Home > Senza categoria > CULTURA – Mostra su miniere ad Iglesias

CULTURA – Mostra su miniere ad Iglesias

28 Settembre 2007

CULTURA

MOSTRA SU MINIERE AD IGLESIAS

Dal 29 settembre al 7 ottobre 2007 al Chiostro di San Francesco di Iglesias, sarà fruibile una mostra documentaria dal titolo: "Itinerari di miniera. Storie di migrazioni fra la Germania ed il Sulcis Iglesiente". La mostra, vuole testimoniare, tramite l’esposizione di vari documenti, persistenza e diversificazione delle migrazioni tra Iglesias, Carbonia e diverse zone della Germania, tra cui, nell’ultimo secolo e mezzo, Oberhausen.

IGLESIAS - Verrà inaugurata alle ore 17,00 di sabato 29 settembre la mostra "Itinerari di miniera. Storie di migrazioni fra la Germania ed il Sulcis Iglesiente". Lo stesso giorno, alle ore 18.00 nella Sala conferenze dell’Archivio Storico Comunale in Via Carceri, si terrà un convegno sui contenuti della mostra basato su interventi, testimonianze e considerazioni sulle cause e sugli effetti, similitudini e differenze fra le varie immigrazioni ed emigrazioni che hanno riguardato il Sulcis Iglesiente, sulle esperienze delle "nuove" migrazioni a Oberhausen, attraverso il patrimonio culturale di ambito minerario.
L’iniziativa è collocata nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, promosse dal Consiglio d’Europa dal 1991 per valorizzare il patrimonio culturale dei paesi membri ed il cui slogan quest’anno è "Le grandi strade della Cultura: un valore per l’Europa". L’Amministrazione Comunale di Iglesias, aderendo all’invito del Ministero per i Beni e le attività culturali, mostra, attraverso queste due iniziative, uno scorcio del patrimonio culturale che riaffiora dal tempo e che coinvolge lavoratori e paesi diversi tra cui la Germania, terra di tradizioni minerarie antiche e ricche.
Nei documenti proposti in questa mostra emergono, talvolta appena intuibili, talvolta evidenti e manifesti, diversi tipi di scambi che hanno "contaminato" le diverse realtà culturali (linguaggio, persone, invenzioni e macchinari, competenze professionali) e le diverse fasi temporali che si sono volute circoscrivere tra il 1850 ed i nostri giorni, con uno sguardo ai periodi precedenti. È stato infatti impossibile ignorare il più antico e importante documento della
storia di Iglesias, il Breve di Villa di Chiesa, il cui quarto libro è interamente dedicato alle norme relative all’attività mineraria del territorio circostante Villa di Chiesa, e nel quale molta parte dei termini tecnici usati è di origine germanica. Così come è stato impossibile ignorare la lunga e cospicua storia "mineraria" della Germania. Dal 1850, poi, è tutto un susseguirsi di testimonianze estremamente interessanti.
Il senso dell’importante e inedito lavoro di ricerca che ha visto coinvolto il personale dell’Archivio Storico Comunale, il personale della Soprintendenza Archivistica per la Sardegna, la Federazione dei Circoli Sardi in Germania ed in particolare il Circolo "Rinascita" di Oberhausen, Città tedesca a cui siamo legati da gemellaggio, è stato fondamentalmente questo: rintracciare la nostra identità nel raffronto con una realtà locale lontana ma tanto simile alla nostra.

(da SARDEGNA OGGI NEWS)

I commenti sono chiusi.