEGUE L’ESODO ALLA RICERCA DI UN LAVORO

Il calo demografico a Carbonia prosegue senza sosta.
I cambi di residenza per trasferimenti al Nord sono stati ben 454 e la migrazione interessa soprattutto i giovani, alla ricerca di un agognato posto di lavoro, alla ricerca di nuove opportunità che qui, in città e nel territorio, non esistono.
La città si sta così lentamente svuotando e sta perdendo in particolare la sua “anima giovane”.

Mercoledì 1 Febbraio 2006
TRATALIAS: DIGA PIENA MA ACQUA RAZIONATA

Appare quantomeno paradossale la situazione del paese. La diga di Montepranu, dopo le piogge degli ultimi tempi, è stracolma ed ha raggiunto i limiti di capienza. Eppure i cittadini possono usufruire dell’acqua corrente solo dalle sei del mattino alle ventidue della sera, poi devono arrangiarsi in altri modi, l’acqua non scende più dai rubinetti. Il disagio, oltre a Tratalias, riguarda anche altri centri sulcitani.
Non è assurdo ?

Martedì 31 Gennaio 2006
SANT’ANTIOCO: LOCALI DEL PORTICCIOLO IN COMPLETO ABBANDONO

A Sant’Antioco, da qualche settimana ormai, per cessazione delle concessioni demaniali i locali del porticciolo dove opera il ristorante “Il Bucaniere” sono in totale stato di abbandono, stracolmi di detriti e macerie varie.
Ci chiediamo perchè una struttura comunale, situata in una zona così importante, debba stare in una situazione tale.
Chi ha responsabilità ? Cosa aspetta a muoversi l’Amministrazione ?
Dobbiamo assistere all’ennesimo abbandono di una struttura della collettività ?

Venerdì 27 Gennaio 2006
LASTRA DI CEMENTO IN BILICO DA OLTRE TRE MESI

IGLESIAS – Il 16 Ottobre 2005, quindi più di tre mesi fa, nel cavalcavia di Serra Perdosa una grossa lastra di cemento di oltre 400 chili si staccò rimanendo in bilico sulle rampe utilizzate dai cittadini. Per fortuna l’incidente non ebbe conseguenze gravi in quanto in quel momento nessuno transitava nel cavalcavia.
Bene, sono passati più di tre mesi e la lastra è ancora lì, pericolosamente in bilico. Nessun intervento è stato effettuato per mettere in sicurezza il cavalcavia e nemmeno vi è un segnale che avverta del pericolo.
Cosa stanno aspettando per fare qualcosa ? Che succeda un incidente ?

Giovedì 26 Gennaio 2006
OPERAI EDILI NON PAGATI: LA SOLITA STORIA

Stavano lavorando per costruire la palestra in una scuola di Carbonia, ma da mesi non ricevevano lo stipendio dalla loro ditta.
Così hanno deciso di fermarsi e rivendicare i loro diritti troppo spesso negati !
Stipendi mai pagati, lavoratori malpagati, assunzioni in nero, appalti e subappalti…questa è la realtà dei lavoratori edili del Sulcis Iglesiente!!
Per quanto ancora queste situazioni dovranno andare avanti, per quanto ancora i lavoratori dovranno sopportare ?

Martedì 24 Gennaio 2006
VILLAMASSARGIA: UN QUARTIERE DIMENTICATO

Il quartiere di via Sicilia, a Villamassargia, è completamente isolato. La zona popolare è cresciuta deomograficamente negli ultimi anni, ma non dispone di collegamenti e di una fermata dell’autobus. Un problema soprattutto per anziani e studenti, costretti a percorrere un lungo tratto a piedi per poter usufruire dei mezzi pubblici.
Una situazione da risolvere.

Lunedì 23 Gennaio 2006
IL DIGITALE TERRESTRE E’ GIA’ FINITO ?
Forse non tutti sanno che…

Sabato 21 Gennaio 2006
TRASPORTO TRENI SEMPRE PIU’ PENOSO

Ritardi ormai abituali. Carenza di corse. Treni vecchi e malridotti. Pullman risalenti al Medioevo che sostituiscono le corse dei treni.
Ormai la situazione dei trasporti intreni nel Sulcis Iglesiente si sta davvero facendo drammatica. Gli utenti continuano a pagare per servizi assolutamente ridicoli e inappropriati.
Questo l’ultimo resoconto del Comitato Pendolari:
“Vorremo ringraziare i solerti dirigenti di Trenitalia dal momento che, in concomitanza con lo sciopero programmato e organizzato dai propri dipendenti ha pensato bene di sostituire i collegamenti da Villamassargia a Carbonia e viceversa con autocorse. [...] Peccato che il pullman in questione fosse solo uno e quindi visto l’andirivieni in ritardo per tutti. Data di immatricolazione del veicolo: 1981 e quindi non certamente Gran Turismo come più volte affermato dai responsabili dei servizi…”
Per quanto tempo ancora dovrà andare avanti questa situazione ?

