Home > Senza categoria > POLITICA – Il bilancio di metà legislatura

POLITICA – Il bilancio di metà legislatura

5 Gennaio 2007


POLITICA

GIUNTA REGIONALE

IL BILANCIO DI META’ LEGISLATURA

Presentato a Cagliari dal Presidente della Regione, nel corso della conferenza stampa di fine anno, il bilancio di metà mandato dell’attività di governo cominciata a metà 2004. Un libro di cento pagine, destinato ai sardi “perché siano informati e nella condizione di partecipare allo sforzo di cambiamento della Sardegna”.

CAGLIARI, 29 DICEMBRE 2006 – “E’ un momento importante della legislatura: da qui a qualche giorno sono due anni e mezzo che il centrosinistra è al governo della Regione e che la nostra Giunta ha la responsabilità”. Il Presidente Renato Soru ha introdotto così davanti ai giornalisti riuniti nella saletta della Regione in via Roma, la tradizionale conferenza stampa di fine anno. “Sono due anni e mezzo e inizia la seconda parte della legislatura, di uguale durata – ha continuato – e quindi è sicuramente un momento importante di riflessione sull’attività svolta in questo anno, ma anche un momento doveroso di riflessione sull’attività svolta in questa prima parte della legislatura, sulle cose che sono state fatte, le cose che ancora rimangono da fare e che ci impegnano per la seconda parte della legislatura”. Annunciando la diffusione di una pubblicazione sull’attività di due anni e mezzo di governo, e mostrandola alla stampa, il Presidente della Regione ha detto: “Per questo abbiamo ritenuto utile ma anche doveroso, in quella volontà di trasparenza, di apertura, di chiarezza e di rendiconto delle cose che si fanno, presentare questo stampato, dove abbiamo voluto ripercorrere i diversi temi della campagna elettorale e del programma di governo, elencando semplicemente le cose appunto che erano state promesse, che ci eravamo impegnati a fare, e le cose che abbiamo già fatto e che ancora rimangono da fare”.
“Credo che sia stato un anno importante – ha aggiunto Renato Soru – in cui sono state realizzate parecchie cose, e che sia stata una prima parte di legislatura altrettanto importante, segnata dall’entusiasmo, dalla passione, dalla volontà di realizzare e di dare risposta a quella speranza e aspettativa forte che si era manifestata in Sardegna nel corso della ultima campagna elettorale per le regionali”.

“La Sardegna è nel mezzo sicuramente di un processo di cambiamento importante. E se pure – ha continuato il Presidente – in questi primi due anni e mezzo, in questi ultimi mesi di questo 2006 che si sta per concludere, ci sono stati momenti di disagio, momenti di confronto, anche aspro, mi sembra che questi ultimi giorni di questo 2006 segnino sempre di più la consapevolezza che probabilmente la Regione sta cambiando davvero, che sta cambiando nella sua organizzazione, che sta cambiando nel sistema della pubblica amministrazione; sta cambiando nella trasparenza, nella volontà di perseguire in maniera determinata gli interessi generali. Sta cambiando avendo in mente un’idea chiara di un possibile modello di sviluppo per la Sardegna: quello della maggior consapevolezza, della maggior assunzione di responsabilità, di maggior determinazione nel far rispettare i propri diritti. C’è la consapevolezza – ha detto Renato Soru – che un processo che miri al rispetto dei diritti della nostra Regione, e, coerentemente all’assunzione di responsabilità, nell’idea che i problemi della Sardegna debbano essere risolti innanzitutto dalla responsabilità dei suoi cittadini, c’è la consapevolezza che questo effettivamente sta portando dei risultati”.

“Ha portato dei risultati nella rideterminazione delle entrate della Regione, quindi nel suo riequilibrio finanziario; ha portato dei risultati, con un processo ancora in corso, nella diminuzione del peso delle servitù militari; ha portato dei risultati nella tutela dell’ambiente; quindi sta portando dei risultati in quelle categorie fondamentali per la convivenza civile, che stanno alla base della convivenza civile. C’è la consapevolezza che siamo in mezzo a un cambiamento importante nei processi di sviluppo e dell’economia della nostra regione. E la riscoperta nella valorizzazione dei saperi tradizionali, nell’agricoltura, nell’artigianato, nella tutela, nella salvaguardia di quello che rimane della grande industria in Sardegna, nel rafforzamento dei singoli settori produttivi. C’è la consapevolezza di un turismo possibile e sostenibile nel lungo periodo e capace di dare migliori risultati all’economia complessiva e alla società nel suo complesso della nostra regione”.

