Home > Senza categoria > GA – I Vostri Messaggi

GA – I Vostri Messaggi

16 Gennaio 2007


GA

I VOSTRI MESSAGGI

La Gazzettantiochense dà spazio a chiunque voglia lasciare un messaggio ma non si assume alcuna responsabilità su quanto scritto dai lettori.

PER INVIARE I MESSAGGI
E-mail: gazzettantiochense@tiscali.it
_________________________________________________

GENNAIO 2007

Finché continueranno ad accadere cose come quelle successe la notte di Capodanno all?hotel di Coequaddus a Sant?Antioco continueremo a rimanere al nostro squallido livello. Imbroglioni che vogliono solo far soldi approfittandosi della gente. Complimenti a chi ha organizzato questo ?bel? cenone. Poi ci chiediamo perché i turisti non tornano più? (Un lettore)

Complimenti ai dirigenti e ai giocatori del Gonnesa per il loro comportamento nel derby col Sant?Antioco. Avete proprio dato un esempio di antisportività unica. E tutte le bugie che vi siete inventati? Vergognatevi! (Antiochense)

La strada da Calasetta fino a Iglesias deve diventare a 4 corsie. Basta con tutte queste vittime di incidenti stradali. (Una lettrice)

Mentre il Governo, questo come quello precedente, continua a chiedere soldi le condizioni in cui versano gli ospedali e la sanità in Sardegna e in particolare qui nel Sulcis Iglesiente sono ormai pietose. Intanto hanno inserito questa ?bella novità? della tassa della finanziaria sulle ricette, proprio una bella trovata. 10 euro ogni ricetta. È uno scandalo! (Franco, Carbonia)

Perché Antonello Murroni ha lasciato la guida del Carbonia? Nessuno si è sprecato a spiegare le vere motivazioni. Intanto abbiamo comprato tanti nuovi giocatori e la squadra va sempre peggio. Bravi bravi, continuate così! (Un tifoso deluso)

Perché non parlate più di aeroporto e università nel Sulcis Iglesiente? (Giovanna di Iglesias)

Ma possibile che a Sant?Antioco non ci sia un cinema vero? Siamo costretti ad andare a Carbonia o ancora meglio al Cineworld di Iglesias per assistere a delle programmazioni e a dei servizi decenti. O volete dirmi che quel buco in via Eleonora è un cinema? (Stefano, Sant?Antioco)

Avete visto in che condizioni sono le scuole di Carbonia? Perché non venite a farvi un giro e poi fate un bell?articolo. Chissà, magari così qualcuno si sveglia. (Una studentessa)

Finalmente si è mossa la Regione per sfruttare le aree della Sardamag e della Palmas Cave, se le avessero lasciate in mano ai soliti furbi del paese avremmo avuto solo altre ruberie. Spero davvero che questo bando porti a uno sviluppo per queste aree che tanto possono dare all?economia di Sant?Antioco. E spero che quelli che danno aria alla bocca, come certi politichetti o ex sindaci da quattro soldi, se ne stiano al loro posto e non si intromettono in faccende con non sono di loro competenza. Un plauso a Soru e alla Regione. (Alberto)

Ma è possibile che nelle case di via Matteotti a Sant?Antioco, quelle che stanno dietro la strada principale, ancora non ci sia l?illuminazione pubblica? Forse questi abitanti non ne hanno diritto? Abbiamo fatto domande su domande alle amministrazioni del paese e mai uno straccio di risposta. Dobbiamo continuare a vivere al buio? Per quanto ancora? (Una lettrice)

Sono stata in vacanza nel Sulcis, un territorio davvero stupendo, e ho visto la piazza di Carbonia. Devo dire che la piazza è bella ma quella scultura di Pomodoro è proprio un obbrobrio. (Una turista)

Vorrei denunciare la situazione dei marciapiedi di Carbonia ormai ricoperti di escrementi di cani. I maleducati però sono i padroni che non hanno alcun rispetto per gli altri e per la propria città. Complimenti! (Angela)

Anche io, come tanti altri messaggi che ho letto sulla GA, voglio denunciare lo stato pietoso delle strade del Sulcis. La statale 126 è una trappola mortale. Quante persone ancora dovranno morire prima di capire cha va allargata a quattro corsie? (Stefano di Carbonia)

