Archivio

Archivio 28 Luglio 2008

EVENTI – Mare e Miniere 2008

28 Luglio 2008 Commenti chiusi

1 - logo

EVENTI

MARE E MINIERE 2008

MARE E MINIERE 2008Mare e Miniere riparte alla riscoperta dei luoghi, dei sapori e delle tradizioni che accomunano le aree costiere e minerarie del Sulcis Iglesiente. Località straordinarie, impregnate di storia, cultura, storie e profumi, che anche quest’anno si preparano ad accogliere da luglio a settembre gli appassionanti appuntamenti di cinema, mostre, incontri enogastronomici, musica, tra i quali Sergio Cammariere, gli Avion Travel, Patrizia Laquidara, l’Orquesta Tipica di tango argentino, Riccardo Lay Quartet, Carlo Romano e i Fiati di Roma, Bruno Gambarotta, e tanti altri. Ma anche letteratura e teatro con Massimo Carlotto e Moni Ovadia, o danza, con il progetto originale Etnika.
Il progetto culturale itinerante, che coinvolge diversi Comuni del Sulcis-Iglesiente, finalizzato alla valorizzazione e allo sviluppo turistico e culturale del territorio, reduce dal grande riscontro di pubblico ricevuto nelle scorse edizioni, consolida sempre più la sua aspirazione a diventare meta di turismo culturale.
Partita con un po’ di ritardo per motivi tecnici e logistici la manifestazione più importante del Sulcis-Iglesiente, diretta artisticamente da Mauro Palmas, si realizza anche quest’anno grazie all’ennesimo sforzo della Regione Autonoma della Sardegna che ha promosso l’iniziativa in collaborazione con Igea, e al prezioso contributo delle Amministrazioni Comunali dei dieci Comuni del circuito di Mare e Miniere: Carbonia, Sant’Anna Arresi, Villamssargia, Iglesias, Gonnesa, S. Antioco, Carloforte, Guspini, Buggerru, Arbus.
L’organizzazione è della Società Umanitaria di Milano mentre il coordinamento e la realizzazione tecnica degli appuntamenti sono affidati al Centro Servizi Culturali di Carbonia-Iglesias, punto vitale di riferimento della rassegna ormai da quattro anni.
Forte del grande successo riscosso nella scorsa edizione che ha visto la presenza di migliaia di persone, a pochi passi dalle incantevoli spiagge e calette sul mare, Mare e Miniere 2008 si appresta a ripercorrere l’emozionante cammino tracciato fra i paesaggi incantevoli che caratterizzano le aree di grande valore storico-archeologico e minerario, vero punto di forza della rassegna.
MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE – REGIONE AUTONOMA ELLA SARDEGNA
In riferimento alla Legge 29 marzo 2001, n. 135 recante "Riforma della legislazione nazionale del turismo" ed in particolare l’art. 5, comma 5, "Mare e Miniere" rientra nel Progetto Interregionale "Itinerari nella cultura, storia, tradizioni, paesaggi del mare e delle miniere di mare" promosso dal Ministero delle Attività Produttive che provvede ad interventi di cofinanziamento a favore dei sistemi turistici locali per i progetti di sviluppo a valenza interregionale o sovraregionale, ai quali partecipano le Regioni Abruzzo, Molise, Puglia, Liguria, Toscana, Sardegna e Sicilia e la regione Emilia Romagna in qualità di capofila. Nell’ambito delle azioni specifiche, l’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio ha realizzato, nelle stagioni estive 2005, 2006, 2007 il programma di eventi e manifestazioni di tipo artistico-culturale denominato "Mare e Miniere", che ha coinvolto diversi Comuni del Sulcis Iglesiente e Guspinese.
L’esperienza più che positiva di tale iniziativa ha indotto l’Assessorato a proseguire e rafforzare tali azioni nell’ambito del progetto interregionale "Itinerari nella cultura, storia, tradizioni, paesaggi del mare e delle miniere di mare", e intende, anche per il 2008, ripetere ed implementare tali iniziative.
I LUOGHI
Gli stessi straordinari palcoscenici naturali della Terrazza Exba di Buggerru, Porta Leone e La Tonnara a Carloforte, il Piazzale Villamarina della Miniera di Monteponi a Iglesias, la Piazza del Nuraghe di Sant’Anna Arresi, il giardino impreziosito da ulivi antichi "S’Olivariu" di Gonnesa, l’Arena Fenicia di Sant’Antioco, S’Ortu Mannu, il meraviglioso parco storico, distante pochi chilometri da Villamassargia, che ospita circa 700 ulivi plurisecolari, risalenti al 1300, Monte Sirai, il Parco Archeologico di Carbonia dove si trova l’insediamento di età fenicia e punica (VII _II sec. a. C) saranno ancora i protagonisti assoluti di questa edizione, insieme ai nuovi scenari della Miniera Pozzo Gal ad Arbus e la Miniera di Montevecchio di Guspini, restituita oggi al suo antico splendore dopo importanti lavori di ristrutturazione.
