Archivio

Archivio 20 Agosto 2007

ATTUALITA’ – Goletta Verde: Sardegna OK

20 Agosto 2007 Commenti chiusi

ATTUALITA’ 

GOLETTA VERDE: SARDEGNA OK

Le acque dell’Isola superano senza problemi l’esame

 

La Sardegna conferma l’ottimo risultato raggiunto dalle località premiate dalle Cinque Vele di Legambiente, anche dopo le analisi sullo stato di salute del mare compiute da Goletta Verde. E lo fa alla grande. Infatti il 100% delle spiagge sarde analizzate dai biologi di Legambiente ha pienamente superato l’esame. Questo è quanto venuto fuori dai risultati del monitoraggio delle acque di balneazione della Sardegna compiuto appunto da Goletta Verde, la campagna annuale di Legambiente dedicata all’analisi e all’informazione sullo stato di salute del mare, arrivata al ventiduesimo anniversario, dopo oltre 100.000 miglia percorse e 150.000 chilometri di coste monitorate, più di 1000 località visitate, circa 8.000 campioni d’acqua. Ma non solo, Goletta Verde porta avanti anche le battaglie contro gli ecomostri, la lotta agli scarichi illegali, alla cementificazione selvaggia e ai pirati del mare. E poi la promozione del territorio e delle aree marine protette, la tutela della biodiversità e l’assegnazione delle Vele della Guida Blu di Legambiente e Touring Club per quelle località che hanno reso il turismo una risorsa intelligente e sostenibile, sempre nel rispetto dell’ambiente.

La Sardegna dunque anche quest’anno ha fatto l’en plein, confermandosi come Isola dal mare cristallino e incontaminato. Mentre la situazione è risultata ben diversa nelle foci dei fiumi, punti che la normativa segnala come non balenabili, in cui l’inquinamento batterico, sintomo di una cattiva depurazione delle acque reflue, è invece risultato essere assai elevato e ben oltre i valori di riferimento. Sono così risultati essere in pessime acque (con valori oltre dieci volte i limiti di legge) la foce del fiume Cedrino in località Santa Maria, a Orosei (NU) e quella del fiume Rio Mannu a Porto Torres (SS).

Nessun problema invece nei mari dell’Isola. Sono 52 i punti di campionamento analizzati dai biologi di Legambiente lungo le coste della nostra Regione. Soltanto in 5 punti di prelievo sono risultati valori microbiologici oltre i limiti di legge.

Per quanto concerne la nostra provincia del Sulcis Iglesiente, tutti i risultati sono risultati essere entro i limiti previsti dalla legge, con un’unica eccezione, un unico neo rappresentato dal leggero inquinamento alla foce del fiume Rio Mannu di Fluminimaggiore. Per il resto non ci sono dubbi, nelle acque di balneazione la nostra provincia può vantarsi di avere un mare assolutamente incontaminato, senza l’ombra d’inquinamento. E non è poco in un territorio che comprende un polo industriale di notevoli dimensioni come quello di Portovesme.

Gli altri punti di prelievo (6 nella provincia di Nuoro, 12 in provincia di Olbia-Tempio, 6 in provincia di Sassari, 17 relativi alle province di Cagliari e dell’Ogliastra) hanno confermato lo stato di ottima saluta dei tratti di balneazione del mare in Sardegna.

Naturalmente, questi dati rappresentano esclusivamente un controllo dello stato delle acque, Goletta Verde e i suoi operatori non possono conferire alcuna "patente di balneabilità", questo spetta alle autorità preposte. I controlli di Legambiente hanno l’obiettivo di portare l’attenzione sul problema dell’inquinamento delle acque di balneazione delle spiagge in Italia.

Il mare sardo gode come sempre di ottima salute e le analisi svolte dai biologi di Legambiente hanno dimostrato che non ci sono assolutamente problemi nelle acque di balneazione, è probabilmente per questo che ancora una volta la Sardegna risulta essere la metà preferita dai turisti fra tutte le regioni italiane. Gli unici problemi vengono dall’entroterra, attraverso i corsi dei fiumi, dove resta ancora molto da fare sul fronte della depurazione dei reflui urbani, agricoli e industriali.

Ma il mare della Sardegna e del Sulcis Iglesiente continua comunque a rimanere incontaminato, sicuramente uno dei più belli del mondo. Ben vengano quindi iniziative come quelle della Goletta Verde che aiutano a preservare questa bellezza delle nostre acque. E anche articoli come quello apparso poco tempo fa nella versione on line del Corriere della Sera, dal titolo "Sulcis in fundo, spiagge deserte e fondali incantati", in cui veniva elogiato il Sud Ovest della Sardegna, il Sulcis Iglesiente, descritto dal giornalista in questione come una delle "aree più affascinanti e selvagge dell’Isola smeralda" e poi venivano esaltate le spiagge sulcitane, "dove il vicino di ombrellone sta a 20 metri e il mare non richiede la maschera per vedere i fondali, in tutte le sfumature di verde e di blu". Il Sulcis Iglesiente descritto come soluzione ideale per chi "agli hotel all’ultima moda e ai resort di interior design preferisce una camera essenziale. Gli investimenti – e le ruspe – forse arriveranno un giorno", continua il giornalista, "ma per il momento si fatica a trovare un tre stelle, le poche, spartane soluzioni di alloggio sono ripagate da litorali liberi e selvaggi e dall’autenticita’ della popolazione". Uno spot per il nostro territorio che sicuramente servirà a renderlo ancora più ambito dai turisti.