Avete ragione quando scrivete che il nostro territorio sta lentamente morendo. Non c?è lavoro per nessuno, le infrastrutture fanno pena, i giovani stanno andando via, la popolazione continua a diminuire e nessuno fa nulla per rimediare a questa situazione. E la cosa più triste è che hanno fatto la nuova provincia solo per dare da mangiare a nuovi amministratori che pensano solo a scaldare le loro poltrone. Dove andremo a finire? (Laura, Carbonia)

Quante persone e quanti ragazzi ancora dovranno perdere la vita prima che le strade di Sant?Antioco vengano asfaltate ? (Lettore indignato)

La GA è davvero un blog carino e interessante. Però trovo che parli solo dei paesi più grandi del nostro territorio che invece è molto vasto e comprende anche altri paesi, più piccoli ma non per questo meno importanti. (Francy di Sant?Anna Arresi)

Provate a fare un giro nelle campagne e guardate quanti rottami abbandonati. Almeno questo inquinamento non potremo evitarcelo? (Un lettore)

Non chiediamo molto per i nostri figli, solo un posto di lavoro. Per quanto ancora dovremo vederli andare via da qui? (Una mamma)

Quanta sporcizia per le strade di Iglesias. Soprattutto nelle vie del centro. Possibile che chi ci amministra non se ne accorga? (Una lettrice)

Via i militari dalla base di Teulada! Ridateci la nostra terra! (Lettore di Teulada)

Vorrei chiedere alle autorità competenti: ma è possibile che in tanti paesi come il mio non ci sia ancora la linea Adsl ? Mica siamo nel terzo mondo? Siamo ancora costretti a navigare con la linea lentissima e che viene e va. (Anna, Fluminimaggiore)

INVIATE I VOSTRI MESSAGGI
E-mail: gazzettantiochense@tiscali.it

  1. Fabrizio
    17 Gennaio 2007 a 5:30 | #1

    Caro Stefano, ti ricordo che fino a 10 anni fa nella nostra città cinema non ce n’era proprio e che il cinema è tornato grazie a quello che tu definisci buco e che, guardacaso però, riceve tanti apprezzamenti da turisti e persone non del luogo per come è curato… Se avessi un minimo di intelligenza ti renderesti conto che con una multisala a 40 km. e un cinema grande e importante come quello di Carbonia così vicino, a S.Antioco la presenza di un cinema oggi non sarebbe proprio giustificata. Eppure grazie al quel buco la tua città ha ancora un cinema seppur piccolo… L’alternativa non è un cinema più grande, è che se quel buco chiude al cinema dovremmo dirgli addio per sempre! Tranquillo che per gente del tuo livello non mi dispiacerebbe affatto, ma per tutti i bambini che ancora possono venire a piedi, tenendosi per mano e senza essere costretti a farsi accompagnare dai genitori, per loro sì mi dispiacerebbe davvero… Vedi non credo che per te il problema sia il cinema grande o piccolo, ma chi l’ha costruito e inventato quel piccolo cinema… Ma ti sto davvero così antipatico? E che sarà mai… Ti saluto con stima.

  2. Stefano
    17 Gennaio 2007 a 11:03 | #2

    Caro Fabrizio…”i bambini che ancora possono venire a piedi, tenendosi per mano”..sniff sniff, mi stai facendo scendere le lacrime…AIO’ ACCABADA!!!
    Ma che c’entri tu se io manco ti conosco?
    Il mio non voleva essere un attacco alla tua persona ma al fatto che un paese come S.Antioco non può accontentarsi di una sala-buco come la tua o di un cinema estivo fatto per sfruttare i turisti facendo pagare 5.50 euro per film usciti da mesi…dai ti pare giusto?
    Non condivido la tua visione. Penso che se S.Antioco vuole davvero proporsi come nuova e importante realtà del territorio e della provincia debba avere un cinema VERO, uno come il Supercinema di Carbonia per intenderci. L’utenza ci sarebbe credimi. Poi ognuno tira l’acqua al suo mulino…ma io mulino non ne ho, dico solo ciò che penso.
    Ti saluto.