Bellissimi siti nei quali poter vivere e ri-scoprire attraverso il suono e le parole degli artisti, le forme dell’architettura punico-romana, il sistema di insediamento della fortezza fenicio-punica, il quadro culturale legato alla pesca del tonno testimoniato dalle tonnare, le infrastrutture minerarie che rappresentano un patrimonio rilevante dell’archeologia industriale, i colori, gli aromi, come via per ritrovare le ricchezze più profonde della terra sulcitana, il bello e il bene di una genuina convivenza tra l’arte, la musica, gli uomini, la natura, la cultura. Un percorso intimo, tra le vie del cuore, dell’antica memoria e della natura.
Il cartellone prevede dal 20 luglio al 7 settembre appuntamenti giornalieri tra rassegna cinematografica e serate di "Cinema d’autore" in compagnia di professionisti del mondo cinematografico, mostre e degustazioni enogastronomiche e quattordici spettacoli dal vivo, aperti a tutte le fasce di età e di pubblico, con artisti di respiro nazionale e internazionale.
L’INIZIO PER TUTTE LE SERATE SARÀ ALLE ORE 21,30 – L’INGRESSO E’ GRATUITO.
Un calendario di appuntamenti che guiderà il pubblico in una atmosfera fuori dal comune capace di coinvolgere e affascinare, alla scoperta di artisti eccezionali che amano varcare i confini della sperimentazione e del confronto alla ricerca delle pure emozioni, in armonia con la quiete del paesaggio tra gli azzurri silenzi e il suono delle foglie al vento degli ulivi secolari. L’allestimento per i concerti e le pièce teatrali prevede palchi discreti, perfetti per dare voce alla forza della parola e degli strumenti, in sintonia con l’ambiente.
La direzione artistica è sempre affidata a Mauro Palmas, il musicista e autore di spicco della musica sarda, Premio Maria Carta 2007 per la carriera ultraventennale ricca di produzioni originali.
I percorsi guidati di archeologia industriale e classica saranno affiancati inoltre a momenti di degustazioni enogastronomiche.
Programma
LUGLIO
Due anteprime informali hanno aperto le giornate degli incontri di Mare e Miniere dedicati al cinema: il 20 luglio a Carbonia il primo, che ha visto Stefano Benni chiacchierare amabilmente con Pierfrancesco Loche e Gianni Usai sul cinema e le ragioni dell’aragosta in un contesto decisamente enogastronomico, mentre il secondo il 21 luglio a S. Anna Arresi che ha visto la presenza di Enrico Pitzianti nell’incontro dedicato al suo ultimo film "Tutto torna".
APERTURA SPETTACOLI DAL VIVO
- Il 28 luglio si apriranno ufficialmente i battenti di Mare e Miniere da S’Ortu Mannu di Villamassargia, uno dei luoghi più suggestivi del percorso naturale che si dipana negli itinerari inconsueti tra i gioielli inediti delle culture e delle sonorità mediterranee. Protagonista l’OMAGGIO A FIORENZO SERRA il film-concerto dedicato al grande regista-documentarista di Porto Torres con l’ensemble dal vivo di recente formazione coadiuvato dall’ intelligente maestria del clarinettista Fabio Furia e dall’estro del contrabbassista Mario Bruni ad aprire i battenti di questa edizione.
Novità e tradizione. Un progetto visivo e sonoro che mostra per la prima volta al pubblico una serie di bellissime immagini del regista di Porto Torres tratte dai suoi documentari sul lavoro in Sardegna, restaurate di recente dalla Società Umanitaria e montate per questo spettacolo da Romano Usai. Sul film l’emozionante colonna sonora dal vivo eseguita da quattro musicisti di livello internazionale che propongono un repertorio vario che esplora e fa conoscere le potenzialità espressive di una formazione molto versatile. Tango, milonga, sonorità impressionistiche e minimaliste, improvvisazioni jazz e musica barocca: ogni evento musicale, colto o popolare, viene filtrato attraverso uno struggente e passionale impeto ritmico e melodico.