Venerdì 20 Gennaio 2006
UN MISFATTO NAZIONALE

A partire dal 1 febbraio 2005, l’imposta di bollo trimestrale applicata per legge sul conto corrente è passata da 6,39 euro a 8,55 euro.
Tale addebito è imposto dallo Stato mediante Decreto Legge del 31/01/05 ed applicato dalle Banche a tutti i conti correnti (naturalmente la cosa è passata senza che se ne sapesse nulla, o forse sarebbe più corretto dire “nella generale indifferenza”.
Quanto ancora deve pagare un italiano????

Mercoledì 18 Gennaio 2006
SANT’ANTIOCO: RECORD DI DISAGI

Probabilmente la bella isola sulcitana sta stabilendo il record di paese più degradato della Nuova Provincia. Da anni ormai si assiste immobili ad una serie di disagi a cui le Amministrazioni non hanno mai posto rimedio.
Alcuni esempi ?
Condizioni del manto stradale pessime in moltissime vie del paese. Provate a percorrere in macchina via Grazie Deledda, ma occhio ai pneumatici e alle sospensioni!!!
Via Petrarca e molte zone di via Matteotti perennemente al buio. Costa così tanto mettere dei lampioni ?
Ma i disagi sono tantissimi, impossibile elencarli tutti.
Eppure per asfaltare un pezzo del Lungomare in occasione dell?inaugurazione del Museo sono stati velocissimi. Già, ma dovevano arrivare i politici da fuori.

Martedì 17 Gennaio 2006
SANT’ANTIOCO: SALTA UN ALTRO CONSIGLIO COMUNALE

Il secondo Consiglio Comunale consecutivo è saltato a Sant’Antioco perchè l’opposizione ha votato contro la sostituzione del consigliere dimissionario Mario Vargiu col sostituto Albino Canè. L’opposizione ritiene che non ci siano più le condizioni affinchè questa Giunta continui il suo mandato. Probabilmente si dovrà fare ricorso ad un Commissario ad acta. Al termine del Consiglio poi molti consiglieri dell’opposizione sono stati aggrediti verbalmente da persone interessate ad avere concessioni per costruire.
Siamo sicuri che sia la maggioranza che l’opposizione stiano facendo il bene di Sant’Antioco ?
A nostro avviso no !

Lunedì 16 Gennaio 2006
SULCIS IGLESIENTE: 2000 EMIGRATI IN 12 MESI

L’esodo dei giovani del Sulcis Iglesiente continua, inesorabile, senza sosta. Da anni.
Dal Sulcis Iglesiente soltanto negli ultimi 12 mesi sono più di 2000 i ragazzi emigrati alla ricerca di un lavoro. Una cifra impressionante, figlia della profonda crisi che da anni affligge il nostro territorio. La maggior parte dei giovani si sposta soprattutto verso quelle Regioni dove c’è un’offerta di lavoro superiore a quella sarda, in particolare Piemonte, Trentino e Veneto. Purtroppo spesso è un viaggio di sola andata.
Cosa stanno facendo i nostri Amministratori per evitare tutto questo ?

Venerdì 13 Gennaio 2006
IGLESIAS: PARCHEGGI PER I DISABILI CANCELLATI

Ad Iglesias, in via Garibaldi, i tre posti auto delimitati dalle strisce gialle e riservati ai parcheggi per i diversamente abili sono stati cancellati. Non solo, a questo si è aggiunta la decisione dell’Amministrazione Comunale di far pagare gli utenti muniti di tesserino speciale per i disabili anche se il posto a loro riservato è occupato.
Si è scatenata la protesta della Consulta dei disabili.

Giovedì 12 Gennaio 2006
LICENZIATA: COMINCIA LO SCIOPERO DELLA FAME

Patrizia Marongiu, di Iglesias, dopo un anno e mezzo di lavoro precario presso la Casa Serena, è stata licenziata dalla ditta di catering Sardegna Service. Dopo quattro giorni di sit-in all’esterno della struttura presso cui lavorava, ha cominciato lo sciopero della fame, come forma di lotta per riavere il proprio lavoro. La donna, con una famiglia di quattro figli e con il capofamiglia segnato da una invalidità permanente, è stata allontanata con una lettera di licenziamento, mentre dopo un anno e mezzo di lavoro precario la società avrebbe invece dovuto assumerla a tempo indeterminato.
Speriamo si risolva tutto per il meglio.

