Home > Senza categoria > ATTUALITA’ – Sardinia Insula, il nuovo circolo sardo in Argentina

ATTUALITA’ – Sardinia Insula, il nuovo circolo sardo in Argentina

3 Marzo 2006


ATTUALITA’

SARDINIA INSULA, IL NUOVO CIRCOLO SARDO IN ARGENTINA
Un circolo con tanti emigrati del Sulcis

La nostalgia e l’attacco alle radici sarde ha indotto un gruppo di emigrati nati nella nostra Regione e di discendenti di sardi, che si sono stabiliti nelle vicinissime città di Punta Alta e Bahia Blanca a costituire un Circolo Sardo. Si chiama Sardinia Insula questo nuovo circolo sardo nato in Argentina e più precisamente a Bahia Blanca, nel sud della provincia di Buenos Aires.
Il nuovissimo Circolo, che raggruppa nati, discendenti e simpatizzanti della Sardegna, è sorto per iniziativa degli emigrati che si sono stabiliti in quel lembo di Argentina ed il suo obiettivo è la diffusione della sardità attraverso la realizzazione di iniziative culturali e artistiche, ma altresì si propone la diffusione della cultura sarda “imbevuta nelle radici”.
Molti di questi emigrati hanno origini nel Sulcis, dalla nostra terra sono partiti anni fa alla ricerca di un lavoro e di una nuova vita.
Il Presidente è Gian Pietro Borghero, originario di Carloforte. Il tesoriere è Santiago Rosso, anche lui con origini a Carloforte. La segretaria si chiama Maria Nieddu, originaria di Bonorva. Consiglieri sono Paolo Massa e Antonio Maria Lenzu, entrambi originari di Sant’Antioco, Raul Osvaldo Chisu e Gustavo G. Borghero, originari di Carloforte.
Del collegio dei revisori dei conti fanno parte Luis Chisu e Efisio Lenzu, origini a Sant’Antioco, Flavia Lombardo (Bonorva) e Maria Antonella Cara (Selargius).
Sardinia Insula vuole porsi come punto di riferimento per i figli della prima generazione di sardi arrivati in Sud America, in Argentina, nei decenni passati alla ricerca di lavoro e fortuna. Il Circolo fa parte della Federacion de entidades italianas del sud argentino e partecipa anche all’organizzazione annuale della Settimana della Italianità.
Un caro saluto ai nostri “fratelli” dell’Argentina.

I commenti sono chiusi.