- Il 29 luglio a Iglesias nel Piazzale Villamarina, l’area antistante la Miniera di Monteponi, totalmente ristrutturata e adibita per accogliere gli spettacoli, sarà protagonista l’ARCHÆA MODERN STRINGS. Un quartetto d’archi, suono classico per eccellenza, formazione classica, un pò jazz, la pulsione del contrabbasso. Un gruppo che si trova sempre al limite di un borderline artistico e guarda con sempre maggior attrazione alle musiche di confine. Iniziano nel 1998 a lavorare sul materiale dei Turtle Island String Quartett, poi passano da trascrizioni di repertorio hiddish e sefardita con la cantante Faye Nepon a collaborazioni con artisti pop quali Cesare Cremonini (Bagus), Tosca e Lorenzo Jovannotti (Buon Sangue), tessono rapporti con musicisti innovativi quali Stefano Bollani e Hector Zazou (Strong Currents e Quadri-Chromies), appagano l’irrefrenabile onnivora curiosità suonando con Riccardo Tesi (Lune), Orio Odori (direttore di Banda Improvvisa), i Whisky Trail, Harmonia Ensemble (L’uomo dei sogni).
Formazione: Mauro Fabbrucci violino, Vieri Bugli violino, Marcello Puliti viola, DamianoPuliti violoncello, Filippo Pedol contrabbasso.
MOSTRE FOTOGRAFICHE
Sempre il 29 luglio a Iglesias saranno inaugurate anche le due mostre fotografiche dedicate al territorio di grande valore storico-archologico del Sulcis-Iglesiente.
La prima, "Miniere: luci, ombre, identità, territorio" sarà possibile visitarla presso la sede dell’istituto Minerario. Quattrocento fotografie che documentano il lavoro di miniera e la fatica dei minatori dal 1868 ai nostri giorni, ripercorrendo la storia del bacino minerario del Sulcis, Iglesiente e Guspinese dall’epoca della grande industrializzazione del XIX secolo sino al 1985.
La seconda mostra, "Rocce. Dall’intrusivo all’effusivo" di Gabriele Vargiu, si compone di 50 fotografie che ritraggono le rocce più antiche d’Europa, seguendo un itinerario naturale che parte da Capo Altano (Portoscso) a Capo Pecora (Arbus). Quest’ultima sarà esposta presso La Villa, sede dell’Associazione Mineraria sarda, nella centralissima Via Roma a Iglesias.
Avion Travel - Mare e Miniere 2008AGOSTO
- Il 1° agosto il grande compositore e oboista CARLO ROMANO arriva nella suggestiva Piazza del Nuraghe di S. Anna Arresi con I FIATI DI ROMA, l’orchestra straordinaria di 11 elementi. Un ensemble eccezionale per una originale elaborazione musicale dal vivo di Daniele Rossi, Vincenzo Romano e Nicola Scardicchio insieme al direttore Romano, dei più importanti capolavori del Cinema italiano ed internazionale. Le più emozionanti colonne sonore rivivranno nell’interpretazione dei dodici musicisti per rievocare le atmosfere dei grandi Maestri: da George Gershwin, Ennio Morricone, Armando Trovajoli, Ritz Ortolani e la suite da "Fratello Sole Sorella Luna", la fantasia su temi di Nino Rota tratti dai film più celebri di Federico Fellini: "La dolce vita" – "Roma" – "Le notti di Cabiria" – Casanova" – Otto e mezzo", la suite di brani musicali tratti dai film di Sergio Leone, e o dai film indimenticabili interpretati da Alberto Sordi come "Il Marchese del Grillo" – "Il Vigile" – "Ladro lui Ladra lei" – "Il medico della mutua".
Primo Oboe Solista dell’Orchestra Sinfonica nazionale della Rai, Romano Premio "G.Verdi" di Sabaudia (LT) nel 2007, vanta una carriera straordinaria che lo ha visto coinvolto nelle importanti collaborazioni con i più grandi direttori d’orchestra del momento (Böhm, Chailly, Chung, R.F.De Burgos, Dutoit, Gardiner, Giergev, Giulini, Inbal, Maazel, Marriner, Matacic, Mehta, Muti, Prêtre, K. Sanderling, Sawallisch, Schippers, Sinopoli, Temirkanov etc.) e, nel bicentenario della morte di Mozart, è stato invitato ad eseguire in tournée il concerto per Oboe Kv 314 e la Sinfonia Concertante Kv 297b, con l’Orchestra da camera della Staatsoper di Monaco. Ha collaborato ed è membro di più gruppi cameristici, tra cui "I Filarmonici di Roma", il "Quintetto di Roma", "Roma Sinfonietta" e di più formazioni cameristiche in seno all’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, inoltre in passato ha suonato con il prestigioso complesso "I Virtuosi di Roma" di Renato Fasano. Il suo repertorio spazia dagli autori classici ai contemporanei, molti dei quali hanno dedicato a lui proprie opere. Come solista ha avuto modo di interpretare molte prime esecuzioni e gran parte del repertorio classico con varie orchestre italiane e straniere (Orch. Sinf. di Sanremo, Orch. Lirico-Sinf. di Cagliari, Orch. Sinf. Abruzzese, Orch. Regionale del Lazio, Orch. Sinf. di Lecce, Solisti Aquilani, Orch. della Radio Polacca, Orch. della Radio Bulgara, Orch. da camera di Bonn, Orch. da camera della Staatsoper di Monaco, ecc.).
