Archivio

Archivio Novembre 2007

ATTUALITA’ – A Iglesias presto arriverà la carta d’identità elettronica

30 Novembre 2007 3 commenti

ATTUALITA’

A IGLESIAS PRESTO ARRIVERA’ LA CARTA D’IDENTITA’ ELETTRONICA

Il progetto presentato al Ministero degli Interni per l’approvazione

Iglesias, uno dei due capoluoghi della provincia del Sulcis Iglesiente, probabilmente avrà la carta d’identità elettronica, il nuovo documento di riconoscimento personale che, gradualmente, sostituirà la vecchia carta d’identità tradizionale, quella cartacea. La nuova Carta elettronica, che arriverà per i cittadini probabilmente in Primavera, consentirà l’accesso ai servizi telematici innovativi che il Comune e le altre pubbliche amministrazioni locali e statali erogheranno nel prossimo futuro. Un servizio assolutamente innovativo quindi.

«Un passo importante – ha dichiarato il sindaco di Iglesias, Pierluigi Carta – verso l’attivazione di servizi innovativi, che potranno essere generalmente fruibili via web e che da questo momento in poi saranno progettati specificatamente per l’accesso mediante Cie. Tra i servizi telematici, è prevista la consultazione della propria posizione nelle banche dati comunali, quali quella anagrafica, tributaria ed edilizia, nonché l’invio delle relative istanze e dichiarazioni on-line tramite un’autenticazione effettuata da casa attraverso un computer connesso ad internet in una condizione di sicurezza assoluta. E’ un ulteriore passo verso la modernizzazione della macchina amministrativa, per offrire ai cittadini servizi più moderni ed efficienti».

La nuova Carta d’Identita Elettronica ha l’aspetto di una carta di credito, sopra la quale sono riportati in chiaro tutti gli elementi identificativi della persona. Ma tutte le informazioni sono memorizzate anche su un microchip e su una banda ottica, ciò permette il controllo dell’identità della persona e garantisce l’inalterabilità dei dati riportati sul documento, rendendone pertanto più ardua la falsificazione, cosa che invece era molto più fattibile con la carta d’identità tradizionale. Il progetto per la città di Iglesias è stato presentato in questi giorni alla Direzione Generale per i Servizi Demografici del Ministero dell’Interno e prevede, per il momento, l’installazione di una singola postazione per l’emissione della carta d’identità elettronica, con l’attivazione del servizio in questione entro il prossimo semestre. Sarà certamente un servizio utilissimo per i cittadini iglesienti, che saranno tra i primi sardi ad usufruire della nuova Carta d’Identità.

ATTUALITA’ – Carloforte diventa “Isola ecologica del Mediterraneo”

23 Novembre 2007 6 commenti

ATTUALITA’

CARLOFORTE DIVENTA "ISOLA ECOLOGICA DEL MEDITERRANEO"

È stato firmato a Roma, presso il Ministero dell’Ambiente, il protocollo d’intesa che sancisce la realizzazione nell’Isola di San Pietro di un progetto pilota che sull’energia alternativa ma anche sul recupero e la valorizzazione di importante zone naturalistiche presenti nell’isola dell’arcipelago sulcitano. L’investimento iniziale previsto per il progetto è di ben cinque milioni di euro.

Il protocollo è stato sottoscritto dal ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, dal presidente della Regione Sardegna, Renato Soru, dal presidente della Provincia di Carbonia-Iglesias, Pierfranco Gaviano, e naturalmente dal sindaco di Carloforte, Agostino Stefanelli insieme al commissario straordinario del Parco Geominerario della Sardegna, Giampiero Pinna.

L’obiettivo di questo piano è quello di puntare all’utilizzo delle energie alternative attraverso un progetto articolato che, come detto, disporrà inizialmente di un investimento di 5 milioni di euro. Di questi 3 provenienti dal Ministero dell’Ambiente, uno e mezzo dalla Regione Sardegna e 500 mila euro dalla Provincia e dal Parco Minerario. Ma in seguito sono previsti altri finanziamenti. Infatti, grazie a questo protocollo dovrebbero arrivare nuovi contributi che serviranno a risanare e creare delle aree naturalistiche di particolare pregio.

La sede per l’attuazione del programma sarà una bella villa signorile di Carloforte, recentemente acquisita al patrimonio comunale.

Il sindaco di Carloforte Agostino Stefanelli punta molto su questo progetto che mette l’isola di San Pietro al centro di una politica naturalistica che sarà impegnativa ma che potrà dare frutti veramente importanti alla cittadina sulcitana e al suo territorio.