Il Presidente della Regione ha così continuato: “Credo che sia stato chiaro anche il percorso che è stato fatto anche nelle politiche dell’istruzione, della formazione, della scuola: nel sottolineare in maniera chiara il diritto e il dovere dell’istruzione scolastica fino a una certa età. Anticipando, come si è anticipato in Sardegna, un percorso, una decisione che ormai fa parte anche del nuovo governo nazionale. La Regione è impegnata nel rafforzamento del sistema scolastico, e anche nella prossima legge finanziaria, nei prossimi mesi, nell’interlocuzione con lo Stato, avremo la possibilità di portare a conclusione, di portare a termine delle politiche di rafforzamento sostanziale del sistema della scuola della nostra regione”.

Introducendo il tema della sanità e delle politiche sociali, il Presidente Soru ha continuato: “Credo che sia chiaro quello che si sta cercando di fare nel sistema sanitario della regione. Dopo circa 25 anni è in corso di approvazione in questi giorni, definitivamente, nell’Assemblea regionale, il Piano sanitario. Nelle scorse settimane è stata approvata la legge di riordino del sistema sanitario regionale, e in questi giorni appunto si approva il Piano sanitario: dando chiarezza di un progetto, chiarezza di un sistema che deve fornire il diritto alla sanità e il diritto alle politiche sociali ai nostri cittadini. La Regione – ha detto ancora Renato Soru – è all”interno di un processo di modernizzazione e di cambiamento importante. E a questo cambiamento, a questa modernizzazione vogliamo che partecipino tutti, e vogliamo arrivarci tutti assieme: i più forti ma anche quelli meno forti, quelli che hanno bisogno di un aiuto in più rispetto ad altri. E’ per questo che la Regione ha rafforzato le sue politiche sociali: ha rafforzato l’attenzione verso i più deboli, verso le persone che maggiormente hanno bisogno dell’aiuto degli altri. Sono aumentati gli investimenti nelle politiche di assistenza, nelle politiche sociali, gli investimenti nei piani personalizzati di assistenza, gli investimenti nella politica di far tornare a casa, per quanto possibile, persone che precedentemente venivano assistite in maniera non adeguata lontano da casa.
Sono state investite cifre importanti rilanciando la politica per la casa, rilanciando il diritto essenziale appunto all’abitazione”.

“Io credo che sempre di più nelle prossime settimane, nei prossimi mesi – ha detto il Presidente Soru, parlando degli impegni alla ripresa dell’attività nel nuovo anno – la Regione possa godere dei risultati di queste politiche di cambiamento che sono state messe in atto in questi primi due anni e mezzo e in questo ultimo anno, a cominciare dalla prossima legge finanziaria che verrà discussa nelle prossime settimane in Consiglio regionale appena terminerà la discussione del piano sanitario e della legge statutaria. E nella legge finanziaria, appunto, vedremo riassunte molte delle possibilità che sono state aperte in questi due anni e mezzo di lavoro duro, di lavoro appassionato, coerente con quelle che era il programma di governo, con quello che avevamo promesso ai sardi e con quello che i sardi si aspettavano”.

“E’ per questo che io, la Giunta, credo l’intero centrosinistra – ha concluso il Presidente prima di dare la parola ai giornalisti per le domande – vive questo fine anno in maniera piuttosto serena, con la consapevolezza del lavoro fatto e con la consapevolezza dei risultati che stanno arrivando e dei tanti risultati che continueranno ad arrivare nella prossima metà della legislatura”.

( da www.regione.sardegna.it )

- LEGGI LE NEWS
- DISCUTINE SUL FORUM

SPONSOR
SHOP @
FAI SHOPPING CON LA GA
VAI ALLE OFFERTISSIME

I commenti sono chiusi.