- Il 9 agosto a Carbonia, dalla sommità del Parco Archeologico di Monte Sirai che domina la città, MASSIMO CARLOTTO porterà con la sua voce narrante la storia di Gigi Vianello, l’elegante, affascinante occulto proprietario del ristorante per gourmet Chez Momò, a Cagliari, tratta dal libro "Mi fido di te" scritta a quattro mani insieme a Francesco Abate. Ad accompagnarlo in questo affascinante viaggio tra parole e musica, anche la partecipazione straordinaria di MONI OVADIA, scrittore, teatrante, musicista e intellettuale di grande levatura. Con loro sul palco anche l’attore teatrale veneto Loris Contarini, altra voce recitante, Rachele Colombo alle percussioni e Mirko Maistro alla fisarmonica.
"Mi fido di te" di Massimo Carlotto e Francesco Abate è un avvincente romanzo di avventura criminale. Dal Nordest a Cagliari, tra mafiosi russi e imprenditori disinvolti, va in scena Gigi Vianello: un personaggio che unisce nefandezza e innocenza, convinto di farcela sempre e comunque e che raggiunge, nella sua cialtroneria, un suo cupo eroismo.
- L’11 agosto nel palco naturale dell’Arena Fenicia di S. Antioco RADIOMONDO, il nuovo progetto di Maurizio Camardi e Patrizio Fariselli che già dal nome evidenzia la forte propensione alla contaminazione con atmosfere e sonorità attinte da musiche di varie parti del mondo.
Radiomondo è una finestra aperta a ritmi, melodie e timbri che trasportano in un ideale viaggio senza confini geografici e sonori, tra jazz e atmosfere talvolta allegre talvolta meditative, sempre di grande coinvolgimento e impatto emotivo.
Un concetto non nuovo per il musicista e compositore padovano che già nei precedenti lavori aveva delineato la strada verso la realizzazione di questo progetto grazie all’incontro con i bravissimi musicisti: Patrizio Fariselli – pianoforte; Fausto Beccalossi – fisarmonica; Danilo Gallo – contrabbasso ; U.T. Gandhi – batteria, percussioni, e ovviamente Camardi ai sassofoni, al suo strumento etinico, il duduk e flauti etnici.
- Il 13 agosto nell’incantevole S’Ortu Mannu di Villamassargia tra gli oltre settecento ulivi secolari un appuntamento speciale con la produzione originale di Mauro Palmas e Mvula Sungani: "ETNIKA". Lo spettacolo, ideato dal coreografo-regista Mvula Sungani e dal musicista Mauro Palmas, è un omaggio alla Sardegna che prende spunto dalla letteratura prodotta nell’Isola.
Uno spettacolo-evento fatto di atmosfere, colori, suoni ed immagini, danza, che trascinano lo spettatore nel cuore di una cultura unica.
Per questa occasione unica di Mare e Miniere, il progetto di Palmas e Sungani vedrà tra i danzatori la partecipazione straordinaria di Raffaele Paganini, il ballerino più amato dagli italiani e ètoile della Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma che ha danzato con le compagnie internazionali più famose del mondo.
In Etnika il paesaggio rappresentato è quello aspro della terra di Sardegna che viene rivisitato attraverso il mito. Gli scrittori Francesco Masala e Sergio Atzeni, autori sardi originari del Logudoro e del Campidano, conducono, con i loro testi poetici e letterari, nelle suggestioni delle storie e leggende popolari dell’isola.
La danza trae origine dallo studio dei balli sardi prima sacri, poi rituali, nel rispetto del "Tundu", cioè del movimento circolare che contraddistingue il ballo sardo, che viene contaminato con la danza classica, moderna, contact e acrobatica.
