Home > Senza categoria > CRONACA – Lavoratori in rivolta contro il sindacato

CRONACA – Lavoratori in rivolta contro il sindacato

15 Marzo 2006

CRONACA

PORTOVESME. Secco no alla Cig firmata Cgil Cisl e Uil
LAVORATORI IN RIVOLTA CONTRO IL SINDACATO, PROTESTE E SIT-IN

Un serpentone metallico nell’incrocio dell’asse esterno dell’area industriale di Portovesme. Sono le auto dei dipendenti della Portovesme srl e degli operai delle imprese di manutenzione ferme in segno di protesta per respingere un protocollo d’intesa firmato da Cgil, Cisl e Uil che di fatto ha estromesso 59 lavoratori dal ciclo produttivo.

SONO I DIPENDENTI della società Cisaglob licenziati l’anno scorso con l’impegno di essere riassunti quest’anno. Invece, sono tutti finiti in una lista di cassintegrati che riceveranno il dieci per cento in meno rispetto al solito assegno di sostegno. L’azienda non ha avuto dalla Portovesme srl le commesse previste e, quindi, niente assunzioni.
«Chiediamo - hanno spiegato gli operai – che avvenga la rotazione per tutti. I sindacati non possono firmare accordi che vanno contro di noi».
Cisaglob aveva, fino all’anno scorso, 259 dipendenti. Oggi ne ha 59 in meno i quali rivendicano pari diritti. «Non è giusto che una parte resti fissa in cassa integrazione e gli altri lavorino tutti i giorni. Se ci sono sacrifici da fare – sostengono – dobbiamo sopportarli tutti insieme». Ieri mattina la tensione era alle stelle, come anche il giorno prima. La protesta è destinata a continuare e ad inasprirsi fino a quando non arriverà una decisione. Preoccupati anche i dirigenti della società appaltatrice, la Portovesme srl, il cui pacchetto azionario è di proprietà della multinazionale svizzera Glencore. I continui condizionamenti hanno costretto l’azienda a fermare alcuni reparti. Se i blocchi continueranno, potrebbe essere fermata tutta la produzione.

Antonio Martinelli
IL GIORNALE DI SARDEGNA del 15 Marzo 2006

- LEGGI LE NEWS
- DISCUTINE SUL FORUM


Riferimenti: IL GIORNALE DI SARDEGNA

I commenti sono chiusi.