  3. Fabrizio
    17 Gennaio 2007 a 21:23 | #3

    Ci mancherebbe che potessi commuovere una persona come te… Quelle descritte sono solo le scene che spesso mi capita di vedere nel mio locale a cui tu non puoi partecipare perchè in quei momenti sei in viaggio per andare, legittimamente, al cinema a Carbonia o a Iglesias. Parli di “un paese come S.Antioco…” Mi chiedevo se stiamo parlando dello stesso paese, quello di questi anni che quando esci la sera sembra ormai il paese dei fantasmi… Sono ormai lontani i ricordi di quando io ero ragazzino e si usciva tutte le sere, piovesse o meno, e la piazzetta pullulava di giovani! Oggi quasi tutti quei giovani se non te ne sei accorto non ci sono più: mi piacerebbe capire da dove dovrebbe provenire quell’utenza che tu vedi tanto da giustificare a Sant’Antioco un cinema almeno come quello di Carbonia… Ti garantisco, di questi tempi, una vera pazzia totalmente fuoriluogo! Io non so che lavoro tu faccia nè quanti anni hai, intanto spero che un lavoro ce l’abbia (visti i tempi)mentre io non ho la presunzione di pensare di saperne più di te sul tuo lavoro, tu mi sembri abbagliato da un nostalgismo che appartiene ormai a quelli di una certa età che ancora ricordano i tempi del Savoia pieno di gente. Caro Stefano quei tempi sono passati purtroppo così come il mondo del cinema è cambiato e soprattutto i suoi numeri. Invito te e quanti ancora possono pensare (legittimamente, siamo in democrazia) che il Piccolo sia soltanto un buco che quel buco è un servizio in più per questo paese in coma che permette ancora, in media a 250 persone alla settimana di non essere costretti a fare chilometri per vedersi un film. Se poi tu ritieni di essere un imprenditore davvero in gamba, con capacità, che soprattutto sa leggere le situazioni e che a S.Antioco è giustificato un locale da 500 posti che aspetti a realizzarlo? Sarei il primo a congratularmi con te!

  4. Fabrizio
    17 Gennaio 2007 a 21:49 | #4

    Per quanto riguarda il cinema all’aperto anche lì purtroppo parli senza cognizione di causa non essendo del settore, intanto perchè il prezzo è di 5 euro e non 5,50, in secondo luogo perchè se fossi del mestiere sapresti che 5 euro è il normale di quasi tutte le rassegne estive della Sardegna (Carloforte compresa), in terzo luogo perchè non sai e non puoi sapere che d’estate in Sardegna, proprio per i grandi flussi turistici, le agenzie che noleggiano i film aumentano considerevolmente i costi malgrado il film sia vecchio di qualche mese… Parlare senza sapere e senza conoscere è davvero una brutta malattia. E poi se 5 euro ti sembrano tanti, c’è qualcuno che ti costringe a venire? Quando vado in un locale e penso di aver pagato troppo, cambio strada e non ci entro più. Sei libero di fare lo stesso o, in alternativa, puoi sempre farti una passeggiata in giro per la Sardegna ed entrare nell’arena estiva che ti fa il prezzo migliore! (evita La Maddalena dove il prezzo è soltanto di 6,50 euro…) Con immutata stima.

  5. Alessandro
    19 Gennaio 2007 a 19:12 | #5

    Solito sistema alla sant’antioghese buttarci fango addosso. Mi sembra fin troppo evidente che dobbiamo pregare di avercelo quel “buco” come lo chiami tu Stefano. Guarda io al piccolo ci vado spesso e ti giuro che ci sono sempre stato bene. Non ho mai avuto problemi per trovare posto, nei giorni feriali non ci vanno mai più di 15 o 20 persone, mi spieghi che cosa ne fai di un locale da 500 posti? Ma ci sei mai stato al cinema di Carbonia? Anche lì una sala immensa sempre con quattro gatti… una desolazione. Preferisco 10.000 volte il Piccolo che risulta molto più intimo e raccolto. Anche a Iglesias per la struttura megagalattica che hanno fatto sanno tutti che è stato un megaflop quella multisala. Iniziamo ad apprezzare ciò che abbiamo che è meglio, visti i tempi e visto che tutti i giovani stanno scappando e quì ormai siamo sempre di meno.