Il coreografo Mvula Sungani, noto in Italia per la danza modern-black, si cimenta in un’opera di ricostruzione stilistica e nella successiva trasfigurazione delle movenze e dei suoni della tradizione sarda.
Le atmosfere sonore dello spettacolo invece sono state pensate e scritte da Mauro Palmas la cui trentennale carriera è votata all’inesauribile passione che esporta e porta avanti da anni sulle sonorità della Sardegna e sulle contaminazioni dal mondo.
- Il 14 agosto gli AVION TRAVEL in concerto. A S. Anna Arresi, nella splendida cornice della Piazza del Nuraghe risalente al XVI secolo a. C. e successivamente ricostruito nel 1974, Beppe Servillo, la straordinaria voce della celebre band di Caserta, approda nel Sulcis-iglesiente con la sua band e un live con le ultime canzoni dell’album dedicato a Paolo Conte, interpretate da loro stessi e registrate sotto la direzione artistica dello stesso cantautore artigiano. Uno dei gruppi italiani più ermetici e sperimentali, sempre coerenti al proprio modo di vedere la musica, dalla indiscutibile eleganza ed eccellenza musicale. "Danson Metropoli – canzoni di Paolo Conte" uscito a gennaio 2007 e già disco d’Oro solo dopo alcuni mesi dalla sua pubblicazione, include undici fra i maggiori successi del Mestro astigiano. Il tour che segue segna il debutto della nuova formazione degli Avion Travel, che da Piccola orchestra si trasforma in quartetto: Peppe Servillo alla voce, Fausto Mesolella alla chitarra, Mimì Ciaramella alla batteria e Vittorio Remino la basso.
- Il 19 agosto a Gonnesa, nel bellissimo giardino impreziosito dagli ulivi secolari de "S’Olivariu" la musica, le immagini e le parole del progetto musicale "ARGYRÓPHLEPS NESOS" (l’isola dalle vene d’argento, parole con le quali i greci antichi chiamavano la Sardegna), di MARCELLO PEGHIN dedicata all’isola.
Amalgamando varie anime e diversi modi di sentire, strumenti musicali della tradizione mediterranea, elettrici, percussivi e non convenzionali, tracciano una sorta di percorso, senza una meta precisa, verso un non luogo. Mariano Piras : ghironda, sarraggia, oud, mandola, voce; Marcello Peghin: chitarre, Live electronics; Gavino Riva: asso; Paolo Sanna: percussioni; Giampiero Dore: video; versi di Antonello Bazzu.
Lo spettacolo si sviluppa su nove brani e fonde musica, immagini e poesie cercando di esprimere l’energia che gli elementi naturali : aria – acqua – terra – fuoco, sprigionano in Sardegna.
Ulteriore elemento sono i paesaggi di miniera dove si possono immaginare le vite di quegli uomini che hanno scavato nelle viscere della terra, le loro speranze e i loro tormenti.
- Il 22 agosto L’ORQUESTA TIPICA DI ALFREDO MARCUCCI e l’irresistibile tango tradizionale argentino arrivano a Carloforte, nel suggestivo anfiteatro allestito nello scenario della fortezza, nota storicamente come Porta Leone.
Una serata di forti suggestioni ed emozioni che riprende l’eleganza romantica dello stile Di Sarli, la pulsazione ritmica di Juan D’Arienzo, l’inconfondibile fraseggio di Osvaldo Pugliese, le armonie di De Caro e il contrappunto di Piazzolla, con la prima e unica "grande orchestra" di tango tradizionale argentino formatasi in Italia, composta da otto musicisti diretti dal Maestro argentino Alfredo Marcucci, in una formazione analoga alle orchestre tipiche di Buenos Aires dell’epoca d’oro del tango. Strumentista e arrangiatore di lunga e prestigiosa fama, Alfredo Marcucci è una icona vivente della musica rioplatense. Ha iniziato a suonare il bandoneón a sette anni e ha quindi percorso una favolosa carriera lunga oltre 60 anni, costellata di prestigiosi incontri artistici avendo suonato, dalla fine degli anni ’40 alla fine degli anni ’50, nelle orchestre di Julio De Caro, Eduardo Bianco, Juan Canaro, Jorge Caldara, Enrique Mario Francini, Carlos Di Sarli – nomi mitici del tango argentino – e, per i successivi quindici anni, con il celebre gruppo di folklore Los Paraguayos. Oltre che nell’orchestra italiana che porta il suo nome, si esibisce in tutta Europa con il suo sestetto fiammingo Veritango e in varie altre formazioni, ospite delle principali sale concertistiche e festival di tango.