Questo importante progetto mette naturalmente Carloforte in risalto in tutto il Mediterraneo come esempio di isola particolarmente attenta alle politiche ecologico-ambientali e sarà un volano anche per il turismo del territorio.

2^ EDIZIONE DELLA BIENNALE DI POESIA ?IN RICORDO DI DON NICOLINO VACCA?

15 Novembre 2007 Commenti chiusi

 

L’ASSOCIAZIONE CULTURALE

 

Con il patrocinio del Comune di San Giovanni Suergiu (richiesto)

 

INDICE

 

LA 2^ EDIZIONE DELLA BIENNALE DI POESIA "IN RICORDO DI DON NICOLINO VACCA"

 

Art. 1 – E’ indetta la biennale di poesia denominata "In ricordo di Don Nicolino Vacca", che si rivolge ai Poeti di tutte le età e di tutte le nazionalità.

 

Art.2 – La biennale è articolata nella sezione in LINGUA ITALIANA.

        

 

Art. 3 -Si può partecipare alle sezioni dell’art. 2 attraverso le seguenti fasce :

  1. Bambini: dagli 8 ai 10 anni;
  2. Ragazzi: dagli 11 ai 14 anni;
  3. Giovani: dai 15 ai 17 anni;
  4. Adulti

 

Art.4 – Per tutte le fasce  il tema è libero.

 

Art.5 -Ogni autore può partecipare inviando fino ad un massimo di due liriche in cinque copie dattiloscritte non superanti le 40 righe.

 

Art. 6 – I partecipanti devono inviare la scheda d’adesione allegata al presente regolamento alla segreteria del Concorso, tramite posta ordinaria, sottoscrivendo l’attestazione che le opere sono inedite e che sono di proprietà degli autori al seguente indirizzo:

BIENNALE DELLA POESIA "IN RICORDO DI DON NICOLINO VACCA"

Associazione Culturale "SUERGIU – UNITI NELLA CULTURA"

c/o Claudio Moica via Grazia Deledda,1 – 09010 – S. Giovanni Suergiu (CI)

 

All’interno della busta contenente le opere dovrà esserci ulteriore busta chiusa contenente nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico e mail dell’autore. Ogni autore è responsabile di quanto contenuto nei propri elaborati.

 

Art. 7 – Gli elaborati non saranno restituiti. L’Associazione si riserva la facoltà di poter pubblicare i lavori ritenuti migliori.

 

 

Art. 8 – -I poeti dovranno sottoscrivere una liberatoria in cui si autorizza l’Associazione "SUERGIU – U.N.C." a pubblicare le opere in tutte le forme e nei supporti a tutt’oggi esistenti. E’ esclusa qualsiasi forma di compenso per le opere pubblicate. Il ricavato della vendita dell’antologia verrà reinvestito nell’attività dell’associazione.

 

Art. 9 – Gli elaborati vanno inviati alla segreteria nelle forme previste dall’art. 6  del presente regolamento, entro e non oltre il 30 giugno 2008 (salvo disposizioni diverse emanate dalla segreteria).

 

Art. 10 – A copertura delle spese di segreteria è previsto un contributo da parte d’ogni autore delle fasce "3 e 4" (fasce 1 – 2 gratuite) di € 10,00 da versare tramite c.c.b. del Banco di Sardegna n. 70044260 ABI 1015 CAB 86140 intestato ad Associazione Culturale "SUERGIU U.N.C." con la dicitura concorso di poesia Oppure a mezzo vaglia postale ordinario intestato a: Associazione Culturale "SUERGIU U.N.C." c/o Claudio Moica via G. Deledda 1 – 09010 S. Giovanni Suergiu (CI). Il giustificativo del pagamento dovrà essere allegato alla scheda di adesione.

 

Art. 11 – La data di proclamazione dei vincitori è fissata per il mese di Agosto 2008.

La segreteria è tenuta a comunicare ai partecipanti l’esito e la sede in cui avrà luogo la premiazione del Concorso. Alla serata finale parteciperanno opere di poeti affermati con la formula dell’invito personale.

 

Art. 12 -  Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della giuria. In caso di iscrizione da parte di minorenne, la sottoscrizione dalla scheda d’adesione dovrà essere sottoscritta da chi ne esercita la patria potestà. I nominativi della giuria saranno comunicati il giorno della premiazione.

 

Art. 13 – Saranno premiati i primi di ogni fascia.