Mercoledì 11 Gennaio 2006
NON SI TROVA UN CAMPO CON L’ILLUMINAZIONE:
NIENTE CAMPIONATO PER LA SQUADRA DI RUGBY DI CARBONIA

La squadra di rugby di Carbonia non potrà disputare il prossimo campionato di rugby in quanto non riesce a trovare un campo con l’illuminazione, necessario perchè gran parte degli atleti della prima squadra sono impegnati durante il giorno coi rispettivi lavori.
La società di Carbonia, nata oltre 30 anni fa, sarà perciò costretta a rinunciare al campionato e a tutta la sua attività che coinvolgeva tanti appassionati.
L’Amministrazione Comunale non può fare qualcosa ?

Martedì 10 Gennaio 2006
AL LECLERC DI CARBONIA 10 LICENZIATI DOPO TRE MESI

Il nuovo centro commerciale aperto a Carbonia da soli tre mesi, l’inaugurazione ebbe luogo infatti ai primi di ottobre, ha licenziato e mandato a casa una decina di dipendenti, non rinnovandogli il contratto.
Il motivo ?
I contratti “a progetto” della ex legge Biagi, trimestrali appunto, sono scaduti. Così i dipendenti sono stati spediti di nuovo a casa.
Eppure nei discorsi dell’inaugurazione non mancarono i numerosi richiami alle grandi opportunità di lavoro che la nuova struttura offriva.
Complimenti alla direzione e complimenti per la splendida legge che permette tutto ciò!

________________________________________________________________

Vogliamo segnalare tutte le cose che nel Sulcis Iglesiente non vanno…e sono tante !!!
Come lo facciamo ?
Segnalandovi ogni giorno un fatto, o meglio, un misfatto…
Ma potete segnalarceli anche voi, scrivendo alla nostra mail:
gazzettantiochense@tiscali.it
mettendo nell’oggetto “Un misfatto al giorno”.

Riferimenti: GA FORUM

Concorsi, bandi e scadenze nel Sulcis Iglesiente

10 Gennaio 2006 Commenti chiusi

SULCIS IGLESIENTE

CONCORSI BANDI E SCADENZE

VILLAMASSARGIA - Sono aperte le iscrizioni ai laboratori di pittura, teatro e ceramica. Rivolgersi al Centro di Aggregazione Sociale.

DOMUSNOVAS - Presso il Comune è possibile attivare i tirocini formativi d’inserimento per giovani che abbiano assolto l’obbligo scolastico. I tirocini, gratuiti, sono rivolti a giovani disoccupati o inocupati che vogliono fare un’esperienza di lavoro presso il Comune. La durata massima è di 6 mesi.

IGLESIAS - Aperte le ammissioni alla scuola civica di musica per la costituzione dell’albo comunale dei musicisti. L’istanza di ammissione va presentata all’ufficio Protocollo del Comune in via Isonzo entro il 31 Gennaio.

CARBONIA - Il WWF ha organizzato per il prossimo 12 Febbraio una escursione alla Miniera di Malfidato, vicino a Buggerru. Gli interessati si devono rivolgere alla sede in via Marconi.

CARBONIA - La Scuola Media Satta-Pascoli ha organizzato il corso “Impariamo a vedere, disegnare e dipingere” per aspiranti artisti, riservato a 15 allievi dai 15 ai 60 anni in possesso di licenza media inferiore.

MUSEI - Entro fine Gennaio devono essere presentate le domande per la concessione dell’assegno familiare per nuclei che hanno almeno tre figli minorenni nel 2005. La richiesta può essere presentata tramita i Caf convenzionati col Comune.

VILLAMASSARGIA - Il gruppo folk Pilar cerca nuove adesioni. Gli interessati possono recarsi all?oratorio tutti i venerdì alle 19.30

IGLESIAS - Le Aquile Ghibelline, unico gruppo di sbandieratori sardi, invitano chiunque volesse imparare l’arte della bandiera a telefonare allo 078130955 chiedendo di Matteo Melis. La iscrizione è gratuita e aperta a tutti coloro che abbiano compiuto 18 anni.

SAN GIOVANNI SUERGIU – Campagna di tesseramento della Pro loco. Gli interessati possono rivolgersi nella sede in via Regina Margherita 3, dalle 18 alle 20

OFFERTE DI LAVORO NEL SULCIS IGLESIENTE
Riferimenti: GA FORUM