Il repertorio dell’orchestra, di oltre 70 brani i cui arrangiamenti originali sono di Alfredo Marcucci, comprende tanghi, vals, milonghe, poemi e canzoni tra i più suggestivi e conosciuti della tradizione argentina come Danzarín, La viruta, El choclo, Chiqué, Tierra querida, La cumparsita, Arrabal, Milonga de mis amores, Recuerdo, Lo que vendrá, Libertango, Balada para un loco, Sur, Chiquilín de Bachín, Volver, ecc. scritti dai musicisti più importanti della storia del tango – dai mitici pionieri come Arolas, Villoldo, Greco, Delfino, Matos Rodríguez e Gardel, ai primi evoluzionisti degli anni ’30 e ’40 (De Caro, Laurenz), ai grandi compositori degli anni ’50 (Plaza, Mores, Maderna, Troilo) fino al rivoluzionario del tango, Astor Piazzolla.
Direttore e primo bandoneón è Alfredo Marcucci; Gianni Iorio: secondo bandoneón tra i migliori in Europa; Enrico Luxardo, primo violino che suona stabilmente nell’Orchestra del Teatro Regio di Torino; Valentina Nauseo, il secondo violino, affermata concertista solista e da camera; Alessandra Rizzone alla viola e al violoncello Ferdinando Vietti, due solisti che collaborano stabilmente con orchestre e ensemble cameristici; Ciro Cirri è il contrabbassista: tra i fondatori degli Architorti, ha collaborato, fra gli altri, con gli Africa Unite; al pianoforte Marco Fringuellino, che vanta una brillante carriera come compositore e pianista jazz. Sul palco una straordinaria coppia di ballerini danzerà la passione del tango sulle note sensuali scandite dal bandoneón.
- Il 24 agosto a Guspini, nella Miniera di Montevecchio, di recente restituita al suo antico splendore dopo importanti lavori di ristrutturazione, il concerto di una interessante formazione sarda: KELTALOTH. La passione e la ricerca per tutto quello che riguarda le radici celtiche è stata tradotta in linguaggio musicale da questo interessante ottetto. Il progetto, fra i più innovativi degli ultimi anni nel contesto della World Music, si ispira fortemente alla tradizione popolare irlandese e celtica, presenta evidenti influenze rock, jazz e funky, fino ad attingere, per alcune sfumature, al mondo dell’elettronica.
Band di recente formazione, si compone di otto musicisti giovanissimi. Inizialmente nati col nome "Lotus Flower" e in forma di quintetto(Ivan Pili alle armoniche, Max Viani al violino, Klaudio Kalb alle percussioni, Andrea Congia alla chitarra, Matteo Marongiu al basso), assumono, col passare del tempo, un sound più completo e moderno con l’innesto di tre nuovi membri (Nicola Meloni al pianoforte, Paola Pinna alla voce e al flauto, Fabio Perria al basso). I Keltaloth nascono da un’idea del fisarmonicista Ivan Pili, già campione mondiale di categoria, autore della gran parte dei brani presenti nel repertorio.
- Il 27 agosto nella splendida area naturalistica dell’Arena Fenicia di S. Antioco, adibita ad uso teatrale e musicale, perfettamente inserita fra il Museo Archeologico (la Fortezza Piemontese, teatro dell’ultimo attacco barbaresco in Europa, nel 1812) e il Tophet (necropoli fenicio-punica), il concerto con uno dei capiscuola del contrabbasso, RICCARDO LAY, insieme con il suo quartetto. Una visione musicale completa del suo strumento con molte attenzioni per la tradizione e le nuove possibilità del jazz europeo. Jazz istintivo, travolgente, un viaggio tra le rotte del sud, tra territori multiculturali e suoni ancestrali delle isole che attraversano il Mediterraneo e i sobborghi di New Orleans per arrivare fino a Chicago, a Lester Bowie, all’Art Ensemble. Un emozionante progetto sonoro, sintesi di una musica naturale che il contrabbassista sassarese porta avanti da alcuni anni guidato dall’amore per una musica dove le variazioni sono dettate dall’elemento passionale e dall’amore sconfinato per il retroterra culturale a cui appartiene. Uno straordinario quintetto, guidato dallo stesso leader e autore dei brani Riccardo Lay (contrabbasso, voce, percussioni) e composto da Claudio Corvini alla tromba, Marcello Peghin alle chitarre, Pietro Iodice alla batteria. Un viaggio tra la Sardegna e il jazz, per raccontare un’isola sospesa tra tradizioni millenarie e modernità.