  6. Stefano
    21 Gennaio 2007 a 16:34 | #6

    Io non utilizzo nessun metodo alla sant’antioghese caro Alessandro.
    Anzi, ribadisco che una struttura come quella di Carbonia qui ci starebbe benissimo. Un cinema con una capienza superiore a quello che io continuo a ritenere un buco (ma che non ho mai detto che debba sparire..okkio!) ci vorrebbe e vi spiego perchè.
    Se pensate a una struttura del genere solo come cinema allora avete proprio capito male.
    Se invece la vedete anche come teatro, sala conferenze e congressi, sala per organizzare eventi…bè allora forse anche voi vi renderete conto che l’utenza ci sarebbe e si potrebbero organizzare molte più cose.
    Mi chiedo…c’è una struttura del genere a S.Antioco? A me pare di no! Caro Fabrizio, se potessi permettermelo certo che la farei una struttura del genere. E non per la gioia dei bambini che si prendono per mano per andare al tuo cinema (immagino anche che li farai entrare tutti gratis vero? Del resto davanti alla loro gioia chi se ne frega del vile denaro!) ma per interesse personale. Non ho niente contro di te ma quando scrivi queste cose mi viene da proporti alla Santa Sede per farti Santo subito! Scherzo naturalmente, non te la prendere…abbiamo solo visioni diverse…
    Per quanto riguarda il cinema all’aperto tu citi La Maddalena dove il prezzo è 6,50 euro…bè io ti chiedo…e in tutti quei paesi dove il cinema all’aperto è gratis? hai ragione, nessuno mi costringe a venire…e infatti mai ci sono venuto…lascio che vadano i turisti a farsi spennare!
    Io non voglio buttare fango addosso a nessuno…esprimo solo ciò che penso, se questo è il “solito sistema alla sant’antioghese” allora sono fiero di non adattarmi a quella che è la solita vecchia storia del nostro paese…cioè NON TOCCARE GLI INTERESSI DEI COMMERCIANTI!!!

  7. Fabrizio
    22 Gennaio 2007 a 2:27 | #7

    Carissimo Stefano, aldilà di tutto e di qualche tono sopra le righe (soprattutto nei nostri primi interventi), mi fa piacere constatare che da parte tua c’è solo la volontà di esprimere la tua opinione rispetto al fatto che il nostro paese meriterebbe un cinema ma anche un teatro, una sala congressi o per eventi più grande del mio Piccolo (legittimo che tu lo definisca “buco” ma permettimi di non adottare il termine perchè per me un buco è un’altra cosa rispetto a una sala per quanto piccola…). Con questa aspirazione di una sala ben più grande e importante manifesti anche l’amore e l’attaccamento per il nostro paese. Ti pongo un quesito: considerato che è ormai da dieci anni che ho tirato su Il Piccolo, pensi che non ci abbia mai pensato ad una struttura più grande? Spero che mi vorrai credere se ti dico che per diversi anni (i primi) è stato davvero un chiodo fisso… Quando immaginai Il Piccolo ovvero che un cinema poteva anche essere piccolo e non necessariamente una struttura imponente come il Savoia ci aveva abituati pensai davvero che sarebbe stato il primo passo per farmi entrare nel mondo del cinema dal quale non provenivo e, pertanto, non conoscevo per poi, se i numeri e i risultati mi avessero supportato, fare il grande salto… Da allora sono passati appena 8-9 anni ma ti giuro Stefano, sembrano orami un’eternità! Un’eternità per come il mondo del cinema è cambiato, un’eternità per come il nostro PAESE è cambiato! Sembra davvero passata un’eternità dai giorni in cui programmavo TITANIC con l’ansia che si creassero disordini tanta era la fila di gente, per un mese intero, che si presentava di fronte al Piccolo anche diue ore prima dello spettacolo per guadagnarsi la precedenza senza purtroppo la garanzia che poco prima dello spettacolo, con via Eleonora stracolma di gente, non scoppiassero discussioni o liti su chi c’era prima e chi aveva la precedenza… Credimi al ricordo mi sembrano scene di un’altra vita. Perchè da quegli anni ad oggi il declino del cinema ma soprattutto la diminuzione