         Sezione Lingua italiana:

Fascia 1 e 2 : Premio libri + pergamena;

         Fascia 3 : Premio scultura realizzata da artista locale;

         Fascia 4 : Premio 50 € + scultura realizzata da artista locale;

 

        

A tutti i partecipanti sarà inviato attestato di partecipazione

 

Art.14 – Partecipano fuori concorso la categoria "Autori affermati" con la formula ad invito personale. Tutti i partecipanti verranno premiati e le poesie lette da un attore di fama regionale il giorno della premiazione..

 

Art. 15 – Informativa ai sensi della Legge 675/96 sulla Tutela dei dati personali. Il trattamento dei dati, di cui garantiamo la massima riservatezza, è effettuato esclusivamente ai fini inerenti il concorso cui si partecipa. I dati dei partecipanti non verranno comunicati o diffusi a terzi a qualsiasi titolo e potranno richiederne gratuitamente la cancellazione o la modifica scrivendo all’associazione.

 

Art. 16 – Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale sulle disposizioni del presente regolamento sarà comunicato direttamente ai partecipanti almeno con una settimana di anticipo.

 

Art. 17 – Per qualsiasi controversia sarà competente il Foro di Cagliari.

Per ulteriori informazioni visitare il sito on-line http://xoomer.virgilio.it/suergiu o scrivere all’indirizzo email suergiu@virgilio.it  o telefonare al nr. 329/7135426

ATTUALITA’ – Il ministro Pecoraro Scanio nel Sulcis Iglesiente

7 Novembre 2007 Commenti chiusi

ATTUALITA’

IL MINISTRO PECORARO SCANIO NEL SULCIS IGLESIENTE

Per il rilancio delle aree minerarie dismesse: inaugurata la miniera Rosas di Narcao

Il ministro italiano dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio (nella foto in basso), in questi giorni in visita nel Sulcis Iglesiente, ha inaugurato la miniera Rosas a Narcao. Il ministro del governo Prodi ha ribadito la sua convinzioni su come il futuro della produzione di energia nel nostro Paese passi per il solare: ”senza farci trascinare indietro verso le energie del passato” ha precisato Pecoraro Scanio. Durante l’inaugurazione della miniera ”Rosas” di Narcao, uno dei siti minerari dismessi diventata un centro turistico-culturale all’interno del Parco geominerario della Sardegna, inserito anche nella rete internazionale dei geoparchi dell’Unesco, il ministro dell’Ambiente ha affermato che ”il sole e’ una grande opportunità e credo che la Sardegna dovrebbe avere una grande tradizione nell’innovazione per il sole e per produrre energia da questo. Ne ho parlato anche con il presidente Soru e credo che dobbiamo puntare verso questo obiettivo”. Rispondendo poi a una domanda sulla ricorrenza dei vent’anni dal referendum che bocciò l’utilizzo del nucleare in Italia, Pecoraro Scanio ha ribadito che ”gli italiani, in tutti i sondaggi, sono ancora contro questa forma di energia. Pensiamo piuttosto al solare”.

Ma il ministro ha lanciato anche un’altra proposta che riguarda il nostro territorio. Il Sulcis-Iglesiente potrebbe infatti ospitare molto presto una grande conferenza europea sui parchi minerari, con un appendice a Roma dove verrà tra l’altro allestita una mostra sull’argomento. La proposta è stata fatta dal ministro proprio a cornice dell’inaugurazione della nuova miniera di Narcao. Pecoraro Scanio si è reso disponibile a supportare l’iniziativa che dovrebbe coinvolgere i 32 parchi minerari di tutta Europa dei 53 riconosciuti in tutto il mondo dall’Unesco nella Rete internazionale dei Geoparchi, nella quale rientrano ben tre parchi italiani: il Geoparco della Sardegna appunto, il parco Beigua della Liguria e quello delle Madonie in Sicilia.

”La conferenza servirà – ha specificato il ministro dell’Ambiente – per studiare i modelli di gestione di questi parchi, mettendone in evidenza i punti di eccellenza e confrontando le varie esperienze”. La valorizzazione dei siti minerario dismessi come fonte di sviluppo per il territorio dunque, per un turismo sostenibile e per una nuova economia. ”Anche le nostre competenze scientifiche – ha osservato Pecoraro Scanio – possono essere messe a disposizione della cooperazione internazionale, rilanciando con forza questo parco come opportunità per un turismo diverso in termini di qualità della vita e di cultura. Un turismo sostenibile che non duri solo un mese all’anno e che intercetti una percentuale importante degli 80 milioni di turisti che ogni anno visitano i parchi minerari in tutto il mondo”.

La speranza è che questa disponibilità si trasformi realmente in una concreta valorizzazione delle aree minerarie dismesse della nostra Provincia e in azioni di sviluppo per un nuovo "sfruttamento" di questi inestimabili beni.