- Il 30 agosto nell’incantevole scenario naturale delle Terrazza Exba di Buggerru che domina l’intera area comunale, impreziosita dal sito minerario situato sul costone della montagna e dall’area portuale, sarà protagonista assoluta PATRIZIA LAQUIDARA, l’artista siciliana dal grande talento vocale e compositivo che si sta affermando tra le voci più interessante del panorama nazionale. Nel 2007 con il suo ultimo album "Funambola" pubblicato in Italia su etichetta PonderosaMusic&Art, distribuito da Edel, ritorna, a oltre tre anni di distanza dal penultimo "Indirizzo portoghese" con nuove canzoni prodotta da Aro Lindsay . Il disco le ha permesso di classificarsi tra i primi cinque candidati per l’album piu’ bello dell’anno al Premio Tenco vincendo nello stesso anno il premio Maschera D’oro come "Cantante di musica popolare" consegnato dal Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna, la cooperativa Primafila e Imae, per la valorizzazione del patrimonio musicale nazionale. Un live di canzoni straordinarie che sanno di Brasile, un po’ di Portogallo, e che coniungano per certi aspetti spunti blues con il mondo latino-americano.
Nata a Catania ma residente in Veneto, Patrizia Laquidara e’ cantante, autrice e in più occasioni ha lavorato come performer. Nel 1998 vince una borsa di studio presso il CET, Centro Europa di Toscolano, di Mogol, per il corso autori ed interpreti sulla musica popolare veneta e lombarda e si classifica prima tra i selezionati. Nel 2002 riceve tre riconoscimenti al Premio Città di Recanati : "premio della critica, migliore interpretazione e migliore musica". Nel 2003 vince il premio della critica e il premio per la migliore interpretazione al Festival di Sanremo. Nel 2006 viene invitata come ospite alla Rassegna Premio Tenco. Rappresenta la Voce femminile italiana alla rassegna internazionale di musica etnica e contemporanea "Suoni dell’altro mondo" , dove collabora con musicisti di fama internazionale quali , tra gli altri, Ben Mandelson, Guo Yue, Wu Fei, Nikola Parov, Umberto Petrin, ecc.
Patrizia Laquidara - Mare e Miniere 2008SETTEMBRE
- Il 3 settembre ad Arbus, nella Miniera Pozzo Gal, primo e più importante intervento del Comune di Arbus nel programma di valorizzazione di testimonianze dell’archeologia industriale, l’imperdibile concerto di SERGIO CAMMARIERE. Ospite d’eccezione per Mare e Miniere anche il bravissimo trombettista FABRIZIO BOSSO. Splendido interprete a Sanremo del brano giunto i settima posizione a Sanremo 2008 ”L’Amore Non Si Spiega”, il cantautore di Crotone arriva nei negozi di musica con ”Cantautore Piccolino”, la raccolta contenete i suoi maggiori successi. In contemporanea con l’uscita del disco, l’artista calabrese inizia il lungo tour che lo porterà in tutte le principali città italiane.
Pianista sopraffino e talentuoso interprete di brani dai testi curati e dalla musica coinvolgente, Cammariere è oggi tra i maggiori esponenti della musica d’autore. Un riconoscimento ottenuto attraverso la capacità di abbinare le note della tradizione italiana a sonorità sudamericane, passando per la musica classica e per i grandi maestri del jazz. Dedicato a Sergio Bardotti e Bruno Lauzi, ”Cantautore Piccolino” è la prima raccolta di Sergio Cammariere e nasce dall’esigenza di raccogliere le canzoni dei suoi tre album precedenti, scelte direttamente dal pubblico che Sergio ha incontrato in questi anni dopo i concerti. Nella tracklist, oltre al brano ”L’amore non si spiega”, si trovano: Sorella mia, Libero nell’aria, Le porte del sogno, Dalla pace del mare lontano, Tutto quello che un uomo. Due gli inediti chiamati ad impreziosire il disco: lo strumentale piano solo ”Nord” e ”Le note blu”, pianoforte e voce, una emozionante versione di ”Estate” di Bruno Martino registrata un anno fa per l’album di Fabrizio Bosso. Infine un omaggio, al jazz e a Keith Jarrett, dal titolo ”My Song”.
- Il 5 settembre a Iglesias, nello spazio antistante la Galleria di Villamarina nella Miniera di Monteponi, l’ultimo appuntamento dal vivo con il progetto musicale "Nostra patria è il mondo intero" con Bruno Gambarotta.