  8. Fabrizio
    22 Gennaio 2007 a 2:51 | #8

    degli spettatori è stata inesorabile e costante. Attento: non ti parlo dei numeri del mio locale, ma dei numeri del cinema in Italia e non solo. Ti parlo del cinema di Carbonia che, dai primi anni di attività (2001) ad oggi ha dimezzato di netto le presenze annuali; ti parlo della multisala di Iglesias (esempi assolutamente pertinenti portati da Alessandro)dove i proprietari ancora non hanno assorbito la botta dell’investimento assolutamente fuoriluogo (sono del settore e queste cose si sanno). Questo calo di interesse e di presenze è sicuramente legato a diversi fattori, non ultimo la concorrenza dello strumento che stiamo usando io e te che permette a molti ragazzi di scaricare i film in contemporanea e talvolta prima dell’uscita in sala… Ma è anche e soprattutto, dal mio punto di vista, legato al declino economico della nostra zona nonchè al declino della nostra città che negli ultimi anni ci ha visto precipitare in maniera paurosa con tutti i giovani che ormai hanno un’unica possibilità: partire. Non conto più le volte che mi è capitato di sapere di ragazzi partiti in continente che erano clienti fissi del locale… decine, centinaia ormai. Per quanto voglia rispettare il tuo punto di vista davvero questa situazione drammatica e questa emorragia di giovani che tutti i giorni fanno le valigie sembra che tu non la veda… Tieni conto che l’80% dell’utenza dei cinema di tutta Italia è composta da giovani dai 15 ai 35 anni… Sai dove sta quell’utenza che tu vedi, che io non vedo, e che tu dici giustificherebbe una sala ben più importante della mia? Sparsa fra Bergamo, Novara, Brescia, Milano il Veneto e regioni limitrofe… Scusami ma non capisco come tu non ti renda conto della situazione drammatica che vive la nostra città, sia dal punto di vista economico che dello spopolamento e della mancanza di intere generazioni ormai! Se te la posso dire tutta amministrazioni come quella uscentre di quell’animale di Eusebio Baghino hanno davvero completato l’opera di affossamento della nostra città!

  9. Fabrizio
    22 Gennaio 2007 a 3:10 | #9

    Rimane fermo, in tutta questa nostra conversazione, che tu esprima liberamente e legittimamente il tuo pemsiero ma che lo fai davvero senza cognizione di causa non essendo, come già ti ho dovuto dire, del settore. Lo dimostri quando parli del cinema all’aperto gratis! Sai come funzionano i cinema all’aperto gratis? Con i soldi pubblici dei Comuni che pagano operatori del settore per fare proiezioni nelle piazze, quindi con i soldi di tutti i cittadini… Nel nostro paese grazie alla mia pazzia, invece, succede esattamente il contrario: il Comune non solo non sborsa una lira ma recupera una bella sommetta dall’affitto che io ogni anno pago per poter utilizzare lo spazio pubblico che conosci… Pertanto, sempre grazie all mia pazzia, non solo viene garantito un servizio che i turisti, ben lungi dal sentirsi spennati, apprezzano visto che sono tantissimi quelli che ogni anno ritornano e con i quali ormai si è anche creato un rapporto di amicizia, ma la cosa viene fatta senza alcun esborso da parte del Comune che anzi recupera anche il canone d’affitto… E’ anche per pagare quell’affitto sostanzioso, credimi, che non posso permettermi di far entrare gratis nè te, nè tantomeno i turisti che, mi dispiace deluderti, in 10 anni, mai si sono lamentati del prezzo! Perchè devi sapere una cosa: il turista non è del prezzo in se che si lamenta, il turista è spennato e si lamenta quando paga e non riceve un servizio adeguato. Al Cinema in Laguna evidentemente il servizio viene reso bene se, come tu ben sai, la rassegna è ormai conosciutissima e frequentata; infatti è proprio il cinema all’aperto che, alla fine dell’anno, giustifica anche l’esistenza del piccolo… Mi dispiace se più vado avanti nello scrivere e più mi riscaldo, sarà perchè stiamo parlando delle “mie” cose (mi giustificherai…), ma è soprattutto perchè man mano che vado avanti condivido sempre di più ciò che ha detto Alessandro sulle abitudini dei nostri concittadini, abitudine alla quale tu non ti sottrai affatto quando, alla fine del tuo scritto, manifesti

