Archivio

Archivio Dicembre 2007

Intervista al sindaco di Sant’Antioco, Mario Corongiu

26 Dicembre 2007 9 commenti

SANT’ANTIOCO

INTERVISTA AL SINDACO MARIO CORONGIU

HBSULCIS ha intervistato il Sindaco di Sant’Antioco, Mario Corongiu. Si è parlato di differenziata, gasdotto, ex Sardamag, lavoro per i giovani, progetti presenti e futuri, emigrati e sviluppo turistico-culturale…e di tanto altro…

GUARDA IL VIDEO

 

TANTI AUGURI DI BUON NATALE

21 Dicembre 2007 2 commenti

LA GAZZETTANTIOCHENSE

AUGURA A TUTTI

UN FELICE NATALE

BUONE FESTE !

La repubblica autonoma di Carloforte

18 Dicembre 2007 2 commenti

Interventi

La repubblica autonoma di Carloforte, dove sui terreni di tutti è possibile farsi la casa (abusiva)

Quasi un quinto dei poco più di 5.100 ettari dell’isola di San Pietro, territorio comunale di Carloforte, è demanio civico. Per la precisione 9.416.406 metri quadrati, cioè più di 941 ettari, circa il 18,5% della superficie isolana. Terreni ad uso civico, insomma, in varie località: Guidi, Punta delle Oche, il Pulpito, il Lago, Tacche Bianche, Cala Lunga, La Punta, Tacca Rossa, Bricco Napoli, La Borrona, Bricco Nasca, Stea, Le Commende, Guardia Mori, Sant’Anna – Tortoriso, Gioia, Memerosso, Giannuringo, Punta Grossa, Le Tanche, Canale di Sana, Paradiso, Rocchette, Gianchin, Montagne, Bricco Spagnolo, Rombi, Canalfondo, Patella, La Golfa, Piana, Sabina, Pozzino, Pitro, Fontane, Stagnetto, il Giunco, Cimitero, Fonde, Porta Leone. Lo afferma la determinazione del direttore del Servizio Affari legali, controllo, usi civici dell’Assessorato regionale dell’agricoltura e riforma agro-pastorale n. 243 del 24 febbraio 2005 (pubblicata sul supplemento ordinario del BURAS n. 2 del 17 gennaio 2006).

La notizia è sconosciuta pressoché a tutti, ma non al Comune di Carloforte, al quale è stata trasmessa (e pubblicata all’albo pretorio). E non sono poche le terre appartenenti al demanio civico carlofortino finite in mani private. Secondo quanto pubblicizzato dall’atto assessoriale dichiarativo, sono oltre 282 ettari (più di 2.826.000 metri quadrati) ceduti illegittimamente a privati e in gran parte edificati ai Guidi, a Tacche Bianche, a Cala Lunga, a Tacca Rossa, a Nasca, a Le Commende, a Gioia, a Memerosso, a Punta Grossa, a Patella, a Paradiso, a Gianchin, a Sabina, a Pitro, allo Stagnetto, alla Porta Leone, al Cimitero, a Fonde, al Giunco.

Gli usi civici sono in generale diritti spettanti ad una collettività, che può essere o meno organizzata in una persona giuridica pubblica (es. università agraria, regole, comunità, ecc.) a sé stante, ma comunque concorrente a formare l’elemento costitutivo di un Comune o di altra persona giuridica pubblica: l’esercizio dei diritti spetta uti cives ai singoli membri che compongono detta collettività.

Gli elementi comuni a tutti i diritti di uso civico sono stati individuati in:

  • esercizio di un determinato diritto di godimento su di un bene fondiario;
  • titolarità del diritto di godimento per una collettività stanziata su un determinato territorio;
  • fruizione dello specifico diritto per soddisfare bisogni essenziali e primari dei singoli componenti della collettività.

L’uso consente, quindi, il soddisfacimento di bisogni essenziali ed elementari in rapporto alle specifiche utilità che la terra gravata dall’uso civico può dare: vi sono, così, i diritti di uso civico di legnatico, di erbatico, di fungatico, di macchiatico, di pesca, di bacchiatico, ecc. Quindi l’uso civico consiste nel godimento a favore della collettività locale e non di un singolo individuo o di singoli che la compongono, i quali, tuttavia, hanno diritti d’uso in quanto appartenenti alla medesima collettività che ne è titolare.

Dopo la legge n. 431/1985 (la nota legge Galasso), i demani civici hanno anche acquisito una funzione di tutela ambientale. Questa funzione è importantissima in particolare in habitat di piccola estensione proprio come l’isola di San Pietro. Boschi, macchia mediterranea, pascoli alberati, coste rocciose sono solo alcuni degli ambienti tipici rientranti nel demanio civico carlofortino. E sarebbe ora di tutelarli efficacemente, in primo luogo recuperando i terreni ad uso civico illegittimamente in mano privata, così come previsto dalle norme (legge n. 1766/1927 e legge regionale n. 12/1994 e successive modifiche ed integrazioni) e reprimendo nei modi di legge lo strisciante abusivismo edilizio, troppe volte denunciato senza successivi provvedimenti concreti.

