Archivio

Archivio 31 Ottobre 2008

EVENTI – Mediterraneo Film Festival nel Sulcis Iglesiente

31 Ottobre 2008 Commenti chiusi

Risparmia acquistando online! Clicca qui!

EVENTI

MEDITERRANEO FILM FESTIVAL NEL SULCIS IGLESIENTE

Torna un importante appuntamento per la nostra Provincia. Si tratta del Mediterraneo Film Festival e certamente rappresenta un evento importante che avrà come scenario il nostro territorio. Il Mediterraneo Film Festival, alla seconda edizione dopo quella del 2006, si vuole proporre all’attenzione del pubblico nazionale e internazionale per le sue finalità che riguardano essenzialmente la conoscenza delle produzioni audiovisive più recenti nell’ambito del cinema prodotto nell’area del Mediterraneo. La cinematografia, ma l’espressività culturale in genere, rappresenta un efficace e molto potente strumento di conoscenza delle diverse realtà, dei popoli, delle tradizioni e delle culture più o meno distanti, non solo dal punto di vista geografico ma anche psicologico. Queste diversità fanno sì che il Mar Mediterraneo sia diventato nel corso dei secoli un patrimonio sociale e culturale unico al mondo. Ma il Mediterraneo Film Festival si propone anche lo scopo di fornire ai ragazzi degli strumenti utili per capire cosa sia la cinematografia, dall’idea alla realizzazione di un film, attraverso corsi, seminari ed incontri con autori. Rappresenta insomma un appuntamento molto importante per il cinema, sia per la parte concettuale e delle idee, che per quel concerne la parte più pratica e realizzativa. In questa prima edizione verrà quindi rivolto lo sguardo essenzialmente al mondo degli adolescenti, dei ragazzi, dei giovani, attraverso il linguaggio della Cinematografia dell’area mediterranea. Non solo. La manifestazione è collegata anche alla "Rassegna del Cinema del lavoro e di migrazione". I numerosi eventi in programma verranno realizzati tra Carbonia ed Iglesias nel periodo compreso tra il 3 ed il 15 novembre. La scelta da parte degli organizzatori, in particolare del Centro Servizi Culturali Società Umanitaria di Iglesias, di realizzare un evento dedicato al Cinema è dovuta a tutta una serie di considerazioni. Innanzitutto il cinema, grazie alla ricchezza dei suoi contenuti, dei linguaggi e alla varietà delle sue forme narrative, può e deve contribuire non solo a ravvicinare le persone e i popoli, ma può anche indicare le vie di una solidarietà credibile e duratura. Altra considerazione fatta dagli organizzatori è che la maggioranza dei cittadini dei paesi della sponda meridionale ed orientale del Mediterraneo sono molto giovani. La fascia d’età dai 12 ai 25 anni rappresenta una fetta consistente della popolazione ed un aspetto importante della cultura dei paesi dell’area mediterranea. E sono proprio i giovani ad essere i più coinvolti da quel forte movimento di persone che si muoves da sud verso nord, per motivi di lavoro, ma anche da nord verso sud, per motivi turistico-culturali; rappresentando quindi il veicolo più naturale di contaminazione fra popoli e persone. Lo sguardo attento della macchina da presa, l’intreccio cinematografico, possiedono quella emotività che permette di scandagliare, con i suoi plot drammatici, il percorso delle identità dei cittadini del Mediterraneo. Il Cinema è quindi senza dubbio il mezzo più idoneo fra le espressioni della cultura popolare per documentare e raccontare la vita, le esperienze, gli incontri, a volte problematici delle nuove generazioni. Il progetto Mediterraneo Film Festival è curato e sviluppato dal Centro Iniziative Culturali ARCI-IGLESIAS e vede la collaborazione della Società Umanitaria e Cineteca Sarda, dell’Unione Italiana Circoli del Cinema (UCCA), della Federazione Italiana Circoli del Cinema (F.I.C.C.), dell’ARCI Regionale e Provinciale, oltre al patrocinio del Comune di Iglesias, del Comune di Carbonia, della Provincia di Carbonia-Iglesias e della Regione Sardegna (Assessorato alla Cultura). Il programma è sicuramente ricchissimo e molto intenso. Del resto il comitato scientifico del festival è una garanzia in quanto è composto da nomi e registi che hanno già una notevole esperienza e fama in campo cinematografico: Ugo Gregoretti (Presidente), Mimmo Calopresti, Gianfranco Cabiddu, Antonello Carboni, Giovanni Columbu, Antonello Grimaldi, Alessandra Guarino, Wilma Labate, Salvatore Mereu, Enrico Pau, Enrico Pitzianti. Come detto, sono moltissimi gli eventi, le proiezioni, gli incontri, i seminari e i dibattiti in programma. Saranno tanti i film proiettati e che rappresentano il perno del Festival. Lungometraggi più o meno recenti, che testimoniano la vivacità del cinema dell’area mediterranea, con un occhio al mondo del lavoro. Da "Io, l’altro"(2006) con Raoul Bova incentrato sulla "paura dell’altro, del musulmano" a un classico come "La classe operaia va in paradiso" (1971) ritratto della vita in fabbrica negli anni settanta; poi il recentissimo "Birdwatchers – La terra degli uomini rossi" (2008) del regista Marco Bechis, una coproduzione italo-brasiliana che narra il conflitto tra fazendeiro e indios per il diritto a lavorare sulle loro terre; e ancora "La fabbrica dei tedeschi" (2008) di Mimmo Calopresti, film-documentario che racconta, attraverso testimonianze e interviste la tragedia della ThyssenKrupp nella quale persero la vita sette operai nella notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007; "Tutta la vita davanti" (2007), l’ultimo film di Paolo Virzì ambientato nel mondo lavorativo dei call center; il bellissimo film francese "La classe" (2008), una meravigliosa storia, ambientata nella Banlieue parigina, di una classe multiculturale di quattordicenni divisi tra il desiderio di imparare, di diventare grandi e il rifiuto per tutto quello che rappresenta la scuola.. Altri titoli in programma sono poi  "Cous Cous" (2007), "Caos Calmo", "Scusa ma ti chiamo amore" (2008), "Caramel", "Apollon. Una fabbrica occupata", "Storia d’amore" (1986), insieme a tutta una serie di interessantissimi documentari e cortometraggi. Sono previsti poi tutta una serie di seminari, dibattiti e incontri con personaggi più o meno noti del mondo del cinema ma anche della letteratura come, solo per citarne alcuni, i registi Nadine Labaki, Guido Chiesa, Mimmo Calopresti, Marco Bechis, Antonello Grimaldi; gli attori Flavio Bucci, Giulio Santamaria; il regista e scrittore Flavio Moccia (nella foto), che presenterà il suo ultimo libro "Amore 14". Il programma completo del Mediterraneo Film Festival può essere visionato sul portale internet http://www.mediterraneofilmfestival.com/ in cui è possibile trovare tutte le informazioni necessarie sugli appuntamenti previsti, dalle proiezioni ai dibattiti ai seminari.

Risparmia acquistando online! Clicca qui!