  10. Fabrizio
    22 Gennaio 2007 a 3:31 | #10

    un’avversione viscerale e indistinta verso la categoria tutta dei commercianti di S.Antioco. Chi credi che siano i commercianti di S.Antioco? Semplicemente gente che lavora, che paga le tasse, che rischia tutto, proprio tutto, in proprio, che non ha alcuna garanzia se la sua azienda va male, che non è coperto da alcuna cassa integrazione… E soprattutto una categoria che da ancora posti di lavoro a molti giovani e meno giovani che altrimenti sarebbero disoccupati (io, nel mio Piccolo, garantisco un posticino di lavoro a un quasi 50enne, mentre con mio fratello e col nostro Hotel garantiamo ben 6 buste paga tra addetti al bar e alle camere…) E’ questa la nostra colpa? Per questo ce l’hai tanto con i commercianti? Perchè ci siamo fatti da noi e nulla abbiamo chiesto rischiando totalmente in proprio? E oggi garantendo anche dei posti di lavoro? Ho voluto essere gentile con te sino alla fine, purtroppo è proprio con l’ultima frase sui commercianti che ti sei manifestato… Appartieni a quella schiera di antiochensi che nel vuoto della nostra città forse si sono persi (e per questo me ne dispiace, credimi)e l’unico mestiere che gli è rimasto fra le mani è quello, come ha detto Alessandro, di gettare fango su chi comunque, qualcosa è riuscito a costruirla contribuendo a restituire dei servizi al paese senza la quale, sia tu che io, oggi saremmo molto più in basso. Senza alcun risentimento, voglio solo dirti che potremmo stare meglio soltanto quando davvero capiremo che siamo tutti sulla stessa barca e se la barca naviga c’è ancora un futuro, se la barca affonda nessuno di noi potrà mettersi in salvo.

  11. Stefano
    22 Gennaio 2007 a 16:37 | #11

    Mi dispiace ma ancora non mi convinci caro Fabrizio.
    Continua pure a pensare che io sia uno che getta fango e basta…bene, se il mio fango è vedere quello che non va nel mio paese allora dico che per me va bene gettarlo addosso a chi secondo me non fa le cose perbene!
    Non ti voglio insegnare il mestiere, lungi da me. Continuo comunque a pensare che la mia idea di CINEMA sia valida.
    Per quanto riguarda i commercianti caro mio forse è meglio stendere un velo pietoso…la LOBBY ANTIOCHENSE DEI COMMERCIANTI è quella che vuole avere il pieno controllo sulle attività del centro e del Corso, quella che non permette che venga fatta una sacrosanta isola pedonale perchè (che ignoranza!) pensano che perderebbero soldoni, quella che riempie di tavolini il corso in estate tanto da non farci più camminare le persone (tantomeno una ambulanza).
    Poi mi parli di gente che si è fatta dal nulla quando non è vero…siete tutte persone che già avevano i locali di famiglia…che paga le tasse e da lavoro ai giovani.
    Ma di che parli? Parli forse di quei giovani che ASSUMETE REGOLARMENTE IN NERO PROPRIO PER NON PAGARE TUTTE LE TASSE!!!
    Poi ti chiedi perchè i giovani se ne vanno via? Forse perchè son stanchi di essere sfruttati da gente come voi. FORSE!!!
    Hai detto che dai lavoro a un tuo amico cinquantenne…bè, hai detto proprio bene, perchè a S.Antioco si va avanti così, facendo lavorare amici e parenti e senza guardare per nulla a professionalità e competenze!
    Questo che dico per me non è gettare fango ma criticare un sistema che fa schifo e che nel mio paese va avanti da decenni!
    Se per te è gettare fango…bè, allora continuerò a gettarlo.
    Ciao e senza rancore!

  12. Fabrizio
    22 Gennaio 2007 a 21:36 | #12

    Senza rancore anch’io, ma sono sempre più convinto che se parlo ad un muro ottengo più risultati. Rispetto il tuo pensiero dal quale sono distante anni luce, ma penso di averti dedicato fin troppo tempo. Sei espressione perfetta di quella cultura antiochense autodistruttiva che vede nemici in ogni dove solo perchè incapace di contenere il più banale dei sentimenti: l’invidia. Spero che tu sia molto più giovane di me così avrai tempo per crescere, capire, migliorare e, soprattutto, guarire. Auguri sinceri. STOP