L’intera isola di San Pietro è, inoltre, tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004, D.M. 25 marzo 1966), rientra in diversi siti di importanza comunitaria (direttiva n. 92/43/CEE, D.P.R. n. 357/1997, elenco regione biogeografica mediterranea approvato con decisione Commissione europea n. 3261 del 19 luglio 2006) ed è destinata ad area protetta marina (legge n. 394/1991) e terrestre (legge regionale n. 31/1989 – allegato A).

Inoltre, il piano paesaggistico regionale ricomprende l’area interessata nell’ambito di paesaggio costiero numero 6 "Carbonia e Isole Suscitane" (art. 14 delle norme tecniche di attuazione) e la classifica in parte "sistema a baie, promontori, falesie e isole minori", "area naturale e sub naturale" (macchie, dune e aree umide), "area semi-naturale" (prateria, spiagge).

Ora l’Amministrazione comunale di Carloforte e la Regione autonoma della Sardegna hanno davanti a sè un compito importantissimo.

(di Stefano Deliperi, Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra, tratto da www.altravoce.net)

Sant’Antioco: video del Consiglio Comunale sul gasdotto

6 Dicembre 2007 1 commento

SANT’ANTIOCO

VIDEO DEL CONSIGLIO COMUNALE SUL GASDOTTO

Il Consiglio Comunale tenutosi a Sant’Antioco riguardante la costruzione del gasdotto che porterà il metano dall’Algeria all’Italia attraversando Sant’Antioco e la Sardegna…vista l’attualità dell’argomento, HBSulcis ha pensato di filmare integralmente  tutta la discussione riguardante il gasdotto che si è tenuta giovedì 29 novembre 2007 presso l’aula consigliare e di metterla a disposizione di tutti coloro che non hanno potuto partecipare al Consiglio ma che avrebbero voluto sentire tutti i dettagli sull’argomento.

GUARDA IL VIDEO

Gli atleti Special Olympics ricevuti dal Presidente della Repubblica

4 Dicembre 2007 Commenti chiusi

GLI ATLETI SPECIAL OLYMPICS RICEVUTI DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Ieri 3 dicembre, giornata internazionale delle persone con disabilità,il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha voluto incontrare personalmente gli Atleti Special Olympics che hanno partecipato ai Giochi Mondiali in Cina lo scorso ottobre.
 
Una nuvola azzurra ha quindi allegramente invaso la sede del Quirinale, ben 134 persone tra Atleti e Tecnici, con indosso la divisa e con al collo le 111 medaglie vinte – 51 oro, 30 argento, 30 bronzo – ha presenziato al discorso del Presidente in rappresentanza di tutto il mondo Special Olympics e la nostra "Atleta" di Villaputzu (nella foto con il Presidente Napolitano), Giada Pilia, ha avuto l’opportunità di ricevere direttamente dal Presidente una Targa Ricordo per essere stata la più giovane atleta della delegazione Italiana a Shanghai.
Il Presidente Napolitano si è poi trattenuto con gli Atleti per le fotografie. Ad accompagnare la delegazione anche alcuni esponenti del Board di Special Olympics Italia: Lella Ambrosetti, Sandra Carraro, Marco Del Checcolo, Luciano Ciocchetti, William Mc Gurn, Alessandro Palazzotti, Umberto Pieraccioni, Maurizio Romiti, Ettore Pietrabissa, Federico Vicentini e Renzo Arbore nella foto con i 4 atleti dell’Olimpia Onlus.

Nella giornata dedicata alle persone con disabilità Kakà, Ambasciatore di Special Olympics e neo Pallone d’oro, ha registrato un video messaggio, lanciato dalle reti televisive nazionali, al fine di sensibilizzare il grande pubblico al tema della disabilità.

"Sono giorni speciali per me, ma oggi è il più speciale di tutti perchè è la giornata internazionale dedicata alle persone con disabilità.
Voglio dirvi che ho conosciuto Special Olympics e ci sono tanti ragazzi che fanno sport esattamente come me. Non c’è differenza ed è per questo che sono orgoglioso di essere Ambasciatore di Special Olympics!"

Direttore Regionale Special Olympics Italia

Regione Sardegna

Carlo Mascia

info.3336517667
grazie grande Kaka’, pallone d’oro quest’anno e Testimonial di
Special Olympics.
Sito della Gazzetta dello Sport
Kaka’, messaggio per la Giornata Mondiale della Disabilità
http://mediacenter.gazzetta.it/MediaCenter/action/player?uuid=3abc5a9e-a1bd-11dc-9f33-0003ba99c667
Al Quirinale gli Atleti Special Olympics dei Mondiali di Shanghai.
http://www.corrieredellosport.it/notizie/notizia_9571.shtml
Ed anche l’ANSA amplifica la notizia
http://it.eurosport.yahoo.com/03122007/2/kaka-messaggio-special-olympics.html