Archivio

Archivio 16 Marzo 2009

Sciopero: in 20 mila per il Sulcis Iglesiente

16 Marzo 2009 Commenti chiusi

 

 

CARBONIA

SCIOPERO: IN 20 MILA PER IL SULCIS IGLESIENTE

Un territorio, una Provincia "chiusa per sciopero". Erano in 20 mila (15 mila per la Questura) le persone che sabato hanno sfilato lungo le vie di Carbonia per esprimere la loro solidarietà ai lavoratori dell’Eurallumina che sono rimasti senza lavoro. Lo sciopero generale di 24 ore di tutto il Sulcis Iglesiente, indetto dai sindacati Cgil, Cisl e Uil, ha manifestato un forte malessere diffuso per un territorio che lentamente sta morendo, soffocato da una crisi che non conosce soste. E da piazza Roma, dove si è chiusa la manifestazione, questo segnale è emerso forte, sia da parte degli operai delle fabbriche in crisi (Eurallumina, Portovesme Srl, Alcoa e Rockwool) che dai lavoratori della Carbosulcis, delle imprese d’appalto, comprendendo anche la solidarietà di tutti quei commercianti che hanno chiuso i loro negozi, degli agricoltori con trattori e bandiere della Coldiretti e di semplici cittadini: tutti a manifestare per chiedere un nuovo modello di sviluppo per il nostro territorio.
I sindacati hanno promesso che faranno pressione sulla Giunta regionale perché intervenga con misure straordinarie a sostegno del lavoro e dei lavoratori, attraverso maggiori tutele sociali da inserire nella Finanziaria 2009. Mentre i sindaci dei comuni di tutta la provincia, per bocca di Salvatore Cherchi, sindaco di Carbonia, chiedono alla Regione e al Governo di intervenire e fare ciascuno la propria parte, insieme ad un appello ai manifestanti e tutto il territorio a non arrendersi e a non rassegnarsi.
Cosa succederà ora ?