  13. Stefano
    23 Gennaio 2007 a 12:49 | #13

    Posso dire la stessa cosa Fabrizio: sto pafrlando con un muro che non sa ammettere l’attuale situazione antiochense che va avanti da decenni!
    Di cosa dovrei essere invidioso? Ho 35 anni, il mio lavoro che mi permette di vivere più che bene e la mia famiglia.
    Ti rispondo con le tue stesse parole: sei espressione perfetta di quella cultura antiochense!
    Quella cultura clientelistica e lobbystica basata su amicizie e interessi, che non vede al di là del proprio interesse personale e pretende di gestire l’economia del paese (ma più che altro delle sue tasche). Purtroppo come te ce ne sono tanti a S.Antioco ed è per questo che andremo avanti così a discapito dei giovani, della professionalità e delle competenze.
    Nessuna invidia da parte mia, semplici constatazioni.
    Auguri sinceri. STOP

  14. Alessandro
    28 Gennaio 2007 a 1:51 | #14

    LOBBY DEI COMMERCIANTI? Complimenti Stefano, adesso esiste una nuova lobby… Io provengo da una famiglia di piccoli commercianti: ogni anno sempre peggio! Pitticcu su famini! Ma dove vivi? Da come parli devi essere uno che il commercio non sa neanche cosa significa, il tuo lavoro non te lo sei certo creato con le tue mani, sicuramente ce l’hai grazie ad altri… Non è che sei figlioccio dell’ex sindaco e ha sistemato anche te? Senza offesa ma sei tu che offendi intere categorie di gente che solo lavora e che, stai tranquillo, quando va bene, mantiene appena la famiglia. E’ veramente distruttivo questo modo di contrapporsi fra lavoratori di diverse categorie ma tutti lavoratori.

  15. Stefano
    1 Febbraio 2007 a 10:57 | #15

    Caro Alessandro, non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere e peggior sordo di chi non vuol sentire… mi riferisco più a fabrizio che a te.
    Il mio discorso non voleva essere generalista e fare di tutta l’erba un fascio. So benissimo che ci sono tanti commercianti onesti e che vanno avanti con difficoltà a S.Antioco…ma non sono quelli che possiedono locali nel corso e, che tu ci creda o no, sono proprio una LOBBY che spreme soldi a chiunque, dettando legge e pretendendo sempre che le cose vadano come vogliono loro.
    Io non sono parente di nessun sindaco o figlioccio (forse qualcun’altro lo è…avete presente quello che ha il chiosco al mare ogni anno?)…sono solo una persona libera che dice quel che pensa senza interessi di parte IO.
    Il mio lavoro non me l’ha dato nessuno, l’ho ottenuto coi miei meriti dopo aver studiato per anni.
    CIAO

  16. Alessandro
    1 Febbraio 2007 a 14:24 | #16

    Il cerchio si stringe. Prima erano tutti i commercianti adesso sono solo i commercianti del Corso. Quindi i commercianti che stanno in Piazza Italia o in Piazza Umberto li salviamo, caro Stefano? (i miei avevano l’attività nei pressi di piazza Italia). E quelli del Corso cos’hanno fatto tra loro un patto di sangue costituendo una loggia massonica o una cosca mafiosa? Mi risulta che anche nel Corso chiusure e cambi di gestione ce ne siano state più d’una, quindi non credo che da quelle parti se la cavino molto meglio. Da tutto quanto hai scritto sinora mi sembri davvero una persona limitata.

  17. Stefano
    1 Febbraio 2007 a 15:39 | #17

    A me la persona limitata sembri tu che non capisci o forse fai finta di non capire. Sai benissimo di cosa parlo ed è inutile che cerchidi sviare con sottigliezze che non stanno nè in cielo nè in terra come se non fossi mai vissuto qui a S.Antioco.
    Che vuoi che ti faccia i nomi dei commercianti uno per uno?
    Se vogliamo parlare seriamente ok, altrimenti contento tu contenti tutti.
    La classica mentalità antiochense è quella di qulli come te, che con la loro FINTA omertà vogliono nascondere situazioni che vanno avanti da decenni e non consentono al nostro paese di progredire.

  18. Alessandro
    2 Febbraio 2007 a 0:46 | #18

    Resto in attesa dei nomi, UNO PER UNO. Se possibile ti pregherei in ordine di importanza, così capisco anch’io chi è il capo della cosca…
    Resto in attesa.

I commenti sono chiusi.