Un viaggio che ripercorre attraverso una nuova interpretazione creativa le pagine indimenticabili della musica e della cultura popolare, legate fortemente ai capitoli sociali e civili dell’Italia dal 1860 al 1960. Un percorso nella storia non solo musicale, ma anche ideale, che fa tappa in dodici brani della memoria storica rivisitati con nuovi arrangiamenti freschi e moderni, tra folk-music, raffinato jazz-swing, sorprendenti ricchezze di accenti e imprevedibili soluzioni sonore.
Sul palco il progetto rivivrà tra le magiche atmosfere sonore di musicisti prestigiosi come Mauro Palmas, Elena Ledda, regina incontrastata del canto sardo, Silvano Lobina al basso e Alberto Pisu alle percussioni, accanto ad alcuni ospiti d’eccezione come il clarinettista Gabriele Mirabassi, il pianista Riccardo Leone, Maurizio Geri alla chitarra e la cantante Simonetta Soro, altra voce superba della musica sarda.
Musica, ma non solo: tra i brani della scaletta, che procederanno con un ordine storico-cronologico, prenderanno vita le letture dal piglio ironico, di testi originali scritti e interpretati da Bruno Gambarotta, che condurranno l’ascoltatore, in questa particolare occasione, verso il periodo storico di Giuseppe Garibaldi, quale concerto-tributo alla memoria dell’illustre generale, condottiero e patriota italiano. Un libro avvincente di storia musicale alternativa, nel quale sfogliare, ascoltandole, quelle ricche testimonianze canore della cultura popolare che difficilmente si trovano nelle versioni ufficiali interpretate dallo spirito critico e ironico di Gambarotta, geniale nel saper offrire sempre una lettura pungente della realtà, e nel saper osservare la contemporaneità che nasce da una solida cultura e da un attento spirito acuto.
In scaletta brani come Cassisia agghia ‘intu, la più antica, un canto dei primi del ‘700, nato durante la guerra di successione spagnola, o le canzoni garibaldine tra le quali, Rondinella d’Aspromonte e Camicia Rossa, a quelle della resistenza, come Partigiani chiamateci ancora e Bella Ciao, passando attraverso i canti delle lotte operaie, quelli antifascisti e delle due guerre mondiali. Canzoni capaci di far rivivere i drammi e le sofferenze della guerra e delle lotte politiche e sociali, o anche la semplice gioia di vivere.
*****
Il progetto nella sua veste completamente rinnovata, prende spunto dall’idea originale nata circa dieci anni fa da Mauro Palmas, figura di spicco del panorama della musica mediterranea, che da tantissimi anni segue con passione, oltre ai numerosi disegni musicali, anche un interessante percorso di ricerca teso al recupero della musicale popolare, sarda e non solo. L’intento come allora, muove ancora ma in chiave più attuale, il desiderio di riportare in superficie, senza pretese revisionistiche, le pagine archiviate della musica e della cultura popolare attraverso un equilibrato rigore filologico ed un necessario senso critico che il tempo e lo sviluppo della storia impongono. Così a volte ritornano, perché, come spiega lo stesso artefice, leader dei Sonos, Suonofficina, plettrista, cantante, e autore di splendide colonne sonore per film d’epoca (Cainà, Cenere, L’Ultimo pugno di terra, Visioni di Sardegna): <>.
Il progetto è stato pubblicato su CD nel ’98. Documenta l’omonimo spettacolo, basato appunto sul recupero della canzoni popolari e di lotta. Anche in quella occasione Mauro Palmas si è circondato degli stessi musicisti straordinari con cui presenta oggi lo spettacolo dal vivo. Un concerto imperdibile, di ottima musica e storia, insieme.
Rassegna cinematografica e serate "Cinema d’Autore"
Nel corso della manifestazione sono previste circa 18 proiezioni di film all’aperto, con una particolare attenzione al cinema sardo. Nel programma anche due serate dedicate al "Cinema d’Autore" con professionisti del mondo cinematografico. Attori e registi animeranno dibattiti e incontri dopo la proiezione della pellicola.
Degustazioni enogastronomiche
Due serate dedicate alle tradizioni enogastronomiche: il 13 agosto a Villamassargia in occasione dello spettacolo ETNIKA che vede protagonista l’ètoile RAFFAELE PAGANINI (13/08) e il 19 agosto a Gonnesa per l’appuntamento con MARCELLO PEGHIN e il suo emozionante progetto ARGYRÓPHLEPS NESOS (19/08).
Organizzazione:
Società Umanitaria
Centro Servizi Culturali
Carbonia
Tel. 0781 671527
Tel. 0781 670819
Fax 0781/662312
Indirizzo Mail:
umanitaria.carbonia@tiscali.it

Vendi di tutto Subito.it