Home > Senza categoria > POLITICA – Province: Soru, eliminare pletora di altri organismi

POLITICA – Province: Soru, eliminare pletora di altri organismi

11 Giugno 2007


POLITICA

PROVINCE: SORU, ELIMINARE PLETORA DI ALTRI ORGANISMI

Tra Regione, Province e Comuni non ci deve essere nient’altro ?altrimenti i cittadini non comprendono più dove albergano le responsabilità delle diverse istituzioni?. Il presidente della Regione, Renato Soru, intervenendo al convegno sul riordino e ridefinizione territoriale e sulle funzioni delle province a Palazzo Regio a Cagliari, ribadisce che ?le province devono essere più produttive e l’assemblea provinciale può diventare un’opportunità per i comuni e luogo dei sindaci, razionalizzando la spesa?.

CAGLIARI - L’obiettivo è quello di ?far funzionare le nuove province che potrebbero organizzare la qualità dei servizi? e nel contempo ?eliminare la pletora di altri organismi che fanno parte del passato ? ha aggiunto ? come i consorzi industriali e di bonifica della Sardegna che rappresentano il 25% di quelli presenti in tutta Italia?. Organismi che costano 35 milioni di euro all’anno che potrebbero servire invece ?per costruire ex novo ospedali o posti letto per gli studenti universitari?. ?I costi delle politica ? ha concluso – non sono un aspetto importante per giustificare la disaffezione dei cittadini, ma sono importantissimi?.

Poco prima era stato il presidente della Provincia di Cagliari, Graziano Milia ad affermare che ?in Italia, secondo una recente indagine, solo il 16% della popolazione ha fiducia nella politica. Una percentuale che non sale in altri paesi europei come Francia e Germania dove i costi della politica sono minori?. Per Milia, dunque, lo scarso appeal della politica nel confronti dei cittadini non è spiegabile solo con i costi, fermo restando che è necessario ridurli. ?Le Province sono utili o inutili? Troppe o poche? Certamente sono troppe ? ha concluso Milia ? e noi non dobbiamo chiuderci in un atteggiamento difensivo. Il problema c?è e dobbiamo contribuire a un?ipotesi di rinnovamento che parta da ruolo e funzioni. L?importante è che non prevalga la logica della semplificazione?.

?Le assemblee elettive rappresentano i vasi comunicanti tra società civile e istituzioni ? ha ricordato il presidente del consiglio provinciale Roberto Pili – Dobbiamo garantire un effettivo equilibrio tra il potere esecutivo e quello delle assemblee e mettere gli eletti nelle condizioni di svolgere con efficacia e dignità il proprio mandato?. Tra gli altri, è intervenuto anche il consigliere del CNEL Giorgio Macciotta che ha rilevato la crescita della spesa pubblica dovuta al trasferimento di competenze e da una legge, definita da Macciotta sciagurata, che ha trasformato in indennità il gettone di presenza.

(tratto da SARDEGNA OGGI NEWS)

  1. claudio
    12 Giugno 2007 a 0:07 | #1

    Soru, come al solito, è pieno di buona volontà;
    peccato che non si accorga di quante regioni, in Italia, si siano rese conto, dati alla mano, che le provincie sono INUTILI! comuni e regione devono decidere sul territorio.

  2. Gigi il Bullo
    15 Giugno 2007 a 12:12 | #2

    Dov’è il referendum per chiedere l’abrogazione delle provincie che corro a firmarlo?

I commenti sono chiusi.