Home > Senza categoria > REGIONE – Cinquecento euro al mese per gli universitari meritevoli fuori sede

REGIONE – Cinquecento euro al mese per gli universitari meritevoli fuori sede

27 Maggio 2008

REGIONE

CINQUECENTO EURO AL MESE PER GLI UNIVERSITARI FUORI SEDE

La Regione Sardegna ha deciso di stimolare maggiormente gli studenti dell’Isola a intraprendere con profitto la carriera universitaria, in particolare nelle Facoltà scientifiche. Saranno infatti attribuiti degli assegni di seimila euro annui per gli studenti fuori sede e di tremila euro per gli altri, riservati a chi, nel corso dell’annualità 2006/2007, abbia riportato una votazione non inferiore a 80/100 e sia iscritto al primo anno di un corso di laurea, oppure a quelli iscritti agli anni successivi con una media di almeno 27/30.

sky8_468x60.gif

Dopo solo due giorni dall’approvazione da parte della Giunta Regionale, gli uffici dell’Assessorato Regionale della Cultura sono stati presi d’assalto dalle richieste di informazioni in merito ai citati assegni per gli studenti universitari più meritevoli. In totale la Giunta ha stanziato 10 milioni di euro, che saranno comunque integrati qualora le domande degli aventi diritto dovessero superare il tetto di spesa. Inoltre, per agevolare i potenziali fruitori del provvedimento, sono anche stati resi noti i requisiti attualmente richiesti dalla delibera regionale per poter richiedere gli assegni, anche se il bando di prossima pubblicazione conterrà in maniera più particolareggiata tutte le linee guida e gli ulteriori dettagli al riguardo.

I soggetti destinatari ai quali il provvedimento è rivolto sono come detto gli studenti, figli di genitori residenti in Sardegna da almeno cinque anni, nuovi iscritti all’università oppure frequentanti corsi di laurea nelle facoltà aventi sede nel territorio nazionale.

Gli assegni di merito saranno erogati annualmente per una cifra che può arrivare a raggiungere i 6.000 euro per gli studenti fuori sede e i 3.000 euro per gli studenti in sede, a seconda del punteggio ottenuto nella graduatoria che verrà stilata.

00007 07-06-2005 468x60

Ci saranno tre graduatorie. Nella prima graduatoria saranno inseriti gli studenti immatricolati nell’anno accademico 2007/2008 che abbiano riportato una votazione non inferiore a 80/100.

Nella seconda graduatoria ci saranno invece gli studenti, già frequentanti, immatricolati negli anni accademici precedenti al 2007/2008, i quali devono essere iscritti in corso e avere una votazione media agli esami di almeno 27/30; per le Lauree Triennali sono richiesti 25 crediti per gli iscritti al secondo anno, 80 crediti per gli iscritti al terzo anno; per la Laurea Specialistica sono invece richiesti 80 crediti per gli iscritti al secondo anno; mentre per la Laurea Specialistica ciclo unico e Laurea Magistrale sono richiesti 25 crediti per gli iscritti al secondo anno, 80 per gli iscritti al terzo anno, 135 per gli iscritti al quarto anno, 190 per gli iscritti al quinto anno, 245 per gli iscritti al sesto anno.
Infine, nella terza graduatoria rientreranno gli studenti immatricolati nell’anno accademico 2007/2008 nelle Lauree Specialistiche. Il voto di laurea minimo per presentare la domanda sarà specificato all’interno del bando e saranno richiesti almeno 30 crediti, oltre ai 180 necessari per l’iscrizione al corso di Laurea. Il numero dei crediti fa riferimento ai parametri previsti dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (del 9 aprile 2001) sul diritto agli studi universitari per l’assegnazione di borse di studio.

Per quanto concerne i criteri di assegnazione la priorità sarà data agli studenti iscritti e frequentanti le facoltà scientifiche; una volta esaurite le graduatorie delle facoltà scientifiche saranno presi in considerazione gli studenti di tutte le altre facoltà.

Ai fini dell’attribuzione del punteggio i criteri saranno presi in considerazione nel seguente ordine:
per la prima graduatoria il curriculum studiorum, in relazione alla durata regolare del corso, con riferimento all’anno scolastico di prima iscrizione, e votazione del titolo di studio; per la seconda graduatoria l’ acquisizione dei crediti previsti dall’ordinamento dell’Ateneo e il voto medio conseguito; per la terza graduatoria il  curriculum studiorum, in relazione alla durata legale del corso di laurea e al tempo effettivamente impiegato per l’acquisizione del titolo, votazione di laurea, e crediti acquisiti oltre i 180 richiesti per l’iscrizione. In caso di ulteriore parità verranno presi in considerazione, nell’ordine: lo status di studente "in sede" o "fuori sede" e il minor reddito.

Bisogna evidenziare che gli assegni in questione sono cumulabili con altri tipi di contributi come quello per il "fitto-casa" o per la partecipazione a programmi comunitari (per esempio Socrates ed Erasmus). Sono però esclusi dal contributo gli studenti beneficiari di borse di studio erogate dall’Ente per il Diritto allo Studio Universitario cui fa capo l’Ateneo presso il quale è attivato il corso. L’assegno di merito potrà essere rinnovato annualmente, a condizione naturalmente del mantenimento dei requisiti richiesti, fino al conseguimento del titolo relativo al corso prescelto.

Chiunque volesse consultare il testo integrale della delibera della Regione può naturalmente farlo nel sito internet della Regione Sardegna (http://www.regione.sardegna.it/).

Scopri Club Med!



I commenti sono chiusi.