Home > Senza categoria > SOCIALE – Conferenza stampa dell’Associazione AMANITESE

SOCIALE – Conferenza stampa dell’Associazione AMANITESE

23 Giugno 2006


SOCIALE

CONFERENZA STAMPA DELL’ASSOCIAZIONE AMANITESE

Questa mattina, nella sala conferenze dell’Hotel Mediterraneo a Cagliari, ha avuto luogo la Conferenza Stampa di presentazione dell’Associazione AMANITESE o.n.l.u.s., davanti a giornalisti e televisioni.
Questa Associazione è stata costituita da un gruppo di ragazzi, tra i quali anche alcuni del Sulcis, e si occupa di violenza su donne e minori e di promozione di una cultura non violenta nella società.
Di seguito presentiamo il comunicato stampa diffuso dall’Associazione.

__________________________________________________________________________

COMUNICATO STAMPA DELL’ASSOCIAZIONE AMANITESE O.N.L.U.S.
Le donne si organizzano contro la violenza di genere

Oggi nella Sala Conferenze dell’Hotel Mediterraneo di Cagliari, si è tenuta la Conferenza stampa di presentazione dell’Associazione AMANITESE o.n.l.u.s., che si è costituita il 29 Aprile del 2005, con l’obiettivo primario di creare nel territorio di Cagliari o nella sua Provincia, un Centro Antiviolenza, dotato di Centro d’Ascolto e Casa di accoglienza, per donne e minori che subiscono violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica.
Hanno partecipato alla Conferenza:
- Caterina Pisanu, presidente dell’Associazione AMANITESE o.n.l.u.s., che ha sottolineato l’urgenza di creare un Centro Antiviolenza, dotato di Centro d’Ascolto e Casa d’Accoglienza nel territorio di Cagliari, in quanto attualmente non esiste nessuna struttura che preveda questa particolare articolazione. Modello che la Comunità Europea già dal 1997 aveva previsto come urgente e necessario (uno ogni 7.500 abitanti);
- Gianluca Mereu, socio dell’Associazione AMANITESE o.n.l.u.s., il quale ha spiegato le motivazione della presenza maschile in un’Associazione che si occupa di maltrattamenti sulle donne e i minori. Il loro impegno è quello di lavorare per una modifica della cultura predominante maschile che usa il proprio corpo come “un’arma”; iniziando cosi un percorso di uscita dalla cultura patriarcale. Questo progetto si concretizza anche attraverso progetti di aiuto rivolti a uomini violenti, che consapevoli del loro approccio violento, sentono la necessità di cambiare. Tale iniziativa si sta realizzando in collaborazione con altri centri di questo tipo presenti in Francia e Belgio.

Sono intervenute:
- Roberta Gessa componente della segreteria FPCGIL territoriale di Cagliari e socia dell’Associazione, che ha ribadito i valori politici dell’iniziativa e l’impegno della CGIL con i propri saperi alla realizzazione del progetto;
- Debora Amarugi, presidente dell’Associazione Arcidonna La Luna Nera, con cui l’Associazione AMANITESE ha costruito una collaborazione per realizzare il progetto di costruzione del Centro;
- Ivana Dettori, presidente dell’Associazione Amistantzia, che ha posto l’accento in maniera particolare sulla necessità di una legge regionale istitutiva dei Centri Antiviolenza;
- Rossana Dettori, responsabile della formazione dell’Associazione Donne in Genere di Roma, che ha sottolineato l’importanza di costruzioni di reti tra le diverse associazioni, che basandosi sulla solidarietà, la condivisione politica e la politica di genere condividano i diversi saperi per una sempre maggior forza delle donne. Elemento essenziale perché ciò avvenga è la disponibilità ad offrire gli strumenti di cui le donne nel tempo si sono dotate.

Ci battiamo per aprire i Centri Antiviolenza, con l’obiettivo che si modifichi la cultura che porti al non bisogno di strutture di questo genere.

__________________________________________________________________________

Per chi volesse più informazioni sull’Associazione AMANITESE può mandare una e-mail all’indirizzo amanitese@tiscali.it
O visitare il sito internet: web.tiscali.it/amanitese

I commenti sono chiusi.